Game Over – Iacobelli: “La vittoria con il Lecce buon segno per la storica sfida col Villarreal”

2
52

gameover

Appuntamento con "GAME OVER", la rubrica settimanale di approfondimento e di analisi curata da mister Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET.
Non vincere contro questo Lecce sarebbe stato un suicidio, perchè i salentini, senza i giocatori più importanti (Di Michele, Olivera, Carrozzieri) pecca troppo di esperienza per poter impensierire una squadra come quella partenopea.
Dopo il bruciante pareggio di martedì era però fondamentale ripartire con la giusta convinzione e il Napoli l'ha fatto, ritrovando le reti di Cavani e Lavezzi oltre che le importanti indicazioni arrivate dai nuovi acquisti. Pandev ha riconfermato i progressi fatti contro la Juventus, Dzemaili ha trovato la via del gol e non solo, Fideleff ha fatto vedere ottime giocate difensive, proprio quelle che gli erano mancate fino adesso e Fernandez ha dato prova di poter essere un difensore di sicuro affidamento. 
Altro elemento da non sottovalutare è che questa prestazione positiva è arrivata alla vigilia di quella che potrà essere una partita storica per i colori azzurri. Prima di questa vittoria interna con il Lecce, infatti, il Napoli aveva sempre steccato in campionato prima degli impegni di Champions. Non questa volta, proprio prima della gara più importante. E' un segnale da non sottovalutare perché non è facile concentrarsi al cento per cento prima di un incontro come quello di mercoledì. 
E adesso proviamo a realizzare un sogno. Chi l'avrebbe mai detto? Sembra quasi impossibile, ma sta succedendo. Il Napoli si sta giocando l'accesso alle migliori sedici d'Europa. Un traguardo incredibile per qualsiasi squadra, figuriamoci per una realtà come quella partenopea, una squadra che non assaggiava la Champions da più di vent'anni e che solo una volta nella sua storia è riuscita a centrare gli ottavi di finale.
Già mi immagino in uno stadio completamente giallo, uno spicchio azzurro che canta e sostiene i nostri 11 leoni, 11 gladiatori pronti a realizzare il nostro grande sogno. Mercoledì 7 Dicembre 2011. Stadio Madrigal. Appuntamento con la storia.
 
Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET

Condividi
Articolo precedenteGennaro Scarlato (ex calciatore del Napoli): “Hamsik deve giocare sempre”
Prossimo articoloChampions League, Girone A: Le quattro prima della sesta
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


2 Commenti

  1. Caro mister, uscendo dall’argomento trattato, suggerirei di spendere due parole sui rubentini.
    Secondo me, sono tornati. Ma la cosa grave non è solo il rigore inesistente concesso da quella specie di arbitro a loro favore domenica contro il cesena, bensì il fatto che si sono “aggiustati”, sempre grazie agli arbitri rubentini, anche la partita contro la roma, per il fatto che contro la fiorentina ne sono stati espulsi addirittura tre, compreso juan, il quale aveva subito il falla da jovetic e non commesso.
    Questi sono i problemi gravi del nostro calcio. Se devo assistere ad un campionato del genere, mi viene il voltastomaco.
    Evviva la legalità, abbasso la rubentus.

  2. Forza Napoli..fossero questi i problemi del calcio…sarebbe una grande cosa!Noi pensiamo alla nostra squadra…a quello che faranno gli altri ci penseranno gli altri… Il rigore contro la Juve si commenta da solo, ma i bianconeri sono lì meritatamente…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here