De Laurentiis: “Ora voglio un Napoli affamato di vittorie anche in campionato”

2
13

delaurentiis08In occasione del Premio Efesto-Unione industriali di Napoli, conferito per i meriti europei del suo Napoli e della valorizzazione della piazza, il Presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha rilasciato alcune dichiarazioni sintetizzate da NapoliSoccer.NET: "Contro il Lecce e non solo mi aspetto un Napoli affamato di vittorie. Ora è inutile guardare la classifica il campionato è lungo e tutto è ancora in gioco. Contro la Juventus, resto sempre dell'idea che abbiamo vinto 4-3 battendo la squadra più in forma del campionato. Hamsik aveva segnato il rigore, e di certo la colpa non è sua se dietro di lui i calciatori della Juventus sono entrati in area. Comunque ora guardiamo avanti e l'unica cosa che conta è il Lecce, ho detto alla squadra di affrontate i pugliesi come hanno fatto con la Juventus, e di non pensare la Champions perchè oltre alla gara con il Villarreal c’è un campionato da disputare. Mi aspetto in Spagna un Napoli grintoso e che faccia 12 punti nelle quattro partite che mancano prima di Natale. Possiamo e abbiamo la possibilità di riportarci in testa, perchè ci aspettano delle gare alla nostra portata. Se il Napoli dovesse continuare a far strada nell’Europa che conta arriveranno sicuramente dei rinforzi. Per ora porte chiuse a nuovi arrivi, soprattutto a calciatori di una certa età. Si parla molto di Inzaghi ma non è al caso del Naapoli, puntiamo sui giovani come abbiamo sempre fatto. Sono molto orgoglioso delle dichiarazioni del presidente del Bayern Monaco Rummenigge, lo ringrazio non solo per aver assicurato che la sua squadra farà il suo dovere contro il Manchester, ma anche e soprattutto per aver detto, da uomo di calcio, che le mie idee lo hanno impressionato. Questo è il complimento più bello che poteva farmi".

Domenico Ascione – Redazione NapoliSoccer.NET

2 Commenti

  1. Finalmente te ne sei accorto che solo attraverso il campionato si va in champions…a volte mi stupisci e se mazzarri dice che ci si stanca a fare molte partite allora andiamo da Messi e C. Ronaldo chiediamogli come fanno a giocare sempre e ovunque senza mai stancarsi…essere campioni non significa essere dei robot…quindi? Come la mettiamo?

  2. Secondo me, caro presidente, l’anno scorso eravamo più forti per tre motivi:
    1) l’attacco è rimasto invariato, con la differenza che cavani segna di meno;
    2) il centrocampo, con la partenza di pazienza e yedba, si è privato di gente che era ben collaudata negli schemi di mazzarri e, inoltre, rispetto ai vari inler e dzemaili correva molto di più;
    3) la difesa, nei titolari è rimasta la stessa con le medesime pecche. Gli attuali sostituti, dopo la partenza di ruiz, sembrano scarsi, tranne fernandez. Il paradosso è che il problema del difensore sinistro è rimasto irrisolto, infatti il napoli bene ha fatto ha rafforzare la parte destra !!!!!

LASCIA UN COMMENTO