Maione: “Con Pesaro sarà una finale”

0
33

Il presidente della Eldo presenta la gara con i marchigiani: «Se giochiamo come negli ultimi tempi possiamo vincere»
Poche ore e poi la Eldo potrà finalmente dimostrare di che pasta è fatta. Domani pomeriggio (ore 14.30 diretta SkySport2) la formazione di coach Bucchi a Pesaro si giocherà gran parte delle proprie speranze di qualificazione ai play off. Napoli deve vincere, vincere possibilmente ribaltando anche la differenza canestri, dal momento che all’andata perse di 11 lunghezze in un infausto pomeriggio domenicale di novembre al PalaBarbuto. La Eldo se vuole accedere alla post season dovrà in queste ultime nove giornate compiere un mezzo miracolo. Il presidente Maione ci crede e lo dimostra anche a Radio Goal. “Dobbiamo ragionare di partita in partita –esordisce il numero uno azzurro -, ci guardiamo dietro e vediamo che le altre sono sempre più lontane. Avanti c’è uno spiraglio e noi dobbiamo approfittarne. Questo è stato un anno terribile della mia gestione, c’è un grosso rammarico per come sono andate le cose, ma devo anche ammettere che c’è una grande soddisfazione per questo nostro rilancio dopo una partenza balbettante fatta anche di scommesse sbagliate. Sono contento perché abbiamo fatto ricredere tanti critici che ci avevano dati per spacciati. La gara contro Pesaro per noi rappresenta una vera e propria finale, ma se giocheremo come stiamo facendo in questo ultimo periodo sono convinto che potremo farcela. In sette anni di presidenza abbiamo sempre frequentato il tavolo delle grandi, quest’anno non ci siamo riusciti appieno, ma possiamo ancora rientrare nella corsa e dire la nostra. Voglio già porre le basi anche per l’anno prossimo. Cercheremo di assecondare la volontà di Jumaine Jones che vuole rimanere a Napoli prolungandogli il contratto. Inoltre sia Blums che Rocca hanno un accordo con noi anche per l’anno prossimo, anche se Mason ha una clausola in uscita. Mi dispiace però registrare lo stato di stallo del Mario Argento. Certo mi piacerebbe che la situazione del Project Financing si sbloccasse, perché senza un palazzetto adeguato non si può andare avanti. Ribadisco insomma quello che ho sempre detto: senza il Mario Argento sono pronto a lasciare tutto!”. Ma al momento occorre concentrare le energie sul match di domani pomeriggio. Partita dai forti contenuti emotivi per il general manager azzurro. Ario Costa, infatti, a Pesaro ha un pezzo di cuore, ma nonostante questo vuole che la Eldo dia un dispiacere alla sua Scavolini: “Stiamo bene, senza problemi fisici, siamo finalmente competitivi anche in allenamento. È un piacere entrare nel nostro spogliatoio e sentire il feeling che c’è fra i giocatori, fra tutti noi. Certo, siamo consapevoli dei mesi di lavoro buttati via, sappiamo che la situazione è difficile, ma ci crediamo”. Contro la Eldo domani pomeriggio, inoltre, Carlton Myers potrebbe festeggiare i suoi 11000 punti in serie A (596 presenze). La quota è a soli 12 punti e l’ex portabandiera dell’Italia a Sydney 2000 potrebbe tagliare il prestigioso traguardo proprio contro la Eldo. Infine il bilancio tra le due formazioni dice che tra Napoli e Pesaro vige un sostanziale equilibrio. Su 18 sfide la Scavolini ha battuto gli azzurri in dieci occasioni. Al Bpa Palas il bilancio è molto più sproporzionato con i biancorossi che in sette occasioni su nove hanno fatto valere il fattore campo. Arbitrerà il match la una terna di lusso formata da Facchini-Sahin-Materdomini. 

Articolo tratto da: Il Roma

Condividi
Articolo precedenteVela, Coppa America: New Zealand attacca
Prossimo articoloMotogp: Integratore ai mirtilli per correre di notte
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

LASCIA UN COMMENTO