Equità di giudizio?

18
31

Da involontari protagonisti ad attenti spettatori, ora aspettiamo le decisioni del CASMS.
Napoli, il Napoli ed i tifosi azzurri, vittime involontarie del comportamento di pochi esagitati, ora attendono gli sviluppi di quello che è l’ennesimo episodio di accoltellamento in occasione di partite casalinghe della Roma. E’ giunto il momento di capire se Napoli, il Napoli ed i tifosi azzurri sono vittime predestinate oppure se la legge è veramente uguale per tutti.
La cronaca racconta di un accoltellamento nelle immediate vicinanze dell’Olimpico di un tifoso della Reggina. Addirittura è stato arrestato l’aggressore, riconosciuto con certezza in Curva Sud e già noto alle forze di polizia come appartenente ad un gruppo ultras. I fatti sono chiari ed assodati, l’aggressore è stato individuato in curva e monitorato per tutto l’incontro con le telecamere. Al termine della partita, durante il deflusso degli spettatori, è stato bloccato ed arrestato. L’uomo era già noto per fatti analoghi, in quanto era stato arrestato per lancio di oggetti e fumogeni contro le forze dell’ordine in occasione del derby Lazio-Roma del 21 marzo del 2004, nonchè per il porto di un coltello a serramanico e per questo sottoposto alla misura del divieto di accesso per tre anni ai luoghi ove si svolgono competizioni sportive.
Ed ora si attendono le decisioni del CASMS e del ministro Maroni che sicuramente saranno proporzionate alla gravità del fatto ed equamente applicate così come in occasione dei fatti di Roma-Napoli.
Napoli, il Napoli ed i tifosi azzurri seguiranno la vicenda!
Gianni Doriano – Redazione Napolisoccer.NET

18 Commenti

  1. politica a parte, ci aspettiamo dal ministro maroni una montagna di chiarimenti……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..
    Un caloroso compiacimento ai leoni in campo ed ai signori tifosi sugli spalti

  2. vorrei far presente solo una cosa, roma – napoli qualche idiota provoca piccoli incidenti risultato grande risonanza deimedia sul teppismo napoletano (?????) e roma accoltellano un tifoso reggino e non si legge niente del genere ne sui giornali ne sui siti di informazione.bene bene bene!

  3. Salve, beh ieri nelle trasmissioni sportive non è stata detta una parola !!! I direttori dei Giornali campani e i proprietari dei siti calcistici napoletani devono farsi sentire !!! Ma soprattutto spero che lo faccia la Società, perchè tanto si sa che non verranno presi provvedimenti.
    Ciao e Forza Napoli

  4. Ragazzi ma perchè non segnaliamo questo articolo nelle caselle e-mail di tutti i telegiornali?? E magari anche a tutte le caselle mail del coni e della figc??
    Servirà a poco o niente, e sono daccordo ma magari se in 20 di noi mandiamo la mail a 10 caselle di posta (tra tg, coni e fids) magari qualcuno la legge…

  5. ragazzi state facendo confusione!!!!
    perchè mai dovrebbero punire la a.s.roma.per qualcosa in cui è già stato trovato un colpevole.
    la responsabilità oggettiva viene a decadere(giustamente).
    qualora non ci fosse stato l’arresto ,la a.s. roma avrebbe risposto come se il tifoso reggino l’avesse accoltellato lei.
    in italia non serve fare prevenzione ,non serve fare leggi o adottare misure tali da evitare il peggio,in italia serve semplicemente trovare un colpevole.
    per i fatti accaduti il 31/08 nella trasferta dei tifosi napoletani ,la sentenza emanata ne è la prova più evidente :non fa assolutamente niente se il guiudice tosel ha applicato “ad capocchiam” gli articoli del codice di giustizia sportiva ,nè serve fare ricorso o scomodare arbitrati vari nè camere di conciliazione ,oramai il colpevole si è trovato e per tutta l’italia basta questo!!

  6. ma perchè diamine i giornali e la stampa non parla del fatto gravissimo avvenuto a roma? In particolar modo sportmediaset non NE PARLA PROPRIO……è uno schifo….ribelliamoci

  7. per quanto riguarda le segnalazioni ai tg credo che sia una cosa buona….e ogni volta che è necessario bisogna farlo….ora elenco gli indirizzi dei principali tg:
    tg1@rai.it
    tg2@rai.it
    primopiano@rai.it
    redazione.tg5@mediaset.it
    studioaperto@mediaset.it
    redazione@tgcom.it
    info@studiosport.it
    controcampo@sportmediaset.it

    inviate delle mail di protesta circa l’equità di giudizio tra quello che accade a Napoli e ciò che accade altrove…..fatelo è un nostro diritto

    forza napoli

  8. Ho scritto alle redazioni della gazzetta e del corriere dello sport chiamandoli prezzolati al soldo di questo governo come la maggior parte dei giornalisti in Italia , ormai e´evidente che i giornalisti sono cani alla catena, che che scrivono a comando,quando e cosa vogliono: gli editori, ed i politici, hanno immolato la loro liberta´ di opinione e la loro obiettivita´ al dio denaro , come mai non e´stata fatta nessuna campagna di stampa per i fatti avvenuti a Roma, come quella ignobile orchestrata insieme al ministro di questo governo razzista ,forse credono che tutta la popolazione sia ottusa ed ignorante , che crede a tutto quello che gli propina ******** e il suo governo, per fortuna non e´ cosi´ e se ne accorgeranno , bastera`dargli corda fino a quando non si impiccheranno da soli. Mi auguro che la gente si svegli presto altrimenti poveri noi.

  9. Ecco le decisioni del GIUDICIONE TOSEL:
    1) SERIE A TIM
    Gare del 20-21 settembre 2008 – Terza giornata andata
    In base alle risultanze degli atti ufficiali si deliberano i provvedimenti disciplinari che seguono,con riserva dell’assunzione di altre eventuali decisioni in attesa del ricevimento degli elenchi di gara:

    a) SOCIETA’
    Ammenda di € 2.000,00 : alla Soc. INTERNAZIONALE per avere suoi sostenitori, al 28° del primo tempo, acceso un fumogeno nel proprio settore; entità della sanzione attenuata ex art. 13 comma 1 lettere b) ed e) e comma 2 CGS per avere la Società concretamente operato con le forze
    dell’ordine a fini preventivi.
    Ammenda di € 1.000,00 : alla Soc. BOLOGNA,FIORENTINA E PALERMO a titolo di responsabilità oggettiva per aver
    ingiustificatamente ritardato l’inizio della gara di circa tre minuti.

LASCIA UN COMMENTO