Il personaggio della settimana: Luigi Vitale

5
103

21 anni, di Castellammare di Stabia (come Iezzo e Quagliarella), laterale sinistro nel centrocampo a 5 del Napoli, dopo essere cresciuto nelle giovanili di Sorrento e Napoli ed aver disputato la scorsa stagione a Lanciano per farsi le ossa è tornato quest’estate alla base. Il doppio onore di debuttare da titolare con la maglia azzurra del Napoli ed in Europa, nella sfida di Intertoto contro i greci del Panionios. Da quel giorno non ha più lasciato quella maglia da titolare, risolvendo i problemi fatidici che pativa il Napoli in quel ruolo. E’ a Luigi Vitale che dedichiamo la nostra rubrica settimanale nell’edizione inaugurale, la prima. La voce c’era e alla vigilia di questa stagione girava sempre più incessante intorno al club di De Laurentiis. Finalmente era arrivato il momento di puntare su un prodotto fatto in casa, ma soprattutto rimasto in casa e non finito nelle mani di club, italiani e stranieri, che troppo spesso in passato ed ancora oggi "rubano" giovani talenti alla nostra regione a suon di Euro. Gigi ha voluto la casacca azzurra, quella che ad ogni napoletano regala sensazioni particolari, uniche. Il Napoli ha voluto lui. Un matrimonio che si spera sia solo all’inizio e che duri davvero tanto. Nell’esordio in campionato all’Olimpico l’emozione aveva rischiato di fargli un brutto scherzo. Un pò impacciato ed insicuro ci aveva messo un pò a metabolizzare l’esordio  in un tempio del calcio come l’Olimpico contro una favorita allo scudetto. Domenica è stata forse la sua consacrazione come qualcosa più di una promessa. Nei 90 minuti contro i viola il ragazzo ha mostrato sicurezza, velocità e padronanza delle sue qualità, e non tutti i suoi colleghi coetanei godono di ciò. I 15 giorni di pausa sembrano avergli permesso di lavorare proprio sulle sbavature viste a Roma. Nell’azione del 2-1 di Maggio un suo inserimento da plauso, una finta su Santana ed un cross efficace, nonostante la scoordinazione, hanno permesso al Napoli di vincere un match importantissimo. Se i miglioramenti saranno esponenziali, e se soprattutto Luigi non verrà caricato di troppe responsabilità, ci aspetta un futuro campione, una bandiera del Napoli, si spera.
Fabio De Francesco – Redazione Napolisoccer.NET



5 Commenti

  1. diciamo che eravamo tutti terrorizzati dal fatto che dalla campagna acquisti non era arrivato un terz sin, pero vitale e mannini credo che sapranno farsi valere. sono 2 giovani di ottime prospettive… bisogna solo aspettarepoi i frutti si vedranno.

    cmq perla crescita di vitaleva dato grande merito a reja

  2. Finalmente un ragazzo di Napoli ha la possibilita´di dimostrare il suo valore, gli anni scorsi ho imputato a Reja la colpa di non aver lanciato nessun giovane,ma visto il risultato va bene cosi´. Ora mi, e gli auguro che non si monti la testa e di non fare la fine di molti napoletani che hanno debuttato nel Napoli prima di lui (Carannante , e Musella su tutti ), e di essere sempre umile ed avere sempre voglia di apprendere e di sacrificarsi come i vari Hamsik Gargano e gli altri giovani che hanno voglia di imporsi nel mondo, del calcio come nella vita, tanto, il gioco vale la candela.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here