I prossimi avversari: la Fiorentina

0
22

Nella prossima partita di campionato l’avversario del Napoli sarà la Fiorentina di mister Prandelli. I viola, nell’ultima campagna acquisti, hanno saputo rinforzare quella che già lo scorso anno era considerata un’ottima squadra. A buona ragione, quindi, gli addetti ai lavori ritengono che la formazione gigliata, completa in ogni settore del campo, almeno sulla carta, ha raggiunto un livello qualitativo tale da essere quasi allo stesso piano delle migliori formazioni del campionato italiano.
Il tecnico fiorentino Prandelli può contare su un parco giocatori di ottimo livello, giustamente bilanciato tra giovani di buona prospettive e “veterani” di sicuro rendimento. In quest’ottica è ampiamente da elogiare l’operato della società che ha permesso alla Fiorentina di inserire nel suo già collaudato organico giocatori come Vargas, Comotto, Zauli, Melo, Almiron e Gilardino su tutti.
Come di consueto, Prandelli schiererà i suoi secondo il modulo 4-3-3. Il forte portiere francese Frey (poco profeta in patria visto che il CT della nazionale proprio non lo vede titolare) difenderà la porta gigliata. Davanti a lui la difesa schierata a quattro, che dovrà sopperire all’assenza dell’ottimo Gamberini (il giocatore si è infortunato nella partita Cipro-Italia), vedrà titolari – con ogni probabilità – l’ex laziale Zauri e l’ex catanese Vargas sulle corsie laterali, entrambi alla prima stagione con i viola, ma dalle qualità ben note. Infatti, le caratteristiche spiccatamente offensive dei due difensori laterali consentono alla Fiorentina di sviluppare un’enorme mole di gioco sulle fasce con veloci sovrapposizioni. La coppia centrale di difesa sarà costituita da Kroldrup e Dainelli, difensori sicuri non facilmente superabili.
A centrocampo, vista l’assenza per squalifica del brasiliano Felipe Melo, neo acquisto dei viola che ha dato già prova delle sue capacità, dovrebbero essere titolari Montolivo (fresco dell’esperinza con la nazionale olimpica ai giochi di Pechino), Donadel (che per le sue caratteristiche più difensive garantisce maggior copertura alla squadra) e Almiron (che pur venendo da una brutta stagione ha la fiducia del tecnico) con Kuzmanovic in panchina, pronto ad entrare alla bisogna.
In attacco pare certo il rientro di Adrian Mutu, che ha risolto i problemi fisici ed ha apertamente dichiarato di aver gran voglia di giocare. Il rumeno sarà affiancato da Santana (che nel trio di attacco occuperà la posizione sinistra) e da Gilardino (smanioso di dimostrare il suo valore dopo la deficitaria esperienza milanista) che giostrerà al centro dell’attacco viola. In panchina giocatori del calibro di Pazzini e Osvaldo garantiranno al tecnico valide alternative.
I viola sono caricati e smaniosi di vincere ma sono ben coscienti delle difficoltà che incontreranno in campo vista la qualità della squadra partenopea, che al San Paolo, nella scorsa stagione, ha dato ampie dimostrazioni della propria forza. La partita si annuncia avvincente e spettacolare, peccato che qualcuno ha deciso di renderla meno spettacolare sugli spalti, chiudendo le curve per partito preso!

Gianni Doriano – Redazione Napolisoccer.NET

SHARE
Previous articleFabio Cannavaro: “Voglio giocare un anno a Napoli”
Next articlePrefetto non autorizza ingresso abbonati in altri settori
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

LEAVE A REPLY