Sacchi: “Empoli esempio da seguire. Mannini mi è sempre piaciuto”

0
25

L’ex ct della Nazionale, Arrigo Sacchi, è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss, rilasciando alcune dichiarazioni: “Bisogna avere pazienza con il Napoli che è una squadra giovane e che sta facendo una nuova esperienza nella massima serie. I risultati sono buoni, anche se in trasferta i punti non arrivano. Al momento c’è ancora una grande differenza tra le partite ed i risultati che arrivano quando gioca davanti al pubblico amico. Perché le squadre italiane non si svecchiano? A mio avviso si deve credere di più nel gioco, invece in Italia si crede più nel singolo e quindi non si rischia e si prendono solo giocatori navigati. Chi sa vive nel futuro e chi non sa nel passato.
Bisognerebbe sempre perseguire la strada dei giovani, ma sempre in un ambiente adatto, devono esserci prospettive e soprattutto allenatori che sappiano insegnare, altrimenti sarebbe tutto inutile. L’Empoli del presidente Corsi, è l’esempio da seguire. Lì c’è competenza e pazienza, nella loro storia si sono tolte grandi soddisfazioni. Corsi ed il direttore Vitale hanno creato una interessantissima fucina di giovani grazie ad una straordinaria organizzazione societaria. Calaiò? Ha sempre fatto bene nella serie cadetta, ma in serie A non ha dimostrato nulla. Mannini mi è sempre piaciuto: lo volevo portare a Parma quando lavoravo con i Tanzi, ma poi finirono i soldi per il fallimento della Parmalat e non se ne fece più niente”.

Redazione NapoliSoccer.NET

LASCIA UN COMMENTO