Riceviamo e pubblichiamo il Comunicato della FISSC

8
20

La FISSC (Federazione Italiana Sostenitori Squadre Calcio), che raggruppa le principali tifoserie organizzate legalmente costituite ed operanti delle squadre di calcio italiane, riunitasi oggi in assemblea nazionale a Milano, in merito agli avvenimenti che hanno caratterizzato, purtroppo negativamente, l’inizio del campionato di calcio,

stigmatizza

il comportamento di personaggi che nulla hanno a che vedere con la connotazione del TIFOSO ed al contempo evidenzia, con rammarico, il mancato coinvolgimento della stessa FISSC nelle  decisioni assunte dalle Autorità competenti.

                                                                             osserva

che fino ad oggi, nonostante i ripetuti provvedimenti emanati dai vari Organismi deputati, l’obiettivo “calcio sicuro” resta ancora un traguardo molto lontano. Proprio alla luce di ciò  la FISSC

                                                                             rivendica

la propria presenza in sede decisionale, nonché nelle sedi  propositive competenti per dare un contributo alla predisposizione di quei provvedimenti legislativi che gioco forza dovranno essere ulteriormente assunti e/o integrati.

La FISSC ritiene di meritare tale collocazione forte dell’esperienza maturata sul campo quale rappresentante delle tifoserie organizzate non violente. Come si può pensare di escludere l’Organismo di massima rappresentanza nazionale dei tifosi quando c’è da discutere di provvedimenti che hanno come destinatari i tifosi medesimi. I tifosi napoletani muniti di regolare biglietto che aspettavano soltanto di potersi imbarcare sul treno diretto a Roma sono stati infatti le prime vittime del malfunzionamento del sistema calcio. A questo punto ci sia consentito di interrogarci, per esempio, sulla efficacia del “biglietto nominativo” nel momento in cui chiunque ne può venire in possesso. Infatti  se  centinaia di tifosi napoletani muniti di biglietto nominativo risultano coinvolti in precedenti procedimenti penali, significa che  le tutele ascritte al biglietto nominativo non hanno prodotto il risultato sperato, ciò anche in virtù della circostanza non secondaria che molti di costoro sembrano essere già ben noti alle Forze dell’ordine. Auspicando, pertanto, una forte e decisa valorizzazione dei rapporti collaborativi tra la FISSC e tutte le componenti Istituzionali, si ribadisce la completa ed assoluta disponibilità al confronto . Nell’interesse del calcio e di tutti i suoi protagonisti.

 

8 Commenti

  1. Auspico, lo scioglimento di queste associazioni che si sono appropriate di interi settori dello stadio , facendo passare la voglia a chi come me faceva 4 abbonamenti al`anno, perche`nauseato dall`arroganza ,dalla prepotenza , dai spinelli , e dalle conseguenti azioni di questi personaggi . Le societa` prendano le distanze , in modo netto e chiaro ,incominciando a vietare quegli spazzi reclamati per le presunte coreografie , non permettere l` entrata di striscioni fumogeni e bandiere con le aste lunghe che possano servire come corpi contundenti, negargli ogni contatto diretto e indiretto con la societa` e con i calciatori , bisogna isolarli essendo ormai noto, che tutto quello che fanno , lo fanno per interessi personali , enon per amore per la squadra.

  2. TONY STAI PARLANDO SOLO A SPIOVERE…..TACI CHE E’ MEGLIO!
    Finalmente un passo in avanti!
    La FISSC può essere un alternativa intelligente a titolo cautelativo in difesa di tutti quei tifosi(PERBENE)che ogni anno vengono ABBANDONATI e GIUDICATI negativamente dalle nostre ISTITUZIONI che da anni non sono capaci di prendere uno straccio di provvedimento contro il tifo violento!
    Spero che questa iniziativa venga presa in considerazione con la massima SERIETA’ in quanto c’è tanta gente perbene che va allo stadio,paga senza avere il diritto di usufruire dei servizi pagati,e sopratutto non ha nessuno in loro aiuto.

  3. io chiedo solo ( e credo come me tutti quelli nella mia condizione) da napoletano residente al nord, un aiuto dai tantissimi napoletani perbene che ancora resistono e non abbandonano la nostra amata città. cancelliamo, isoliamo, disintreghiamo questi personaggi che ormai hanno quasi definitivamente ucciso “il paese del sole e del mare”. Isoliamoli, denunciamoli quando sappiamo: tante sono le strade per vivere bene noi e non riempirci di vergogna. gli insulti che ho sentito in questi giorni intaserebbero il sito! BASTA! siamo napoletani non bestie. reagiamo con dignità e orgoglio!!

  4. Senza tifosi non c’è il calcio! non senza ultrà! Ha ragione tonymar! Via i gruppi organizzati dagli stadi. Ognuno deve acquistare il suo biglietto e sedersi al suo posto senza correre il rischio di essere cacciato! Le partite più belle da vedere sono le nazionali, proprio perchè non esistono questi gruppi

  5. TIFOSO O NON TIFOSO CI VUOLE SENSO CIVICO CHE E ALLA BASE DEL SOCIALE NON PIANGETE SUL LATTE VERSATO MA PRENDETENE ATTO E MIGLIORATEVI CHI AMA IL CALCIO A SUO MODO LO DEVE DIFENDERE E PURE PER RINGRAZIAMENTO DI TUTTO LO STAFF DEL NAPOLI CALCIO CHE NEGLI ULTIMI ANNI CI STA FACENDO SORRIDERE DI NUOVO.ANCORA SIATE CIVILI COME TIFOSI E COME PERSONE. GRAZIE DA UN TIFOSO VERO

  6. Ha ragione tony, gruppi e associazioni fateli a casa vostra e fateci vivere in pace quanto per cui paghiamo, da tempo non vado più a vedere la partita in curva (entrata che potevo permettermi) proprio a causa di vari gruppi o pseudoassociazioni di tifosi che nulla hanno a che vedere col calcio e che pretenderebbero che altri, per loro tornaconto, si esibissero in manifestazioni gratuite per colorire quelle che loro chimano coreografie, gente che alla fine non ha visto un minuto di partita ed è li solo per fare bordello. Allo stadio pago e manifesto civilmente ciò che voglio, persino applaudire un gesto sportivo avversario…come fatto e visto fare anni addietro da una tifoseria vera che nulla a che fare con quella da voi ipotizzata.

  7. Menomale che c’è Sky…. W il calcio del futuro quello senza banditi nelle curve!!!
    Gli Ultras ci hanno rotto i “super santos”… sciogliessero tutti i gruppi per legge. Gentaglia!!! … che non ha rispetto neanche per gli stessi napoletani!!! L’ignoranza regna e pasce ed io li porterei al Colosseo… a fare uno spettacolino….
    Il Calcio ed i Tifosi sono un’altra cosa che loro neanche devono nominare, neanche se si lavassero la bocca con la candeggina … Via per sempre dal San Paolo, la Napoli onesta e pulita vi ha già vomitando…
    MI fermo qui!!!

LASCIA UN COMMENTO