Inler: “Nel campionato italiano ogni partita bisogna giocarla come una finale”

0
210

inler_set_2011-1Gokhan Inler in conferenza stampa.
Intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match con il Catania, il centrocampista del Napoli Gokhan Inler che ha rilasciato alcune dichiarazioni sintetizzate da NapoliSoccer.NET: "Qualcuno dice che con le squadre piccole non riusciamo a fare risultato, ma sono solo coincidenze, perché la nostra voglia di vincere e il nostro impegno è sempre lo stesso, e poi si sa che nel campionato italiano, ogni gara è sempre difficile. Sono felice di questo gruppo, e sono ancora più contento di avere un ottimo rapporto con Dzemaili, Gargano e Donadel, compagni che giocano nel mio stesso ruolo. Non ci poniamo problemi se gioca l’uno o l’altro, anzi siamo felici quando ci alterniamo e facciamo buoni risultati, dato che gli avversari rispetto a noi sono più riposati, dal momento che operano solo in campionato. Il Catania è una buona squadra e non sarà facile vincere, sono in ottima forma e si è visto contro Fiorentina e Lazio, Ma noi cercheremo di fare nostra la partita provando a conquistare altri tre punti fondamentali. Spero di poter fare presto il mio primo goal con la maglia del Napoli, so che tutti lo aspettano e cercherò di fare del mio meglio. Sono da pochi mesi qui a Napoli e tutti mi hanno accolto in maniera fantastica, facendomi trovare sempre a mio agio, e cercando di ricambiare io darò ancor di più in mezzo al campo. In Champions League stiamo facendo grandi cose, e così anche in campionato, tranne qualche partita dove siamo stati piuttosto poco fortunati, ma ci rifaremo per arrivare ai nostri obiettivi. Stiamo maturando sempre di più, e sappiamo che per vincere tanto bisogna essere umili e stare sempre con i piedi per terra, perché in Champions vogliamo andare sempre più avanti senza nessuna pretesa, mentre in campionato abbiamo l’intenzione di navigare sempre nelle zone alte della classifica. Per domani noi tutti insieme al mister abbiamo preparato con molta attenzione la sfida con il Catania, e anche se il mister dovesse fare il turnover, non ci saranno problemi perché siamo tutti uguali e con la stessa mentalità, quella di vincere. Sono felice di essere a Napoli e nel Napoli, perché questa gente è strepitosa, calorosa e ti da tanto. Voglio imparare bene questa città, sono stato sul Vesuvio, a Palazzo Reale, ma piano piano voglio vedere bene il resto di Napoli. Paolo Cannavaro poi mi sta insegnando qualcosa in dialetto"

Domenico Ascione – Redazione NapoliSoccer.NET



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here