Roma-Napoli, la verità che i media non raccontano

8
22

Pubblichiamo un report sulla trasferta dei tifosi napoletani a Roma nella prima giornata di Campionato. I media main stream ci raccontano di atti di teppismo da parte degli ultras del Napoli, arrivando addirittura ad inventarsi di sana pianta rapine, aggressioni e minacce a cittadini inermi. Ma la realtà e’ ben diversa. Oltre 3000 persone munite di biglietto della partita e biglietto del treno, sono state trattate come bestie in una giornata di follia. Minacce continue, arresti arbitrari, cariche senza alcun motivo, migliaia di persone ammassati in autobus e treni. Tutto questo grazie alla rigidità di Trenitalia ed alla stupidità dei Questori (quello di Napoli e quello di Roma), assolutamente incapaci di gestire un evento sportivo di grandi dimensioni come quello di Roma – Napoli.

Napoli- Appuntamento alle ore 8.00 stazione centrale, la partita è alle 15.oo, la cosa non mi sorprende affatto: chi come me ha frequentato le curve sa cos’è un gruppo, sa quanto e difficile organizzare una trasferta. Roma non è come le altre, si sa che si deve fare qualche sacrificio in più e anticipare se è possibile anche gli imprevisti di un esodo di 3600 napoletani verso la capitale. Quando scendo di casa ho in tasca solo il biglietto per il settore ospiti (stadio Olimpico ingresso 50/52) e qualche soldo per comprare il biglietto del treno, si perché anche se Trenitalia continua ad aumentare le tariffe, troppo care per le mie tasche di giovane precario, e di treni speciali non se ne fanno più, questa volta è diverso. I gruppi organizzati e i tifosi napoletani si giocano la possibilità di poter vedere la loro squadra anche in trasferta, il Viminale ha dato una possibilità e nessuno vuole rimanere a casa la domenica davanti alle squallide telecronache di sky o di mediaset premiun. Il treno sembra la soluzione migliore perché garantisce la sicurezza di tutti, a Roma ci aspettano da tempo e conoscendo i rapporti che ci sono tra le curve romane e la Questura non ci fidiamo di arrivare in auto, troppo facile la possibilità di un agguato isolato, la situazione diverrebbe incontrollabile .
Verso le 9.00 ci dirigiamo tutti verso il binario da cui deve partire il nostro treno, tutti biglietto alla mano, ma è una bolgia. Il cordone di polizia ci stringe in una pressa, e il caldo fa il resto, quando un ragazzo si sente male la pazienza sembra finire. E’ un’ora che siamo li uno addosso all’altro aspettando di salire, la folla spinge e il cordone di polizia si rompe. Saliamo sul treno che già è pieno di suo, oggi c’è il rientro dalle vacanze, chiediamo scusa alle persone per il disagio ma siamo persone normali anche noi e abbiamo diritto di viaggiare, se qualcuno vende 3600 biglietti per un evento sportivo di quella portata dovrebbe anche prevedere uno spostamento in massa?! Invece tutto sembra tranne che di trovarsi in un paese civile, e mentre i dipendenti di Trenitali invitano le persone che non sono dirette allo stadio a trovare un’altra soluzione noi ce ne stiamo per più di due ore ammassati come bestie a più di 40 gradi nei vagoni senza poter bere e senza aria. Quando il treno parte sono le 12.30, e già si capisce che perderemo di sicuro il calcio d’inizio. Ma prendiamo coraggio almeno arriveremo a destinazione, con noi si è trattenuta anche una coppia di anziani di Castellammare di Stabia che nonostante i consigli del capotreno di trovare una soluzione diversa, rimangono sul loro treno perchè hanno il biglietto per quel posto e non vogliono trovare soluzioni alternative. Ma quando dal treno spengono l’aria condizionata anche loro iniziano a barcollare, qualcuno si sente male e tutto sembra cosi assurdo, ma siamo a Latina e ormai il piu è fatto. Arriviamo a Roma Termini alle 15.44 in corteo usciamo dalla stazione e prendiamo i pullman parcheggiati sul piazzale: stessa scena, ammassati come animali, senza acqua da ore, saliamo in un pullman che può contenere 50 persone ma noi siamo più di 150. Il viaggio sembra non finire e Aquiliani segna l’uno a zero. Arriviamo nello stadio quando il secondo tempo è gia iniziato da qualche minuto, la ressa ai cancelli è infernale, la gente spinge e i tornelli non aiutano il defluire delle persone. Quando entriamo abbiamo giusto il tempo di vedere lo stupendo gol di Marek Hamsik , finalmente un pò di sollievo, possiamo guardare solo altri 30 minuti di partita (in cui il Napoli rischia anche di vincere), e lo facciamo cantando a squarcia gola. Quando la partita finisce ci tengono altre 2 ore nello stadio per far defluire i tifosi ospiti, ma qualcosa cambia quando arriviamo ai pullman che ci aspettano già nel settore.
Squadracce di celerini guidate da integerrimi dirigenti , fanno il giro tra i pullman scegliendo tifosi a campione da pestare. Salgono anche nel mio prendono un ragazzo per i capelli, gli gridano “già ne abbiamo ammazzato uno, il prossimo sei tu” lo portano giù tra gli occhi increduli di chi era sul bus, lo picchiano a sangue finché un dirigente non lo porta dietro una siepe lo mette a terra fermo con un piede sulla faccia. Fanno lo stesso anche negli altri pullman. Noi partiamo finalmente, ma altri 10 bus rimarranno nello stadio fino alle 21.30, senza sapere cosa può succedere. Arriviamo in una stazione blindata intorno alle 19.30, iniziamo a capire che qualcosa non va. I cordoni di polizia e carabinieri ci chiudono su tutti e 4 i lati, e mentre da Napoli ci arrivano telefonate che ci informano che i telegiornali annunciano che i napoletani si sono lasciati andare ai soliti atti di vandalismo e guerriglia. Nella stazione la situazione peggiora. Iniziamo a temere che forse stanotte non torneremo a Napoli, ne ho viste tante di trasferte, sono stato anche ai cortei in piazza, ma di situazioni così ne ricordo davvero poche, sembra che tutto abbia un copione già scritto. Siamo circa un migliaio, tra chi ha il biglietto cumulativo (i gruppi organizzati hanno un biglietto che ha più di 700 posti) e chi ha il biglietto singolo, la fretta di tornare a casa e lasciarsi Roma alle spalle fanno il resto. C’è ressa per passare, i cordoni di polizia si stringono e la folla spinge per entrare: parte una carica che provoca un fuggi fuggi generale nel cuore di Roma Termini, rischiando di travolgere anche le persone che incredule assistono a questo spettacolo. Aspettiamo altre due ore prima di riuscire a sfilare dalla folla e salire sul treno; sono ormai le 21.30 ma il treno non parte, aspetta gli altri tifosi rimasti allo stadio nei pullman. Finalmente si parte sono le 22:30, arriviamo a Napoli che è quasi l’una, felici del risultato e di esserci lasciati alle spalle la follia di questa giornata.

Fonte: altocasertano.wordpress.com

Condividi
Articolo precedenteRoma-Napoli: Lopa “no a strumentalizzazioni ed atteggiamenti unilaterali”
Prossimo articoloNon ci resta che fischiare
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

8 Commenti

  1. ci credo a quello ke dice il ragazzo! I media avidi di sensazionalismo, hanno preferito buttare altra m….. su Napoli…L’unica soluzione è quella di prendere ki è superficiale e non ama a fondo la propria città! anke noi da napoletani dobbiamo fare la nostra parte e esprimere il nostro dissappunto a questi delinquenti!

  2. NON C´E´ PIU SORDO DI CHI NON VUOL SENTIRE. I MEDIA SONO ASSOGGETTATI AL POTERE DEVONO SCRIVERE QUEL CHE VUOLE L´ EDITORE ED EMILIO FEDE NE E´IL LAMPANTE ESEMPIO DOMANDA , CI SONO GIORNALISTI LIBERI DI SCRIVERE QUEL CHE VOGLIONO E DI FARE QUADRATO QUANDO SI TRATTA DI DIFENDERE NAPOLI ED IL NAPOLI COME BEN SANNO FARE QUELLI DEL NORD?

  3. Sarebbe da mandare in onda su tutti i telegiornali sto discorso…e di farlo arrivare tramite fax sulla scrivania di quie coglioni del viminale…..complimenti all autore dell articolo..

  4. sono sicuro ke sia andata così…il mondo del calcio e piu marcio del mondo fuori lo stato…figuriamoci. ma una domanda mi sorge……quando e stato distrutto il treno…all’andata o al ritorno?
    ciao e FORZA NAPOLI!!!!!!!!! SIEMPRE!!!!!!

  5. ragazzi vi mando un saluto irlandese ma sono di caserta volevo dirvi che io credo a questo racconto che prima o poi finira tutto questo razzismo nei nostri confronti e prenderanno di mira una regione diversa.grazie per queste parole abbassiamo le armi e i .camorristi fuori dalla campania solo galera.

  6. onestamente sono sempre stato convinto che la verità stia sempre nel mezzo: i siti sportivi e non sono pieni di lettere e testimonianze di tifosi che fanno le vittime…io a roma non c’ero, non vado più in trasferta dalla finale di coppa italia(in cui è superfluo ricordare cosa furono in grado di combinare i tifosi azzurri), l’unica cosa che so è che non c’è una trasferta che sia una in cui i napoletani non si facciano riconoscere…e noi tifosi veri paghiamo

  7. Secondo me sono tutte puttanate…ma secondo voi se ci fossero state tutte queste rappresaglie verso i tifosi, le televisioni non avrebbero detto niente?secondo me ci sarebbero andati a nozze come successe per il g8 a genova…e ricordate che dentro e fuori lo stadio e tutta la stazione termini sono pieni di telecamere a circuito chiuso e che quelle telecamere non posssono sbagliare perchè registrano tutto…

LASCIA UN COMMENTO