Calcio: In Uruguay arbitro sotto scorta dopo ko a tavolino del Nacional

0
53

Domenica scorsa aveva decretato la sconfitta a tavolino del Nacional per essersi presentato in campo con un minuto di ritardo nella gara con il Villa Espanola, scatenando la furia dei tifosi sugli spalti. Oggi Liber Prudente, arbitro del campionato uruguaiano che di professione fa il medico, non puo’ uscire di casa per andare a lavorare perche’ teme ritorsioni nei suoi confronti ed e’ scortato dalla polizia. "E’ molto preoccupato e amareggiato per la situazione che si e’ creata", ha riferito l’emittente radiofonica Carve di Montevideo. I giornalisti della radio hanno avuto un breve colloquio con Prudente, il quale non ha voluto rilasciare dichiarazioni pubbliche. Dopo la contestata decisione di domenica scorsa, Prudente si e’ ritrovato al centro delle critiche di giornalisti e tifosi uruguaiani: l’episodio e’ approdato addirittura al governo, che ha annunciato la sua intenzione di raccogliere elementi per sporgere una denuncia penale in conseguenza agli atti di violenza che si sono scatenati dopo la decisione di sospendere la gara. "Mio Dio, sono entrati in campo con cinque minuti di ritardo, che cosa spaventosa – ha commentato ironicamente il senatore Jose’ Mujica -. Che diano una multa al Nacional. E’ vero, parliamo di calcio professionistico, pero’ non e’ giusto prendere cosi’ i soldi dalle tasche della gente. Alla fine chi e’ stato punito? Soltanto quelle 10.000 persone che avevano pagato il biglietto. I regolamenti – ha continuato Mujica – sono fatti per essere rispettati, ma tutti hanno un margine di elasticita’. Altrimenti non avremmo bisogno di arbitri".A causa del minuto di ritardo il Nacional e’ stato punito con la sconfitta a tavolino e con una multa corrispondente alla percentuale degli incassi delle prossime tre partite: la societa’ ha pero’ fatto ricorso alla decisione ed ora si attende il parere definitivo del tribunale di competenza. L’arbitro della gara, Liber Prudente, si e’ difeso dicendo di aver applicato il regolamento interno del Collegio Arbitrale, il quale recita: "Si deve far rispettare rigorosamente l’orario fissato dagli organi competenti per l’inizio delle gare, che devono cominciare all’ora stabilita. Non sara’ ammessa nessuna tolleranza, salvo diverse disposizioni stabilite dagli organi competenti".
Fonte: Adnkronos



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here