Abete: punire i delinquenti senza generalizzare

4
20

Il presidente della federcalcio Giancarlo Abete è intervenuto ai microfoni di Radio 24 dichiarando il suo punto di vista in merito ai fatti accaduti domenica scorsa: "Quanto e’ successo alle stazioni di Napoli e di Roma è assurdo ed è sacrosanto che si prendano provvedimenti adeguati nei confronti di chi si e’ reso protagonista di episodi di vandalismo, con comportamenti inaccettabili. Ma e’ anche giusto non generalizzare, perche’ ci sono anche tifosi non delinquenti che rispettano le leggi”.  Il presidente agguinge poi: ”la logica sbagliata e’ quella di non punire, altrimenti viene penalizzato chi rispetta le regole ma nel calcio tante situazioni cambiano. Questi eventi avvengono sempre piu’ spesso a centinaia di chilometri dallo stadio, quindi si tratta di episodi che non hanno nulla a che vedere con la partita ed avvengono molte ore prima. L’evento sportivo essendo programmato legittima persone a fare gruppo: l’occasione di stare insieme e’ dire di andare a vedere la partita, ma poi se tirano continuamente il freno d’emergenza di un treno queste persone non possono essere chiamate tifosi, ma delinquenti’. Oggi ci rimettono soprattutto le società di calcio, ed in questo caso il Napoli, a carico del quale potrebbero esserci pesanti provvedimenti come la chiusura dello stadio per una o due partite. Quindi il vero danno lo subiranno il pubblico corretto del Napoli e anche l’immagine della città e del nostro paese. Reputo, comunque, che vadano rispettate le decisioni assunte dagli organi preposti alla sicurezza dei cittadini ed al regolare svolgimento di tutte le manifestazioni. Ho piena fiducia nel ministro Maroni e nel capo della polizia Manganelli, che conoscono molto bene il mondo del calcio verso cui hanno sensibilita’ ed attenzione. Quindi sapranno anche coniugare il loro ruolo con la responsabilita’ di non generalizzare”.  Speriamo che le parole di Abete saranno ascoltate dagli organi competenti e che sapranno scindere i tifosi veri da quelli violenti che con il tifo nulla hanno a che fare.

 

Redazione NapoliSoccer.NET

4 Commenti

  1. Basta con queste dietrologie..!!!…Premettendo che il comportamento degli ultras partenopei sia assolutamente da censurare, non capisco il nesso di questi incidenti con la città di napoli!!!!Questi “pseudo-tifosi” sono solamente degli esagitati, e come tali si trovano in tutta Italia!!! ATTENTI A NON CONFONDERE NAPOLI CON QUESTI SALAMI!!!

  2. è inutile vietare le trasferte dei TIFOSI DEL NAPOLI…nn si risolverebbe il problema! quei delinguenti ci saranno sempre!..ke lo STATO metta in atto ogni tipo di risorsa per individuare quei vandali..(biglietti nominativi e telecamere a circuito chiuso a cosa servono!!!)
    il divieto delle trasferte sarebbe un errore!! verrebbero puniti migliaia di tifosi sani (come quelli presenti già dal primo tempo a roma) ke nn centrano nulla con la violenza..
    speriamo ke adottino un provvedimento intelligente!!! .. speriamo ..

  3. Vietare le trasferte?!?!?!? Per poi vedere gruppi Ultras entrare lo stesso allo stadio in altri settori, come accadeva l’anno scorso?!?! Così la brava gente se ne sta a casa e loro continuano a fare i loro schifosi comodi…vergogna!!!!

LASCIA UN COMMENTO