Derby a porte chiuse tra Sibilla e Salerno Calcio. Gli Ultras: “Adesso basta, aprite lo stadio”

0
95

Bacoli perde prima ancora di scendere in campo: la storica sfida contro il Salerno Calcio si giocherà a porte chiuse. Il "Tony Chiovato" di Baia sarà vietato anche alla cittadinanza bacolese. Si giocherà senza il calore delle tifoserie campane l’attesissima sfida di quarta categoria che nel pomeriggio di domenica vedrà difronte la Sibilla Bacoli ed il Salerno Calcio, società rinata dalle ceneri della Salerniatana 1919. Una decisone improvvisa che segnerà prima ancora del fischio d’inizio una tra le sfide di maggior blasone mai giocate dai biancoazzurri flegrei, approdati per la prima volta tra i Dilettanti meno di un decennio fa. E forse, se si considera la storia e la caratura dei granata attualmente guidati dal presidente biancoceleste Claudio Lotito, la più importante mai giocata su suolo bacolese. Un evento da trascrivere negli “Annali” della storia flegrea, condizionato da una serie di fattori i quali, intrecciandosi vicendevolmente, determineranno una situazione paradossale: una possibile festa dello sport giocata senza coloro che rendono possibile il fenomeno "calcio".

Ma la tifoseria biancoazzurra non riesce a capacitarsi dell'illogica scelta dell'Osservatorio e, attraverso il giovane capo ultras Marco Illiano, sottoscrive un comunicato in cui in si riassume lo stato d'animo vissuto dai supporter della Sibilla Bacoli, mortificati anche dall'assoluta assenza politico-istituzionale dei rappresentanti amministrativi municipali, pronti a sostenere la maglia dinanzi a qualsiasi tipo di difficoltà.

In occasione della gara di domenica tra Sibilla e Salernitana noi ULTRAS BACOLI siamo rammaricati di non poter assistere e sostenere la nostra maglia nella partita più emozionante ed affascinante dell’intera stagione, come appunto quella con la Salernitana.
La partita più bella in questi 7 anni trascorsi di serie D
Purtroppo ancora una volta siamo costretti a pagare a caro prezzo il problema stadio.
Siamo sconcertati, in quanto negli anni addietro abbiamo giocato con squadre ugualmente contraddistinte da grosso blasone, che sono state supportate al “Tony Chiovato” di Baia dai rispettivi tifosi a seconda della capienza del settore ospiti
Ed è per questo che ci domandiamo perché non è possibile riproporre tutto questo anche Domenica e quali sono quindi i reali problemi che non ci permettono di essere vicini alla maglia che amiamo.
Purtroppo ancora una volta chi avrà la peggio e chi non avrà il piacere di vedere questa partita dal vivo saranno i tifosi, coloro che aspettavano il derby contro il Salerno da tempo
Vedere la Salernitana a Bacoli è un qualcosa di diverso, una sfida che si vive 7 giorni su 7
Siamo stufi, non può andare sempre così
A ciò si aggiunge il silenzio del Comune di Bacoli che non muove un sol dito per la risoluzione dell’ostacolo e non sa nemmeno che la Sibilla esiste, tra le poche realtà a donare dignità alla nostra città.
Ma nonostante le numerose difficoltà noi faremo di tutto affinché la nostra e amata Sibilla possa contare per tutti i 90 minuti del match contro i granata del meritato sostegno da parte della propria tifoseria.
Perché una partita senza pubblico, non ha senso di esistere.
AVANTI ULTRAS, UNICA PARTE SANA DI QUESTO CALCIO CHE NON CI APPARTIENE
Domenica aprite i cancelli del “Chiovato”, altrimenti li apriremo noi!
Forza Sibilla
Lotta e Vinci Insieme A Noi!

Josi Gerardo Della Ragione – Redazione NapoliSoccer.NET
Foto: Dino Esposito



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here