Il digiuno di Cavani

8
108

cavani_esultanze_2011Sta diventando un tormentone, il digiuno di Cavani, sembra che il cannoniere del Napoli, l'uomo della "Provvidenza" abbia finito di provvedere… ma è veramente così? Davvero Cavani ha dimenticato come si mette la palla alle spalle del portiere?
A noi di Napolisoccer.NET i numeri sono sempre piaciuti perciò abbiamo pensato di controllare un po' prendendo a riferimento la stagione attuale e quella passata e vedere se la tendenza della capacità realizzativa di Cavani mostra flessioni o meno. Parliamo di tendenza perché parlare di statistiche dopo solo sei giornate non è cosa consigliabile.
Mettiamo a confronto le due stagioni:
Lo scorso anno Cavani ha disputato con la maglia azzurra 10 gare in Europa League, andando a segno in 4 delle 10 partite (nelle due con lo Steaua, con l'Utrecht e con l'Elfsborg). Ha segnato in 16 delle 35 le gare di Campionato e in 2 delle 9 partite con la maglia dell'Uruguay in cui ha giocato. Non ha realizzato goal nelle due gare di Coppa Italia disputate.
Possiamo quindi dire che l'attaccante del Napoli, lo scorso anno ha messo a segno dei goal nel  40% delle gare di Europa League, nel 45% delle gare di serie A, e nel 22% delle gare giocate con la sua nazionale.
Nelle poche gare dell'attuale stagione che ripeto prendiamo come tendenza ma non sono sufficienti per una analisi statistica, Cavani è andato a segno in 2 gare su 3 (66%) di Champions, in 1 su 5 (20%) di campionato e in 1 su 3 (33%) con la maglia della nazionale.
I valori aggregati dicono che nella scorsa stagione Cavani ha realizzato goal in 22 delle 56 gare disputate, segnando nel 39% delle partite, quest'anno invece è andato a segno 4 volte su 11, realizzando reti in più del 36% delle partite.
E' possibile parlare di digiuno? Non proprio. Proviamo a prendere invece altri parametri in esame.
Lo scorso anno, Cavani ha giocato in totale  4485 minuti realizzando 37 reti con una media di un goal ogni 121 minuti di gioco, quest'anno ha giocato finora 802 minuti realizzando 6 reti, una ogni 133 minuti. Possiamo parlare di digiuno? Personalmente penso di no, ritengo che il tutto possa essere ricondotto in un alveo di ragionevolezza troppo spesso dimenticata quando si parla senza tener conto dei numeri.
Certo è che noi vorremmo vederlo sempre come nella foto, con l'esultanza esplosiva di chi ha i numeri per essere determinante anche quando non scrive il suo nome nello score.

Domenico Infante – Napolisoccer.NET

8 Commenti

  1. ma tranquilliiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii già il tormentone cavani??
    Mamma mia……dategli fiato! E poi una squadra che si ritiene grande deve andare in goal non solo col suo centravanti!!!

    La trasferta in sudaerica lo ha stancato molto e s’è visto anche col Parma!

    FORZA MATADORRRRRRRRRRRR

  2. sinceramente caro infante questo articolo proprio non lo capisco.. siamo appena all’inizio e già parliamo di digiuno di cavani? si sembra anche fisiologico un certo calo di rendimento, cavani sta segnando dallo scorso anno a raffica.. ca cosa vogliamo di più da questo giocatore? dobbiamo solo alzarci in piedi ed applaudirlo anche se non segna.. piuttosto parliamo di lavezzi, che non segna da un anno in casa, allora potrei capire il titolo dell’articolo, ma soffermarsi su cavani ora mi sembra davvero un’assurdità. non alimentiamo falsi allarmi.. ciao e forza napoli

    • gentile signor antimazzoni, è esattamente il contrario. Sono già diversi giorni che si parla di un “digiuno” di Cavani, addirittura c’è chi scrive di un possibile ingaggio di altri attaccanti per sopperire alla astinenza da goal di Cavani. L’articolo dice proprio il contrario, che Cavani lo scorso anno ha segnato 37 concentrate in 22 partite e che le medie di quest’anno non si distaccano da quelle dello scorso anno se non di pochissimo. Significa che Cavani è, né più né meno lo stesso dello scorso anno e parlare di digiuno adesso è controproducente, mi dispiacerebbe se lei si fosse fatto ingannare dalla velata ironia del titolo. Questo proprio per smorzare inutili e falsi allarmismi A supporto di quanto scritto, le riporto una frase dell’articolo “Possiamo parlare di digiuno? Personalmente penso di no, ritengo che il tutto possa essere ricondotto in un alveo di ragionevolezza troppo spesso dimenticata quando si parla senza tener conto dei numeri.” .
      La saluto cordialmente
      Domenico Infante

  3. la necessità di trovare argomenti e problemi anche quando non ci sono, in qualche misura può essere anche compresa. non credo esista un problema cavani, mentre invece sono convinto che non è facile ripetersi specie quando si tratta di emulare perfomances come quelle dell’anno scorso, per il matador bastava solo guardare ilpallone per trasformarlo in gol. sarà una stagione difficile per il napoli e quindi anche per cavani. non credo di essere incontentabile, ma basta guardare con attenzione le partite del napoli per capire, almeno questa e la mia opinione, che la squadra base andava maggiormente rinforzata, solo lo svizzero, non potrà dare quel miglioramento che era legittimo attendere, il parco degli attaccanti del napoli e male assortito e difficilmente ci sarà un contributo determinante da parte deli rincalzi, troppa differenza. era ed è un bel napoli ma andava rinforzato con un paio di ottimi calciatori e qualche buona riserva per dare fiato. cavani e lavezzi avranno bisogno di riposo e senza offendere chi c’è, nessuno di loro può sostituirli, sempre la stessa storia che va avanti da anni. fateci caso gli azzurri da quando sono tornati in serie a, hanno sempre stazionato nelle zone alte della classifica, bisognava aumentare la qualità della rosa ma dando priorità alla squadra titolare, o si è sbagliato negli acquisti, cigarini quagliarella rinaudo o sosno stati presi calciatori meno forti di quelli in rosa, datolo sosa, o peggio ancora sono stati presi calciatori che non possono rendere nello schema di mazzarri, santana pandev con la speranza che mi sbagli forza napoli

  4. sono felicissimo del suo chiarimento, anche se oggettivamente questa forma di ironia l’avrei maggiormente rimarcata nel titolo dell’articolo.. cavani va solo elogiato, per quello che ha dato e per quello che darà..
    Saluti e buon lavoro

  5. Il fatto stesso di dover far emergere i numeri in questo modo, sebbene solo per confermare il valore dell’attaccante, sa un po’ di giustificazione dopo le sue ultimissime apparizioni. Sicuramente, sono d’accordo, non si può parlare di digiuno; ma di forma fisica non al top, sì (e nonostante questo è un giocatore che si danna l’anima nei recuperi in campo!… grande MATADOR!!!).

  6. Caro conte, l’articolo e l’analisi è giusta … l’unica cosa che manca, secondo me, anche per non trarre in “inganno” hi si limita a leggere solo il titolo senza approfondire è un punto interrogativo nel titolo stesso.
    Per il resto è più che giusto.
    M.A.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here