Calcio: Collina e Ficg bocciano Farina, “su 3o tempo doveva dare esempio”

0
69

Passi l’errore sul fuorigioco, ma la ‘fuga’ dal terzo tempo di Catania-Inter, tutt’altro che all’ insegna del fair play, proprio non e’ piaciuta ai vertici del calcio. La Figc, come pure lo stesso designatore Pierluigi Collina, boccia senza riserve il comportamento di Stefano Farina che, alla contestazione ironica dei tifosi etnei dopo il mancato annullamento del gol di Cambiasso in chiaro offside, ha risposto lasciando il Cibali senza la prevista stretta di mano. ”Gli arbitri devono partecipare al terzo tempo, per noi serve a stemperare” le parole di Collina, che stavolta e’ costretto a fischiare contro uno dei suoi. Perche’ a rovinare una serata piu’ che sufficiente per il direttore di gara di Novi Ligure e’ stata proprio quella scelta di non presentarsi con le squadre al centro del terreno di gioco. Anche per il presidente federale, Giancarlo Abete, la decisione e’ stata sbagliata: ”Dopo una partita ben condotta, per il senso di responsabilita’ che ha, Farina doveva essere il promotore del terzo tempo. Doveva dare il buon esempio, non farlo e’ stato un errore”. Insomma l’arbitro ha sbagliato, e lo ha fatto due volte, perche’ la rete del primo vantaggio dei nerazzurri era da annullare. ”L’errore dell’assistente sul fuorigioco si inserisce peraltro in una partita ben diretta” spiega ancora Collina, aggiungendo che il primo ad essere dispiaciuto per la svista e’ stato proprio l’assistente Cariolato. Una pioggia di critiche a cui non si e’ sottratto nemmeno il presidente dell’assoallenatori Sergio Campana: ”Quella di Farina e’ stata una scelta discutibile: si puo’ capire da un punto di vista umano, un po’ meno da quello istituzionale. L’arbitro dovrebbe dare l’esempio”. A spezzare una lancia a favore dell’arbitro in controtendenza ci pensa il presidente del Catania, che dopo aver elogiato il comportamento ironico della sua tifoseria, cerca di capire i motivi che hanno spinto Farina a disertare l’appuntamento fair play. ”La reazione dei nostri tifosi – dice Pulvirenti – e’ stata spontanea e genuina, credo riqualifichi il nostro pubblico, che civilmente ha in modo ironico sottolineato un errore che ha mutato il risultato della partita. Poi Farina ha avuto una reazione umana, altrettanto spontanea, preferendo non presenziare al terzo tempo. Non lo biasimo, non se l’e’ sentita, non va messo in croce per questo”. Farina pero’ non ci sta a finire nella bufera senza diritto di replica e spiega che dietro al suo gesto c’e’ stato solo il senso di ”responsabilita’ arbitrale”. Insomma non voleva che gli applausi polemici dei tifosi catanesi degenerassero. ”Non sono permaloso – si spiega Farina – ho saltato il terzo tempo con il solo obiettivo di mantenere sereno l’ambiente”. Non si pente, ma ”con il senno di poi” non e’ piu’ convinto che quella presa sia stata ”la scelta ottimale”. Quanto al fuorigioco ammette: ”Di fronte all’evidenza non si puo’ dire che l’errore non ci sia stato”. Intanto Farina non e’ piu’ il rappresentante degli arbitri in attivita’: lo sostituisce Roberto Rosetti, gia’ scelto dall’Uefa per Euro 2008. Solo una coincidenza, perche’ Farina non e’ piu’ internazionale dal 31 dicembre scorso. Solo una coincidenza, nel giorno nero del fischietto in ‘fuga’ dal terzo tempo.

Fonte: ANSA



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here