Zalayeta: “Grazie Napoli, sono rinato”

2
28

"L’infortunio ormai è solo un brutto ricordo". Ha tirato il rigore contro l’Aversa Normanna con la consapevolezza di voler esorcizzare con un gesto quel maledetto crack al ginocchio. Palla in rete, il Panterone che torna al gol. Un flash per dire addio al passato. Un ponte verso il futuro.

Marcelo Zalayeta, 5 mesi dopo. Stesso stadio, sensazioni diverse…

"Che bello ritrovare il San Paolo, i tifosi. Sono davvero contento, contentissimo. Non me l´aspettavo un recupero cosi´ veloce".

Senti di dover ringraziare qualcuno?

"Tanti. La mia famiglia, la societa´, la squadra, il professor Mariani, e poi questa citta´. Napoli e´ capace anche di questo, di farti guarire in fretta con il suo affetto. Questa citta´ ti da´ una carica, emozioni cosi´ intense che non ho mai provato in nessun altro posto".

Ma anche Zalayeta e´ stato bravo…

"Sono stato fermo troppo tempo, per questo c´ho messo tutta la voglia possibile di tornare presto. Ho cominciato a lavorare intensamente gia´ a fine campionato, poi nel ritiro in Austria ho dato tutto me stesso. Era talmente forte la voglia di riprendere che mi ha fatto dimenticare in fretta la sofferenza per quello che avevo subìto"

Ed ora, cosa ti aspetti da questa stagione?

"Vorrei disputare un bel campionato. Mi sento addosso la responsabilita´ di fare bene, verso la societa´ che mi ha fatto sentire importante e verso i tifosi che mi sono stati sempre vicino".

L´anno scorso 8 gol, tutti importanti. Quale il piu´ spettacolare e quello piu´ difficile…

"Quello piu´ bello e spettacolare contro il Parma, sia per l´azione che per l´acrobazia. Quello piu´ difficile contro l´Inter, li´ e´ stata veramente questione di centimetri. Quello contro i nerazzurri e´ stato anche il gol che mi ha regalato le emozioni piu´ forti: contro la prima in classifica, in uno stadio pieno, sembrava veramente una gara di Champions…"

Redazione NapoliSoccer.NET – Fonte: sscnapoli.it

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO