Il Benfica, prossimo avversario in Uefa, pareggia 1-1 col Porto

1
21

Un tifoso ha aggredito l’assistente dell’arbitro!
Emozioni a fior di pelle nella classica del calcio portoghese tra Benfica e Porto allo stadio "Da Luz". Traverse, due gol, un giocatore espulso. Alla fine l’incontro termina con un pareggio giusto che consente al Porto di portarsi al  comando provvisiorio della classifica, con i prossimi avversari del Napoli in Coppa Uefa che inseguono a 2 lunghezze.
La cronaca – Il Porto ha avuto un buon inizio di gara portandosi in vantaggio già al 12′ minuto con Lucho González su calcio di rigore. Dopo il gol il Benfica ha iniziato a pressare la difesa del Porto, ma solo al 55′ del secondo tempo è riuscito a trovare il gol del pareggio con Oscar Cardozo. Poco dopo il Benfica è rimasto in dieci uomini. Katsouranis si è fatto espellere per un intervento violento su Crisitian Rodriguez. Dopo l’espulsione il Benfica ha abbassato il ritmo della partita accontentantosi del pareggio. E’ stata una partita caratterizzata da molti interventi scorretti da una parte e dall’altra, e da diverse palle gol, ma alla fine il risultato è rimasto 1-1. Da sottolineare la porva opaca dell’asso argentino del Benfica Pablo Aimar, sostituito al 48′ minuto con Nuno Gomes.
Tifoso arrestato – Un tifoso del Benfica è stato arrestato dopo aver aggredito un assistente dell’arbitro.
Era il 20′ minuto quando una persona, dopo essere riuscita ad aprire una delle porte che dalla tribuna consente l’accesso al campo di gioco, si è diretta verso José Ramalho, l’assistente dell’arbitro Jorge Sousa, colpendolo con uno schiaffo alla nuca. Il tifoso è stato subito bloccato dal servizio di sicurezza dello stadio e consegnato alla polizia che, dopo averlo colpito con alcune manganellate, l’ha messo in stato di arresto.
Redazione NapoliSoccer.NET

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO