Romano (ex Napoli): “Il Napoli è cosciente della propria forza, ha la mentalità giusta per vincere”

0
23

romano-ciccio

L'ex centrocampista azzurro Francesco "Ciccio" Romano, intervistato dal Corriere dello Sport, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "Inler come me? Non lo so. I paragoni, gli accostamenti sono sempre un po' azzar­dati. Per ca­ratteristiche il mio gio­co era diver­so ma la posiizone in campo è la stessa. Quando arrivai al Na­poli mi calai subito nel­la realtà di quella squa­dra, l'inserimento fu fe­lice ed immediato. Mi sembra che anche per Inler sia la stessa co­sa: appena arrivato si è impadronito del centro­campo, diventandone il padrone. Per lui e per il Napoli spero che diventi padrone anche degli stessi risultati miei. Analogie tra i due Napoli? Una di sicuro, come il mio Napoli, anche questo non ha timore di nulla e di nessuno. Gioca sem­pre per il risultato, non fa differenza se gioca in casa o fuori e tanto meno bada al nome di chi gli sta di fronte. E' una squadra consapevole. Oggi il Na­poli è coscien­te della pro­pria forza. Sa che può osare, ha la maturità e la mentalità giusta per vin­cere qualcosa di importante. Come si capisce che è il momento giusto? Non sono in grado di spiegarlo, è una cosa naturale. E' una sensazione che cresce con le buone prestazioni, la fiducia, con i ri­sultati. Diciamo che è una felice sensazione che ti monta dentro gara dopo gara. Una sorta di mezza estasi figlia di una crescita costante. Ad un certo punto senti, capi­sci, sai che ce la puoi fa­re e questo ti fa sentire an­cor più for­te. E' im­possibile paragonare questa squadra a quel­la. Il mio Napoli era una gran bella squadra in più c'era il Fenomeno come non ce ne sono stati più in circolazione e come for­se non se ne vedranno più. Questo, invece, è un Napoli formato da ottimi calciatori che tutti assieme formano una grande squadra. Mazzarri? Lui è l'artefice di tutto. Maz­zarri è colui che, al di là del giocoeccellente e del­la preparazione eccezio­nale, ha dato alla squadra una mentalità da grande. Un lavoro straordinario il suo. Cham­pions? Quel che sta facendo il Napoli in Champions è esaltan­te. Direi anche eccitante. Credo che, addirittura più in Europa che in Ita­lia, il Napoli abbia la con­sapevolezza piena della propria forza. Per la sua personalità e per il suo gioco, il Napoli può addi­rittura esprimersi meglio in Champions che in campionato.  Il mio concetto è legato al modo di gio­care. Magari in Italia chi affronta il Napoli studia contromisure per frenar­lo, per bloccarlo. Insom­ma fa la partita sugli az­zurri e il Napoli può an­che avere dei problemi. In Europa, invece, il gioco è diverso. Ogni squadra cerca di impor­re il proprio e inevitabil­mente lascia giocare an­che l'avversario. Gli dà spazio, insomma. E tutti sappiamo quanto sa esse­re spietato il Napoli quando riparte negli spa­zi larghi. Questo non vuol dire di privile­giare un tor­neo all'altro. Sarebbe un er­rore pensare ad una cosa e abbandonare l'altra. Credo, invece, che il Napoli possa far stradasia in Champions che in campionato".

 
Redazione Napolisoccer.NET (Fonte: corriere dello sport)

LASCIA UN COMMENTO