Napoli balla il Tango

0
18

Il progetto De Laurentiis-Marino ha tutta l’aria di essere un disegno quasi perfetto e Napoli torna a rivivere i fasti di un tempo. La formazione partenopea in testa alla classifica c’era stata l’ultima volta il 4 settembre del 1994, una ordinaria prima giornata di Campionato. I tempi di Diego Armando Maradona erano lontani, irripetibili.  Nel settembre 2004 poi per il Napoli ecco il Tribunale Fallimentare di Castelcapuano, una leggenda che finisce e il bianco di una pagina che deve essere riscritta. Gente che va e gente che viene, e ancora un argentino, Roberto Carlos Sosa a simbolo di una lotta di una città intera che vuole riprendersi il calcio. Sono passati solo 4 anni e adesso Napoli è tornata a giocarsi con il Milan una sfida, ancora una volta per la testa di una classifica. 
Edy Reja a 63 anni si sta prendendo tutte le sue rivincite: "Penso alle decine di allenatori associati alla panchina del Napoli in questi quattro campionati: da Lippi a Delio Rossi. Stanno aspettando ancora e spero che lo faranno ancora per un po’. Non si arriva lassù senza avere delle qualità. Penso anche al calendario, che finora è stato tutto in salita, con cinque partite su otto fuori casa. Mai avuto un istante di respiro, dall´Intertoto in poi.
Se arrivano queste soddisfazioni, però, diventa un piacere sobbarcarsi i sacrifici. L´importante è continuare a fare risultati".  E’ ancora argentina l’anima di questo Napoli, da Maradona a Sosa fino al nuovo idolo biancoazzurro: Ezequiel Lavezzi. 
Il "Pocho" è arrivato a Napoli il 5 luglio del 2007, esattamente 23 anni dopo il grande Diego. Accompagnato da una grande diffidenza, la stessa che lo seguiva come un ombra quend’era al San Lorenzo, dove pure aveva saputo farsi rispettare, Lavezzi quindici mesi dopo, invece, ha saputo conquistare Napoli che l’ha elevato a nuova icona azzurra. 
Nella stagione passata per lui 8 reti in 35 partite giocate e numeri di altissima classe, quest’ l’argentino ha subito saputo riconfermarsi con gol pesantissimi. Napoli tuttavia non è solo Lavezzi, ma anche Marek Hamsik, Fabiano Santacroce, Walter Gargano giocatori cardine di una squadra che ha saputo rinforzarsi ulteriormente pescando in Argentina con l’attaccante German Denis e aquistando uno dei giocatori dal rendimento più alto nel nostro campionato: Christian Maggio. 
La formazione di Edy Reja arriva a San Siro con un buon rendimento esterno: fino adesso 5 partite giocate, 2 vittorie, 2 pareggi e una sola sconfitta. Nell’ultima partita giocata i rossoneri hanno travolto la Reggina con una tripletta dell’argentino Denis.

(acmilan.com)

SHARE
Previous articleDe Laurentiis :” Scudetto? Dio solo lo sà”
Next articleMaradona Jr: Sono italiano, ma mi sento anche Argentino
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

LEAVE A REPLY