Mazzarri: “Faremo bene anche con l’Inter”

0
26

mazzarri-12-02-2011Il tecnico Walter Mazzarri, ha rilsciato alcune dichiarazioni al Corriere dello Sport in vista della gara di domani contro l'Inter, come di seguito riportato da Napolisoccer.NET: «Se non dovesse esserci Cavani resto fiducioso perché chi lo sostituirà sarà all'altezza. Può sostituirlo un attaccante come lui o uno meno offensivo. Bisogna valutare bene quale può essere il giocatore più idoneo».

FIDUCIA – Il Napoli è reduce dall'ottima prestazione in Champions League. «Sono convinto che faremo bene anche a Milano – dice Mazzarri -, ma non ci dimentichiamo che davanti abbiamo una squadra con valori tecnici altissimi e ora si sono anche ricompattati, ottenendo due vittorie su due da quando è arrivato Ranieri E' un'Inter rivitalizzata».

LA SITUAZIONE – MazzarrI fa poi il punto sulla situazione infortuni: «Il presidente si aspetta molto da Pandev? Vediamo se giocherà… Il giocatore sta crescendo, gli ha fatto bene giocare tutta la partita contro il Chievo. Forse non ha tutti i 90' ma può darci una mano importante. Aronica e Cavani provano oggi, e aspettiamo fino alla fine. Maggio credo sia recuperato».

COMPLIMENTI – Il tecnico, per descrivere il 'suo' Napoli, ricorda i complimenti ricevuti da parte di Gigi Buffon: «Mi hanno fatto piacere le parole di Buffon, che ha parlato di un Napoli molto ben organizzato. Sono contento che persone del suo livello si accorgono di questo aspetto. Facciamo tutto insieme, come se ci fosse una testa sola».

TURN-OVER – Mazzarri ha ricevuto alcune critiche per il massiccio turn-over effettuato in campionato. «Ma queste scelte non vogliono dire che snobbiamo il campionato e privilegiamo la Champions. Noi cerchiamo di portare avanti tutte le competizioni al meglio delle nostre possibilità. Se scelgo di sacrificare qualcosa in campionato è per evitare figuracce in una competizione come la Champions dove devi avere tutti al massimo, e per salvaguardare il nome di Napoli in Europa».

COMPLEANNO – Mazzarri domani compie 50 anni, e fa un'ammissione: «Da giovane non avevo la testa per fare il calciatore. Avevo delle qualità, ma non il carattere per gestire quella realtà. Invece ho scoperto di averle per fare l'allenatore, che è quello che mi piace fare nel mondo del calcio».
 
Redazione Napolisoccer.NET (Fonte. corrieredellosport.it)

Condividi
Articolo precedenteCalcio Tavolo, a Napoli week end con l’International Open
Prossimo articoloIl Napoli in notturna manda in bianco i ristoratori
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

LASCIA UN COMMENTO