Carlo Alvino (telecronista SKY): “Milan e Inter favorite per lo scudetto”

6
35

Alvino-Carlo01

 

ESCLUSIVA – Il famoso telecronista Sky, Carlo Alvino, ha concesso un'intervista in esclusiva a Napolisoccer.NET.

 

 

Secondo lei, anche alla luce delle due ultime prestazioni, le energie che si spenderanno in Champions League quanto peseranno sul campionato?

E' chiaro che la Coppa dei Campioni comporta per la squadra azzurra un dispendio di energie soprattutto psicologiche più che fisiche ed è inevitabile che ciò peserà sul campionato.

Sono sempre le compagini milanesi le antagoniste per lo scudetto o Juventus e Roma possono competere per la lotta al titolo?

Milan ed Inter sono le due pretendenti al titolo. Con l'arrivo di Ranieri, i nerazzurri recupereranno gli stimoli che negli ultimi tempi sono venuti a mancare. Ranieri è il miglior allenatore che Moratti potesse scegliere a stagione iniziata. Il Napoli e la Lazio rientrano nel novero delle outsider.

Tenuto conto del rafforzamento del centrocampo azzurro, con gli arrivi di Inler, Dzemaili e Donadel, è la difesa il punto debole?

Con l'organico attuale il Napoli non ha punti deboli relativamente agli obiettivi da ottenere. Anche in difesa la squadra si è rinforzata e alla lunga i nuovi innesti si integreranno bene. Il Napoli dovrà ben figurare in Coppa dei Campioni e ripetere il miracoloso campionato dello scorso anno.

Cavani riuscirà a ripetere la passata stagione sia in fatto di gol che come rendimento?

Secondo me, fra campionato, Coppa dei Campioni e Coppa Italia, farà più gol dell'anno scorso.

Per vincere qualcosa di importante, tutte le componenti sono fondamentali. Tecnica, tattica, carattere e fame di vittorie sono tutte caratteristiche che contano. Quale di queste sarà più determinante nell'arco dell'anno?

Certamente sono tutte caratteristiche importanti, ma la fame di vittorie sarà quella più decisiva.

Ha fatto bene Mazzarri a riproporre Fideleff con la Fiorentina dopo l'errore di Verona?

Mazzarri ha fatto bene a riproporlo al cospetto del San Paolo. Per il ragazzo esordire allo stadio di Fuorigrotta davanti a 40 – 50 mila tifosi è stata un'iniezione di fiducia. Non confermarlo sarebbe stata una bocciatura. A me non è dispiaciuto.

Ieri con la Fiorentina che Napoli ha visto?

Con la Fiorentina ho visto un Napoli timoroso nel primo tempo, a causa degli strascichi della partita con il Chievo. Nel secondo tempo, la partita è cambiata. La squadra azzurra si è scrollata di dosso la paura e ha fatto il suo solito gioco. E' ovvio che doveva partire meglio, ma questo fa parte del processo di maturazione che non è ancora terminato. Per questo ci vogliono diversi anni.

Con il Villareal, secondo lei, Mazzarri schiererà la formazione tipo?

Dipende dalle condizioni di Maggio che dovrebbe farcela, altrimenti sulla fascia destra toccherà ancora all'ottimo Zuniga. Per il resto dovrebbero giocare tutti i titolari. Comunque è un bene che dopo il Villareal ci sarà l'Inter così non ci saranno cali di tensione.

Antonio Catapano – Redazione Napolisoccer.NET

6 COMMENTS

  1. cm sempre un Carlo Alvino molto razionale nonostante il grande amore per la squadra:) su una risposta concordo perfettamente:) la convocazione del giovane fiedeleff 🙂 sarebbe stata davvero fatale per lui nn giocare dp il grande errore 🙂 . gran merito a Mazzarri almeno su questo sino ad ora::::::::::::::: alla prossima 🙂

  2. è vero il processo di maturazione non è sicuramente terminato,speriamo che nei prossimi scontri ci sia un progresso accellerato,gli impegni lo richiedono

  3. Mitico Carlo ALVINO. Sempre gentile, disponibile, competente ed obiettivo. Grazie per le emozioni che ci doni durante le telecroniche del nostro Napoli.

  4. Arrivare al 3° posto e confermarsi è il risultato a cui arrivare. Tutto il resto, è di guadagno. Speriamo bene, secondo me con il ritorno alla vittoria possiamo riprendere l’entusiasmo di sempre. Forza Napoli!

LEAVE A REPLY