Olimpiadi 2008: Lottatore Abrahamian lascia a terra la medaglia

2
20

Gravissimo gesto antisportivo dello svedese di origine armena Ara Abrahamian nel corso della cerimonia di premiazione dei atleti vincitori di medaglie nella lotta greco-romana categoria 84 kg, gara che ha visto l’azzurro Andrea Minguzzi conquistare il gradino piu’ alto del podio. Lo svedese, bronzo con il turco Nazmi Avluca, ha lasciato per terra la medaglia che aveva appena ricevuto. Un gesto di protesta nei confronti della giuria che a suo giudizio e a giudizio dello staff tecnico svedese l’aveva penalizzato in occasione della semifinale sostenuta proprio contro Minguzzi. Lo svedese gia’ al termine del combattimento contro l’azzurro si era reso protagonista di un gesto antisportivo, rifiutandosi di andare al centro della pedana di lotta, accettare il verdetto e stringere – come da protocollo e, in particolare, etica sportiva – la mano dell’avversario. Quasi sicuramente nei suoi confronti il Cio adottera’ provvedimenti disciplinari.
Fonte: AGI

2 Commenti

  1. non è svedese….è armeno.
    se non vuole la medaglia che gliela tolgano pure.
    gente come questa non deve essere ammessa alle olimpiadi.
    mi aspetto una pesante sanzione, come avverrebbe se un italiano avesse fatto una cosa del genere.

  2. Minguzzi era con tutto il corpo sulla linea blu: nessuna penalità.
    Successivamente Abrahamian ha toccato la linea blu con una mano: penalità e gara persa, addio all’oro.
    Le regole sono regole, Minguzzi purtroppo avrebbe dovuto perdere l’incontro (e sottolineo purtroppo).
    Era l’ultimo match nella carriera dello svedese, che è un 2 volte campione del mondo: ha scelto una protesta plateale contro un arbitraggio platealmente scorretto, od almeno totalmente iniquo.
    Peccato.

LASCIA UN COMMENTO