Quel temibile avversario, il disfattismo

16
17

mazzarri-12-02-2011Rabbia, amarezza: ma ora non dobbiamo disunirci
Lo so non è facile digerire uno 0-0 interno contro una squadra che lotta per la salvezza
Immagino che sia davvero deludente, dopo un San Valentino così pieno d’amore, anticipato da quello 0-2 di Roma che apriva scenari tricolore, guardare oggi la classifica e vedere che quella solidità di cui eravamo convinti, quel terzo posto che ci sembrava stretto, oggi cominciano a vacillare.
Un calo? Complotti? Arbitri scarsi? Gargano? Mazzarri?Assenza Lavezzi? L’Europa League? Il mercato sbagliato? I ricambi non all’altezza? Gli interrogativi si sprecano e si sprecheranno per cercare di capire come mai, ancora una volta il Napoli dopo iperboliche aspettative si ritrova adesso in una bellissima posizione di classifica, ma con un orizzonte diverso: 10 finalissime in cui nessuno (arbitri compresi) ti regala nulla. Due mesi e mezzo di battaglie calcistiche all’ultimo secondo.
Vi chiederete perché ho usato nella frase, ancora una volta. Facciamo un passo all’anno scorso. Mazzarri prende il timone di un gruppo a cui manca l’anima. Crea un collettivo, forma una squadra. Dopo una serie di risultati utili consecutivi ( 15!) si ferma ad Udine (anche lì arbitraggio scarso e non preciso) con una sconfitta 3-1. Lì il gruppo sembra perdere quella convinzione, quella forza, quell’alchimia che tante emozioni ci aveva procurato. Sognavamo la Champions. Ma poi con una serie di risultati discreti, ma non all’altezza dell’inizio, il Napoli centra il piazzamento Europa League. Eravamo a febbraio. Il 7 febbraio. E da lì in poi il Napoli raccolse solo 3 punti in 5 partite, pareggiando contro Siena, Inter, Roma, e perdendo contro Bologna e Fiorentina. Come se bastassero pochi episodi a far scoppiare una bolla di entusiasmo.
Quest’anno sembra che stia accadendo la stessa cosa (autorizzati i debiti scongiuri). Napoli da tricolore che di fronte al febbraio verità svela la sua vera potenzialità: la Champions. E magari, ora penserete. Perché nemmeno più quella sembra sicura. Lazio, Udinese, Roma sono lì pronte ad approfittare di eventuali cadute azzurre successive.
C’è una sola soluzione per evitare tutto questo: evitare il disfattismo. Stare uniti mantenendo un grande equilibrio di giudizio. Che significa? Che bisogna farla finita con le critiche distruttive a Gargano, Mazzarri, Aronica, Pazienza. Hanno dato più di quello che sono capaci di dare. Il Napoli ha fruttato il 120% delle sue potenzialità d’organico. Non dico di accontentarci qualsiasi cosa faccia il Napoli. Sono il primo che ieri dopo la gara aveva rabbia contro i calciatori, contro Mazzoleni, contro il presidente. Ma poi deve arrivare la razionalità e la riflessione oggettiva: avremmo firmato ad agosto per vivere le emozioni di quest’anno.
Non disuniamoci. Così facciamo solo una grande cortesia a chi non vuole che i nostri colori siano lassù. Critichiamo perché fa bene. Ma non distruggiamo. Facciamo sentire ai nostri beniamini la fiducia, il sostegno. Applaudiamoli se sbagliano. Incoraggiamoli se nelle gambe si sentono stanchi. Siamo o non siamo il dodicesimo uomo in campo. Disunendoci diventiamo il dodicesimo uomo delle avversarie.
Dieci finalissime, due mesi e mezzo. Tiriamo il fiato, alla fine tireremo le somme. E guarderemo la classifica per stabilire se essere contenti di questo Napoli. Alla fine. Ora restiamo uniti. Insieme siamo più forti.

Bruno Gaipa, conduttore di "Zona Mista" in onda su Radio CRC Targato Italia
 

16 Commenti

  1. Non dobbiamo arrenderci a niente altrimenti facciamo il gioco loro. Non bisogna tralasciare per il momento nessun obiettivo, è ancora presto anche se qualcuno ci può dare del matto. Domenica con Lavezzi sarà un altro Napoli. Quelli davanti comunque non vinceranno in modo pulito, staremo a vedere pure domenica. Ora + che mai FORZA NAPOLI

  2. Grande articolo, giustissime considerazioni… Dobbiamo impedire a tutti (arbitri, malasorte e criticoni) di negarci il nostro grande sogno.. Vogliamo continuare a sognare, vogliamo vivere una stagione ancora da protagonisti, vogliamo sentire quel famoso inno nelle notti della prossima stagione nel teatro del San Paolo… Andiamo avanti, corriamo insieme, lottiamo, crediamoci.. a cominciare da domenica col Parma, con la giusta cattiveria, con la giusta determinazione… Abbiamo 10 finali (e in casa nostra Lazio e Udinese)… Portiamo a casa più punti possibili… Forza ragazzi, forza magico Napoli!!!

  3. purtroppo il tempo è galantuomo ..ciò che avevo detto sin dall’estate si sta avverando.
    calo fisico,panchina corta,uomini sbagliati,modulo sbagliato,i giocatori si spompano e non concludono,nemmeno in casa col brescia..!e una cosa vergognosa ,mazzarri ci deve riflettere lui non può far giocare così questa squadra,dice sempre di sì e non si sà per quali interessi a napoli viene lucarelli,mascara e magari ci sono in giro tanti veri talenti che sono ignorati..vi ricordate dove fù pescato romano? in serie c signori,ma parliamo di gente che capiva di calcio e onesta come allodi.
    infatti è bastata l’assenza di lavezzi per evidenziare i limiti di questa squadra.
    poi chi vuole sognare padrone di farlo..nonè disfattismo,è vedere invece solo ciò che si vuole vedere,ma quando gli capiterà un campionato così scarso al napoli,? l’anno prossimo si rafforzerà la roma ,la juve e ..che te lo dico a fare..!
    ci vuole un uomo d’ordine a centrocampo e bravo a lanciare le punte in contropiede,via gargano .
    hamsik se vuole deve ricoprire un ruolo ben definito e non eclissarsi durante le partite.
    insoma il blanc o il krol ,oppure il romano di allodi…allora vedremo cavani segnare caterve di gol,come pellegrini sui lanci di krol.
    sò che molti che scrivono non sanno nemmeno ci siano questi uomini..pazienza ,continuate a sognare..!

  4. Anch’io concordo con l’articolo che e’ serio e competente. E’ chiaro che manca qualita’ in mezzo e questo lo sappiamo. Potevamo tenerci Cigarini ma lasciamo stare. Stiamo facendo bene, molto bene. E allora proviamo a migliorare. Mettiamo Hamsyk con Gargano in mezzo e la qualita’ migliorera, lo perdiamo davanti ma acquistiamo fosforo nella zona nevralgica. Proviamo..

  5. Da un fastidio enorme sentir parlare di complotti o arbitri. Ma lo volete capire o no che un Napoli ai vertici e la fortuna sia delle TV che della federcalcio!!
    Il Milan e l’Inter stanno avanti a noi perche’ semplicemente piu’ forti, tutto qua’! Poi ci lamentiamo se ci chiamano piagnoni. Mazzarri e sicuramente un ottimo allenatore ma non si sopporta idem De Laurentis, ridicolo. Detto questo spero che rimangino a lungo.

  6. ma perchè ci buttiamo giù per un pareggio ? siamo terzi, non dimentichiamoci che inter, udinese e lazio devono venire al san paolo.

    forza napoli non molliamo il sogno champion è a portata di mano.

  7. Ragazzi non mollate, in fondo anche con il brescia abbiamo avuto le nostre occasioni nonostante il muro avversario. A questo punto della stagione un leggero calo psico-fisico ci può anche stare. L’importante è limitare i danni in questa fase e poi ripartire al momento giusto. Forza Ragazzi.
    Forza Napoli.

  8. Vedrete che la squadra pur se affaticata non mollera’ ma e’ da tempo che ho detto che mazzarri è un grande motivatore un uomo di spogliatoio ma non legge le partite! almeno vedendo dal di fuori non si capisce perche’ non sostituisce gargano ma pazienza e dossena perche’ non inserisce lucarelli prima e non dopo e si fissa su mascara che contro una difesa di lungagnoni non ha alcuna possibilita’ perche’ non ha la velocita’ di lavezzi non punta mai l’uomo e fa fatica persino a stare in piedi La mia non è una critica ma una constatazione! Secondo me x non alienarsi lo spogliatoio insiste su certi uomini e non scolla e non cambia e non prende iniziative se non con certi giocatori…. sempre gli stessi.

  9. bravo marcodaroma,il punto è proprio questo.
    Mazzarri si prenda le sue responsabilità.
    si ostina con alcuni giocatori e non è eficace nei cambi ,oltrechè a dire il vero, ha una panchina corta che certo non lo agevola, il napoli non è il milan che può permettersi di tenere cassano in panchina,ma potrebbe far giocare chi è in forma e più utile in alcune partite invece non lo fà.
    le partite ,concordo non le sà leggere ,è un grande motivtore ,ma vediamo che non basta.forza napoli.

  10. a proposito ,delle dodici finali già ne abbiamo perse due,per qualcuno che ha detto che ci aspettano dieci finali…,senza contare l’esclusione dalla uefa.
    ma che vuoi sognare! siamo fortunati se nn ci supera l’udinese …

  11. allora voglio dire solo una cosa e cioè : ULISSE non capisci niente di calcio ..stai parlando di calo fisico e di altre str….te come panchina corta modulo sbagliato etc io invece voglio solo ricordarti che fino a oggi napoli e udinese hanno praticato il CALCIO più bello della serie A poi voglio dirti anche un altra cosa il napoli ha un ruolino impressionante rispetto agli altri anni senza contar il fatto che è ancora a – 3 dall inter e se avesse fatto punti al san paolo contro il milan sarebbe anche a – 3 dai rossoneri..quindi incompetente non penso che per una partita pareggiata in casa si puo parare di tutte ste cose….smettila che stiamo facendo un grande campionato e sopratutto lascia lavorare tranquillo mazzarri ch e il miglior tecnico all attivo in italia in relazione al suo stipendio alla qualita dei giocatori e alla posizione in classiffica della squadra che allena ..rinasceremo domenica a parma e non grazie a te ULISSE !

  12. x giannino.
    non ti scaldare ,io esprimo le mie opinioni ,che tra l’altro sono surrogate dai fatti.
    se non ti è sufficiente quello che vedi e hai visto suppongo fino ad oggi,te ne accorgerai a fne campionato, forse.
    ti ricordo che siamo fuori dalla uefa,grazie al villareal. squadra di metà clasifica spagnola,abbiamo perso con l’inter la qualificazione in coppa italia,abbiamo perso lo scontro diretto con il milan,cosa altro vuoi,un crodino??
    mi sà che qui non sono l’unico a non capire di calcio e a dire stzt.
    dici ,se il napoli avesse vinto con ,se non avesse perso con,lo dici tu stesso,è una chiara incoerenza e mancanza di logica.
    con i se e i ma, non si è mai concluso nulla,solo inconcludenza.

  13. @ ulisse
    maronna mia… m’ sto rattann a ogn parola. Ma fuss nu poc seccia?
    Il villareal è quarto, dietro Barcellona, RM e Valencia. Mica dopo Pizzighettone e Albinoleffe, siamo usciti dalla coppa italia contro i campioni d’europa e abbiamo perso in casa della squadra che vincerà lo scudetto. Non lo so se te ne sei accorto pure tu ma il milan quest’anno vincerà lo scudetto perchè hanno deciso che sarà così.
    ‘A logica? Comm”a regola… se trova nel bancolotto

  14. Nessuno si è ricordato che senza Lavezzi, infortunatosi contro il Palermo, la squadra ha continuato il suo ruolino positivo. Il fatto è un altro. La partita contro il Milano, disputata in maniera veramente scarsa, ha evidenziato però che alla prima occasione il potere ti castiga. Inoltre nella vergogna della “moviola è uguale per tutti” quel mediocre giocatore che è stato Ferri, per giustificare il mancato rigore su Maggio, si è permesso di dire che in fondo cosa pretende il Napoli dopo l’ottimo campionato che sta disputando? Ovvero si accontenti del posto che occupa e non disturbi il manovratore. Senza parlare di argomenti talmente contorti e cervellotici di quel bravo arbitro che fu Cesari per far credere che forse il fallo lo aveva commesso Maggio non essendosi scansato sull’ntervento del difensore. Questo vuol dire che il Napoli deve chiudere le partite il prima possibile (vedi contro Sampdoria, Juventus, Cesena etc.)

LASCIA UN COMMENTO