Napoli costruisce e distrugge, Palermo ringrazia

18
25

Le pagelle di Napolisoccer.NET: Palermo-Napoli 2-1.

De Sanctis: poco impegnato fornisce sicurezza al reparto. 6
Campagnaro
: buon esordio del difensore argentino, bravo in difesa propositivo ed efficace in attacco. Si adopera per fornire alla squadra un punto di riferimento in più sulla corsia destra. Sui calci piazzati (sia in attacco che in difesa) dimostra di poter dire la sua, peccato per il palo colpito, che avrebbe meritato miglior sorte. 6,5
Cannavaro
: buoni interventi ma in qualche occasione dimostra di avere poca sicurezza con rinvii precipitosi e poco intelligenti. L’attacco palermitano non lo impegna tanto ma nel complesso gioca una partita sufficiente. 6
Contini: la sua prestazione ricalca quella di Cannavaro. Gioca una gara attenta ma comunque non riesce mai a proporsi ai compagni in maniera decisa oppure ad uscire dalla difesa con azioni convinte. Nella maggior parte delle volte si limita ad appoggiare la palla al compagno più vicino, e visti gli errori della scorsa stagione già questo è un miglioramento. 6
Maggio
: è protagonista nel bene e nel male. Gioca una gara gagliarda, si procura due occasioni da gol e colpisce i legni, ma una sua ingenuità (ma comunque subisce un fallo) incanala la partita su un binario negativo. Nella ripresa cala alla distanza e non riesce più a dare profondità alle sue azioni. Purtroppo l’errore sul primo gol condiziona il giudizio sulla sua prestazione. 5,5
Gargano
: è tornato l’indomito trottolino e questa volta evita anche di commettere le ingenuità che la scorsa stagione tanto condizionavano le sue partite. Come rubapalloni è indiscutibilmente forte e difficilmente il tecnico potrà decidere di fare a meno di lui. 6,5
Bogliacino
: fintanto che la condizione fisica tiene, regge – senza alcun tentennamento – il peso del centrocampo riuscendo a dare le giuste geometrie alla manovra azzurra. Molto bravo anche in fase di copertura. Vistoso il calo nella ripresa tanto che il suo apporto cala sensibilmente e la squadra ne risente. 6
Hamsik
: finalmente è tornato, corre, contrasta e finalmete segna (stasera ne ha messi 2 dentro). L’apatia che ne ha caratterizzato il rendimento lo scorso anno sembra essere svanita. Con un giocatore così il futuro sembra più roseo. 6,5
Datolo
: partita giocata di buona lena, con tante iniziative degne di nota e soprattuto con una volontà superiore alla media di mettersi a disposizione dei compagni anche nella fase difensiva. Purtroppo in alcune circostanze gioca ancora ad un ritmo troppo lento per il campionato italiano e quando preso in velocità soffre. 5,5
Lavezzi
: parte bene facendo impazzire gli avversari fino a quando decide di voler giocare da solo meritandosi i continui e giusti rimbrotti di Donadoni. Il ragazzo deve capire che con gli scambi rapidi e la sua velocità può mettere in ginocchio qualunque avversario mentre il suo incunearsi a testa bassa nelle difese avversarie è inutile per il Napoli e deleterio per lui. 5,5
Quagliarella
: ci prova a segnare ma non gli riesce il colpo vincente, prima da lontano e poi con il cucchiaio la palla finisce sempre fuori. Troppo assente dalla manovra della squadra e dal vivo del gioco, anche lui è vittima di un evidente calo fisico nella ripresa. In almeno 2 occasioni mette in mostra il suo repertorio di assist-man. 5,5

Sostituzioni
Zuniga: un esordio peggiore non poteva farlo, è il protagonista negativo della gara. Con il suo banale errore svilisce irreparabilmente lo sforzo prodotto dai compagni per addivenire al meritato pareggio. 5
Cigarin
i: si posiziona nel suo naturale ruolo cercando di velocizzare la manovra ormai dienuta lenta e prevedibile. 6
Denis
: poco tempo per giudicarlo. SV

Allenatore, Donadoni: mette in campo una squadra composta da 11 giocatori che sanno cosa fare. E’ evidente sia l’impostazione tattica che tecnica della squadra. Niente più (o quasi) palloni randellati in avanti a scavalcare il centrocampo ma solo manovre ragionate con i difensori che danno al palla ai centrocampisti e questi impostano verso le punte. Buone le azioni corali messe in mostra soprattutto nel primo tempo da registrare l’intesa tra gli attaccanti, che troppo spesso verticalizzano freneticamente sbagliando, e quella tra i difensori, che oggi pur non avendo contro una squadra particolarmente votata in attacco hanno messo in mostra, in alcuni elementi, le solite carenze di sicurezza e precisione. Sufficiente la prestazione della squadra ma gli errori – sia in attacco che in difesa – nel calcio si pagano, ed al Napoli non è stato fatto nessuno sconto. 6

Gianni Doriano

Condividi
Articolo precedenteZenga: “Il risultato del campo è sempre quello giusto”
Prossimo articoloPalermo-Napoli: tabellino e statistiche
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

18 Commenti

  1. De Sanctis 6 Campagnaro 6 Cannavaro 6 Contini 6 Maggio 5 Gargano 5.5 Bogliacino 5 Hamsik 7 Datolo 5.5 Lavezzi 5.5 Quagliarella 5.5 Zuniga 4.5 Cigarini e Denis sv…..Hamsik è l’unica stella in questa squadra xkè nn dimentichiamoci ke anke stasera ha segnato 1 doppietta….poi x il resto Maggio e Zuniga hanno rovinato la partita e l’attacco nn era ispirato….speriamo di conquistare la vittoria cn il livorno!

  2. Se consideriamo il calcio uno sport diciamo che l’avvio del Napoli è stato promettente, e decisamente si sono intraviste delle novità dal punto di vista del gioco e delle manovre… forse gli attaccanti hanno ancora bisogno di trovare il giusto feeling, perché in alcune occasione Lavezzi e Quagliarella si sono trovati 2 contro 2 al limite dell’area palermitana. E sinceramente due calciatori dotati dal punta di vista tecnico come loro, avrebbere potuto fare sicuramente qualcosa in più. Però, siccome noi italiani siamo abituati a giudicare il calcio come un gioco e non come uno sport, allora in questo caso il giudizio cambia radicalmente. Polli noi e scaltri loro ad approfittare delle nostre ingenuità. A questo punto i possibili scenari che si aprono sono 2. Il primo è che possiamo in qualche modo consolarci di aver disputato tutto sommato una buona partita ed aver in qualche modo proposto un gioco accettabile,senza dubbio migliore di quello del Palermo. Il secondo scenario invece è alquanto negativo, in quanto bisogna preoccuparsi seriamente seppur giocando meglio e in molti casi dominando il Palermo abbiamo perso lo stesso, contro una squadra che non è certo il Barcellona? … Gradirei una risposta da Doriano… Grazie.

  3. Non fasciamoci la testa. Abbiamo giocato un primo tempo, in trasferta, come non si vedeva da non so quanto tempo. E’ chiaro che se il guardalinee è nettamente fuori posizione, sul primo gol di Hamsik, poi prendiamo 3 pali, l’occasioncella prima o poi ce la dovranno avere pure gli avversari, che comunque hanno segnato 2 gol sporchi. Ho letto che si è visto il solito Napoli con il solito mal di trasferta, non scrivete baggianate. Il Napoli visto ieri è un grande Napoli, che ha dominato in lungo e in largo. Ci divertiremo.

  4. Chiarite a quel pagliaccio di Zenga che hanno fatto pena. sembravano una squadretta interregionale, e non hanno fatto nulla per l’intero arco della gara.Quando poi il Napoli ha iniziato a palleggiare, sono talmente inferiori tecnicamente, che non ci hanno capito nulla. E’ stata solo la prima partita rubata al Napoli come avvenuto per tutto il corso del girone di ritorno dello scorso anno( sfido chiunque a rivedere tutte le partite del napoli da quella con il milan in poi). Zenga parla come un pagliaccio ed i suoi uomini non sono da meno.Quando hanno visto che non potevano vincere perchè ciucci, hanno iniziato vergognosamente a sbraitare e a fare falli.Poi hanno segnato con fallo netto suMaggio e tutti contenti, come bambini, non come sportivi. Il Napoli ha vsubito l’annullamento di una rete validissima. Ha preso tre legni. Ha subito un goal da annullare. Solo alla fine l’errore di Zuniga. Insomma siamo rimasti e resteremo signori. Non ci piace essere pagliacci.Zenga sei uno sxxxxzo.

  5. Il palermo non era una squadretta, vi inganna il fatto che il napoli di quest’anno e’ nettamente piu’ forte e ve ne accorgerete quando fara’ piu’ fresco e le squadre che comandano il gioco verranno fuori.

  6. Se il buongiorno si vede dal mattino, questo napoli proprio non mi convince, vorrei potermi sbagliare, ma ho la sensazione che la sinfonia dell’ anno scorso continui a veleggiare nei mari Donadonei..
    Una squadra mal messa in campo contro un palermo scadente. Lavezzi inguardabile. Non voglio innegativare i lettori con un commento eccessivamente cattivo, ma gli entusiasmi napoletani hanno un valore, una energia che troppo contrasta con quella dei MancatiDoni, a tratti ricoperto da una maledizione che non meritiamo. La scelta di zuniga al posto di Dadolo ne è la conferma. Mister questo modulo va cambiato! Presidente questo mister va cambiato!

  7. sono d’accordo con alcaluc io ho visto un buon napoli siamo stati sfortunati sia sui 3 pali sia sulla valutazione del guadaline che secondo me guardava un’altra cosa, qualche cosa devi concedere poi ad una squadra che a detta del suo allenatore può vincere il campionato, poi voglio commentare il voto di datolo che per me è da sufficenza piena che non sia proprio lui l’ultimo grande acquisto? ci divertiremo

  8. Datolo 5,5???? ma che partita avete visto voi che gli date 5,5 e Doriano.
    Abbiamo giocato a senso unico fino all’uscita di datolo il palermo non vede palla. poi esce Datolo la squadra si disintegra……….mi fate incxxzxre piu` di Zenga. La partita e` stata persa perche` Zuniga doveva entrare al posto di Maggio non Datolo.
    Cannavaro Gargano Datolo 6,5 Campagnaro 7 Hamsik 7+
    tutti gli altri escluso per Zuniga 6 (Maggio se non faceva la papera 6,5)

    Allenatore come gioco e` la prima volta da decenni che vedo un napoli che controlla il gioco dunque BRAVO Donadoni meriti un 9 ma come strategia aparita in corso 4,5

  9. sono in linea con quanto espresso da DarioMusic, come al solito(soprattutto in Italia) un buon 50% degli sportivi nei suoi giudizi finali si fa influenzare dal risultato della partita. Ma è oggettivo che la squadra vista ieri in campo per 1 ora buona ha fatto girare il pallone(e la testa al Palermo) come non si vedeva da tempo. Poi purtroppo le partite possono essere anche decise da degli episodi e ieri sono statti tutti sfavorevoli. Comunque sono ottimista per il futuro.

  10. a parte il fatto che il giudizio di Zenga a fine gara offende l’intelligenza, il Napoli di ieri sera è stato almeno il primo tempo e buona parte del secondo la miglior formazione scesa in campo di tutta la serie A, ho visto il giorno prima il Milan, che è indecente a parte Pato gli altri sembrano delle statuine, il Siena con un po di impegno usciva vincente, ho visto L’Inter al pomeriggio peggio che mai andavano a 2 all’ora, il Bari nel secondo tempo si mangiato la palla del 2 a 1, per non parlare delle altre. Ebbene sono fiero e contento del Napoli di ieri sera perchè una squadra che gioca in velocità con gli inserimenti di Maggio e Hamsik così non si era ancora vista. Abbiamo perso solo perchè le squadre di Zenga sanno solo menare (vedi Catania dell’anno scorso)….. abbiamo bisogno solo più di un uomo massiccio a centrocampo che sappia essere “Cattivo” al momento giusto e che protegga Cigarini e Gargano. L’unica cosa che non mi va giù e che Zuniga lo abbiamo comprato per giocare a DX non a SX dove si troverà sempre in difficoltà in quanto gli avversari gli andranno via sempre dalla parte + debole

  11. ho letto tutti i commenti, più o meno ssono d’ accordo, a parte la presunzione da perdente e non da vincente, di zenga …… chi ha visto la partita, non gli sarà sfuggito, e credo che non bisogna aggiungere altro, il silenzio dei tifosi ammettendo ,perche no anche per me la superiorità del napoli ……… ai posteri l’ardua sentenza ciao forza napoli

  12. Un Napoli sfortunato di certo. Comunque, mi chiedo cosa è cambiato nel gioco da Reja ad oggi. Sempre lo stesso modulo 3-5-2, con un 2 (punte) che in realtà sono solo 1, visto che Lavezzi non è un attaccante puro. Allora, è inutile comprare Quagliarella e poi lasciarlo solo in area – come Denis e Zalajeta – ad attendere il passaggio pressato da 2-3 difensori. All’Udinese giocava in coppia con Di Natale, altro attaccante “puro”e hanno fatto decine di goals. Se quest’anno, con questo modulo, ne riuscirà a fare 8 sarà un miracolo. Denis sarà pure scarso ma no lo fanno mai giocare più di 15 minuti. Chi dovrebbe essere Mandrake per entrare e segnare ?
    Anche il primo cambio fatto: stiamo perdendo e non entra un altro attaccante ma un difensore. Stava proprio giocando male Datolo ? Non credo, almeno a sinistra spingeva. Maggio sulla fascia destra riceve il pallone e invece che scendere per crossare o tirare ripassa lspesso la palla quasi per liberarsene e risparmiare fiato per tornare a coprire. Ma allora chi deve fare goal: solo Hamsik ? Comumque ieri bravissimo.
    Io Donadoni non lo capisco.
    Spero di sbagliarmi e comunque sempre Forza Napoli!

LASCIA UN COMMENTO