A Napoli arbitra Mazzoleni, a Torino va Rizzoli

10
41

arbitro2Rese note le terne arbitrali con il quarto uomo designate per la 28.a giornata del campionato di serie A, in programma questo fine settimana. A Napoli per la partita tra i padroni di casa ed il Brescia ci sarà Mazzoleni, mentre a Torino per il big match tra Juve e Milan andrà Rizzoli di Bologna. Ecco riportate di seguito tutte le terne arbitrali previste:
Bologna-Cagliari: Ostinelli di Como (Carrer-Marrazzo, Morganti)
Chievo-Parma: Orsato di Schio (Stefani-Faverani, Tagliavento)
Fiorentina-Catania: Celi di Campobasso (Angrisani-Schenone, Corletto)
Inter-Genoa: Russo di Nola (Passeri-Dobosz, Velotto)
Juventus-Milan (sabato, 20.45): Rizzoli di Bologna (Ghiandai-Giordano, Romeo)
Lazio-Palermo (20.45): Gava di Conegliano (Ayroldi-Tonolini, Calvarese)
Lecce-Roma (venerdì, 20.45): Damato di Barletta (Viazzi-Liberti, De Marco)
Napoli-Brescia: Mazzoleni di Bergamo (Cariolato-Manganelli, Brighi)
Sampdoria-Cesena (12.30): Pierpaoli di Firenze (Di Fiore-Altomare, Doveri)
Udinese-Bari: Massa di Imperia (Copelli-Marzaloni, Baracani).

Pino Chianese – Redazione NapoliSoccer.NET

10 Commenti

  1. queste designazioni sono assurde!! per chievo-parma, con il parma in lotta per non retrocedere, viene designato un arbitro di schio, che si trova a pochi km da verona; per lecce-roma, con il lecce che ha bisogno di punti salvezza, viene designato un arbitro pugliese, di barletta; per napoli-brescia, dove il brescia ha bisogno di punti per salvarsi e il napoli invece potrebbe eventualmente recuperare qualche punto sul milan che gioca a torino, viene designato un arbitro di bergamo, città che confina con milano e con brescia! a me queste designazioni puzzano un po’…

  2. @ Giovanni T.
    Guarda che ci sò sempre state. Domenico Messina è di Cava dei Tirreni, provincia di Salerno, tifoso granata e lo mandavano a arbitrare senza probblemi la Salernitana. Rimme tu.

  3. Vi meragliate, e perchè?
    A torino mandano rizzoli, che ha fatto vincere il milan a Napoli all’ andata.
    E poi tutto come dice Giovanni T., la mafia del calcio ha colpito ancora.
    Avete visto che quel marrone di tosel, i cori e gli striscioni di milano nemmeno li a visti e sentiti?

  4. la verita’ e’ che se gli arbitri fossero estratti a sorte non converrebbe a “qualche” squadra!
    il calcio in italia e’ stato sempre manovrato e la politica c’entra e come!!!
    la juve ha pagato per tutti (era ora!!!) ma sappiamo bene che e’ solo la punta dell’iceberg…
    … lo scudetto e’ del milan.. gia’ ad agosto lo si era capito!!! si sapeva…
    vi siete mai chiesti perche’ da anni milan, roma e inter vengono costantemente aiutate?!! sono le societa’ piu’ indebitate d’italia ma chissa’ come mai non le fanno fallire… a noi per molto ma molto ma molto ma molto meno ci hanno schiaffati in C per direttissima… mortificandoci ancor dipiu’ di quanto non lo fossimo gia’… potrei andare ancora molto avanti ma mi fermo qui!!!!!!!!!! forza napoli dobbiamo essere piu’ forti del palazzo..
    forza dela!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  5. Voglio proprio vedere quando avranno il coraggio di far abitrare ROCCHI ,questi spudorati nn si vergognano di niente,tutti gli avvisi che c’erano stati in settimana nn sono serviti ad altro che a dare addosso a MAZZARRI,ma come e possibile subire queste ANGHERIE?X quando riguarda i CORI e GLI STRISCIONI SPERO CHE la SOCIETA’ si faccia SENTIRE,TOSEL a CASA.

  6. Il Napoli attuale pur gicando bene, a parte l’episodio di Milano scaturito dalla stanchezza per aver affrontato l’Europa league,non potrà mai vincere lo scudetto perchè ha una parte di Italia contro. Ed è in parte formata da arbitri e dirigenti che gozzovigliano con gli immensi introiti del calcio.
    Se un arbitro è in malafede e decide che devi perdere puoi essere anche il Barcellona di Messi ma basta fermarti con fuorigioco inesistenti o con rigori fantasma e hai perso. Però siccome non voglio fare del vittimismo gratuito dico bravi a questi ragazzi che mi stanno facendo provare delle grandi e forti emozioni.

LASCIA UN COMMENTO