De Laurentiis: “Sciopero? Non si può andare avanti con leggi vecchie di trenta anni”

0
24

delaurentiis10-pensieroso''Si rischia lo sciopero? E allora non iniziasse il campionato, non possiamo stare sempre con la pistola puntata alla tempia''. Lo ha dichiarato il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, al termine dell'assemblea di Lega che ha rigettato la bozza di accordo collettivo firmata gia' dall'Assocalciatori a causa dei nodi legati al contributo di solidarieta' e agli allenamenti dei 'fuori rosa'. Il numero uno del Napoli, ancora all'interno dell'hotel Parco dei Principi dove si e' svolta l'assemblea, ha sottolineato che i club ''non chiedono di fare la guerra a nessuno. Questo e' solo un problema culturale che deve essere superato per il bene del calcio. Il contratto attuale e' vecchio, inesistente, di trent'anni fa. E' inutile rinnovarlo, bisogna ammodernarlo''.
''Bisogna fare tabula rasa e mettersi il passato alle spalle – ha aggiunto De Laurentiis – e la Federcalcio, anche se stimo molto il presidente Abete, e' un animale preistorico che per sopravvivere deve cambiare atteggiamento: non puo' ignorare che e' impossibile andare avanti con leggi vecchie di trent'anni. Dobbiamo crescere culturalmente''.
Fonte: ANSA

LASCIA UN COMMENTO