Qui Barcellona… a -2 dal Gamper

0
26

La playa di Barceloneta è un ammasso di corpi al sole e gli idiomi s'intrecciano in una sorta di esperanto: spagnolo, inglese, francese e … napoletano. Sì, incomincia tingersi d'azzurro la città catalana perchè già si scorgono tifosi qua e là che si distinguono per la gesticolazione che accompagna il tono deciso della voce e per la maglietta partenopea con tanto di sponsor come seconda pelle che un pò stona col caldo e le esibizioni di topless di scena sulla spiaggia di San Sebastian. Comincia così il conto alla rovescia per l'attesa sfida tra Lavezzi e Messi mentre palloni azulgrana rimbalzano fastidiosi tra i bagnanti più che altro incuriositi.
Ho seguito anonimamente un gruppetto di una decina di tifosi azzurri incontrati per caso ad una fermata dell'autobus 64 che da Plaza de Colom porta a Barceloneta, volevano entrare a tutti i costi per la porta centrale quando è d'obbligo la salita dalla porta anteriore, per esibire al conducente il titolo di viaggio o comprare direttamente a bordo il biglietto. Hanno incominciato a battere i pugni sui vetri, spaventando i passeggeri, inveendo poi contro il povero conducente reo d'esser ripartito senza farli salire sul mezzo pubblico. Sono stati fortunati perchè qui in Spagna la Polizia, se allertata, va per le spicce e si rischia di passare un brutto quarto d'ora.
Xavier è un tassista di media età, tifoso manco a dirlo del suo Barça, "mas que un club" tiene a ricordare. Mentre mi riaccompagna a casa sulla Rambla gli chiedo cosa ne pensa di questa partita e che valore viene dato alla 46^ edizione del trofeo Gamper. Ritiene sia una sfida molto interessante, conosce bene il valore dei tre tenori azzurri ed è incuriosito molto dalla sfida tra Pocho y Pulga: "Contro il Napoli il Barça tirerà un pò il fiato, Pep farà le prove generali in vista della Supercoppa Europea che vedrà impegnati venerdì prossimo i catalani detentori della Champions contro il Porto che si è aggiudicato brillantemente l'Europa League. Il trofeo si disputa in memoria del fondatore del club ed il Barça ci tiene a vincerlo come dimostrano le 34 vittorie in palmarès."
Gli dico che anche per il Napoli sarà una prova generale in vista della prima partita di campionato visto che in Italia lo sciopero dei calciatori è stato scongiurato e Xavier replica: "Il Barça, invece, ha chiesto una deroga alla lega perchè lo scipero qui in Spagna si farà e la deroga l'ha ottenuta, significa che vuole giocare e quando gioca lo fa per vincere. Se il Napoli vuole fare bella figura allora deve giocare senza pressione e con grande attenzione."
Prima di scendere dal taxi gli chiedo il numero di cellulare che gentilmente mi scrive sul retro della ricevuta, così all'uscita dal Camp Nou dopo il match gli prometto che lo chiamo per riportarmi alla Rambla e nel frattempo commenteremo il match. Hola …
 
Dall'inviato a Barcellona di NapoliSoccer.Net – Antonello Greco  
 

LASCIA UN COMMENTO