Mazzarri: “Avanti così, ma attenzione al Napoli”

0
81

Il tecnico della Samp si prepara ad una gara difficile: «Squadra forte e in forma, il Napoli. Ma se continuiamo a giocare così possiamo fare molto, molto bene».

Due giorni al Napoli. Un Napoli che s’è ritrovato prima nell’incubo di Cagliari (avanti all’ultimo minuto e sconfitto nel giro di un niente) e nella gioia del successo con l’Udinese poi (anche lì, tutto in un attimo: Lavezzi e Lavezzi). Un Napoli che sul mercato ha preso Mannini, Santacroce, Pazienza e Navarro. Un Napoli, ammette onestamente Walter Mazzarri, «molto forte, e pure in gran forma».

Sfida difficile. Non sarà certo una passeggiata, domenica pomeriggio. Il tecnico della Samp allarga il concetto: «Sento parlare di varianti tattiche, di cambi di modulo – spiega -, tutte cose da valutare. Di certo c’è il valore dell’avversario che avremo davanti, perché alla fin fine la classifica rispecchia i reali valori: il Napoli ha una rosa importante, capace di grandi partite… Come noi». Esatto: viaggia comunque ad alti livelli, questa Samp. Mancano i risultati fuori casa, ma Mazzarri non si crea troppi problemi: «Noi dobbiamo solamente continuare su questa falsariga, andando avanti giocando come stiamo giocando. Ricordo i tifosi, quest’estate: volevano vedere un buon calcio, credo che nelle ultime settimane siano rimasti soddisfatti. E aggiungo un’altra cosa: avanti così fino in fondo l’annata finirebbe non bene, benissimo».

Classifiche e secondi tempi. Un dato, da prendere con le dovute cautele. La Samp cala, e di brutto, nei secondi tempi: coi punti al 45′, la classifica direbbe terzo posto. «Però le partite durano 90′ – sorride Mazzarri -, mi viene solo da rispondere così… Credo siano dati da prendere con le molle, poco indicativi. Forse l’unica cosa vera è che, quando hai giocatori non al meglio e non sei riuscito ad allenarti come si deve, nel finale di partita qualcosa sei costretto a perdere».

Il duello. Altro giochino interessante, ma anche qui Mazzarri svicola: Samp-Napoli non è una sfida tra Cassano e Lavezzi. «Interessa ai tifosi, interessa ai giornalisti – risponde il tecnico blucerchiato -. A me non molto: è logico che i colpi ce li si debba aspettare dai giocatori di maggior qualità, ma se vincessimo con un gol di un difensore a me andrebbe benissimo…».
 

Fonte: Sampdoria.it

Condividi
Articolo precedenteIl ballo di Lavezzi è la cumbia
Prossimo articoloAgente Amauri: Champions nel 2009
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here