GAME OVER: La squadra non può competere su più fronti. L’analisi di mister Iacobelli

20
66

Nuovo appuntamento con "GAME OVER", la rubrica settimanale di approfondimento ed analisi sull'ultima gara di campionato, curata da mister Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET.

Il Napoli cancella l’ ottima prova fornita a Marassi, uscendo sconfitto dal San Paolo, nonostante il pubblico di casa fosse tornato numeroso, forse convinto di rivedere lo show di Genova. Invece lo spettacolo ha un altro nome: Sergio Pellissier. Il folletto aostano ha letteralmente fatto emergere tutti i limiti della difesa partenopea; ha determinato la partità più di Hamsik, Cavani e Lavezzi messi insieme. E pensare che gli azzurri erano passati in vantaggio grazie alla rete di Cannavaro, proprio su assist del Pocho. Il Chievo non si è comunque smarrito e ha mantenuto la solita compattezza e la soilta lucidità tattica trovando poco dopo il pareggio con un capolavoro balistico di Pellissier (anche se l’ errore di Campagnaro è evidente).

Certo il Napoli ha provato a reagire (vedi traversa di Hamsik e le ottime patrate di Sorrentino (uno dei migliori portieri in circolazione), ma come al solito sembra farlo a briglie sciolte: le due reti nella ripresa dei clivensi sono arrivate su contropiede, con la squadra estremamente sbilanciata.

Forse manca un vero distruttore a centrocampo? Blasi in che stato di forma è?

Ancora una volta continuo a ripetere che questa squadra non può competere su più fronti e non può competere per il quarto posto: panchina corta, mancanza di alternative soprattutto nel reparto avanzato; aggiungiamo una mancanza di idea di gioco e il piatto è servito. E a nulla serve stavolta recriminare contro gli arbitri.

So che quando si tocca il Napoli gli animi di voi lettori si accendono, ed è normale, per noi napoletani è così. Ma dovete capire che le mie critiche sono da tifoso partenopeo, da chi ha avuto l’onore di difendere questi colori ed indossare la più bella maglia d’Italia in campionato e in Europa. Il mio sogno è quello di rivedere il Napoli sul tetto d’Italia come ai tempi del Pibe de oro quando squadre come Milan, Juve e Inter ci guardavano dal basso. Ma di Maradona ce n’è uno solo. Oggi per lottare ad alti livelli è necessario avere una rosa piena di giocatori di qualità che possano risolvere le partite. Il Napoli di quest’anno secondo voi è uscito rinforzato o debilitato dalla campagna acquisti?

Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET


.

20 Commenti

  1. certo che è un articolo distruttivo caro sergio ma è la pura realta il mister ha pienamente ragione questo napoli non andra avanti se non si apporteranno modifiche noi tifosi napoletani meritiamo di più

  2. io penso che questo Napoli è in affanno a causa delle troppe partite di seguito che sta disputando, ma questa non è una giustificazione, perchè, grazie all’analisi di mister Iacobelli, è vero il Napoli ha una panchina corta e fino ad ora non hanno brillato Gargano, Pazienza, Hamsik e company. Io sono un grande tifoso di Blasi, che 2 anni fa ci fece divertire con la sua grinta e determinazione, ma dopo un anno di stop è normale che non è al 100%. Io penso che la campagna acquisti del Napoli non sia stata un gran che, si c’è stato l’acquisto di Cavani, Sosa, Yebda, Cribari, Dumitru, Lucarelli, ma al napoli nn servono solo questi giocatori, al Napoli servono rinforzi in difesa perchè si è visto che è li che la squadra perde un po…ma ora è il momento di rimboccarsi le maniche e di far vedere quanto valiamo. Forza ragazzi!

  3. Mister Iacobelli, queste sono le sue idee e qui nessuno gliele vuole far cambiare “a forza” perchè questo è un forum del Napoli.
    Una cosa non mi è chiara e mi piacerebbe che lei la spiegasse.
    Ha scritto: mancaza di idea di gioco. Si riferisce alla partita con il Chievo od in generale? Se per lei la realtà di gioco è “non aver idea di gioco”, beh mi fa venire il dubbio che non abbia seguito le ultime 38 paritte del Napoli targate Mazzarri.
    Solo per puntualizzare, nella squadra del 1° scudetto e della Coppa Uefa, oltre a Maradona c’erano Bagni, Carnevale, Giordano, Romano, Bruscolotti, Francini, Carannante, Careca, Alemao, Renica e se non fosse stato contorniato da questi calciatori, solo con la solita cattedrale nel deserto (Maradona, così come fù con Savoldi), non avremmo vinto nulla.

  4. scusami sergio, ma non vedo in cosa sia distruttvo quest’articolo, semmai e triste dover ammettere che e realtà, magari puo non piacere e figurati, ma purtroppo e cosi. q\uando questa squadra gira bene, cioè corre cambia in maniera veloce il fronte d’attacca, sposta bene la palla, si smarcano bene quelli che fanno la fase di attacco, magari concedendo pochi punti di riferimento,e allora sono dolori per tutti, ma quando questo non avviene, ed è fatale che sia cosi, non hai alternative, mi spiego, non solo non hai ricambi validi – ancora un’altra volta è cosi e sono orami 4 anni- ma non ci sono schemi alternativi, ma con la difesa di mercoledi non sarebbe stato meglio giocare a 4, e magari inserire dumitru prima al posto di maghgio in eveidente difficltà. lo sto dicendo noisamente da mesi, ma voglio rispondere al’invito del mister a riguardo dell campagna acquisti magari mi risponde, a parte cavani che credo sia piu utile tatticamente di quagliarella, il resto e deludente ed allo stesso tempo preoccupante per il futuro di questa squadra, posso capire cribari, preso per poco consente alla società di monetizzare con rinaudo, giocatore nprmale costato troppo rispetto alle sue eventiali migliori prestazioni, comprendo dumitru bene puntare sui giovani ma allora lucarelli non me lo spiego, una squadra che deve migliorare la classifica rispetto alla passarta stagione e competere in europa almeno per superare i gironi, traguardo non impossibile doveva acquistare di sicuro un’altra punta, ma di certo, come situazione imprescindibile bisogna inserire in questa squadra almeno due DUE titolari, uno in difesa possibilmente sinistro ed un centrocampista versatile bravo nell’interdizione ma con piedi quantomeno decenti, mister ha ragione, si siamo tifosi e napoletani, ma non cè obbligo di essere stupidi ed irragionevoli e una societa mediocre anche perchè ripete gli stessi errori da tre anni

  5. Mister il Napoli con le cessioni di Quagliarella e Cigarini ha perso in qualità e quantità. In questo momento però credo che il vero problema del Napoli sia il reparto difensivo, si prendono troppi gol per errori a dir poco grossolani, addirittura abbiamo concesso due azioni fotocopia alla Samp (azione del rigore ) e al Chievo ( primo gol di Pellissier), non capisco se si tratta di scarsa concentrazione o di movimenti sbagliati dei nostri difensori. Di questo passo, visto anche l’equilibrio che c’è nell’attuale campionato, la vedo molto dura per gli azzurri, ci aspettano momenti di magra……altro che Pibe de Oro

  6. Mister per me il Napoli si è indebolito dalla campagna acquisti, ma credo che si dovesse dare una svolta collocando gli esuberi che stavano e potevano ingolfare la società quindi il problema tecnico è nato per risolvere un problema amministrativo. Logicamente quando le cessioni di prestito con diritto di riscatto verranno confermate, la società Napoli avrà un suo teserotto per poter rinforzare la squadra con elementi più funzionali al modulo di Mazzarri. Quello che mi preoccupa, però è proprio quest’ultimo punto ovvero il gioco/modulo di Mazzarri, non tanto/solo la campagna acquisti. La difesa 3, se si vuol crescere di livello, secondo me è un punto debole e con il Chievo è stato ampiamente dimostrato, la qualità del fraseggio in una squadra muscolare è scarsa, nonostante sia Pazienza che Gargano siano migliorati molto sotto questo aspetto, non si può pensare che i 2 esterni come Maggio e Dossena possano reggere tutta la fascia per tutta la partita, per tutte le competizioni senza essere in qualche modo aiutati soprattutto nella fase difensiva da giocatori che non siano Cavani Hamsik o Lavezzi. Forza Napoli io ho fede e non mi lamento ho visto periodi peggiori

  7. La rosa del Napoli è stata voluta da tutte le componenti interne della Società, dal mister, dal D.S. e dal presidente.
    Il problema sta nella tempistica degli acquisti. De Laurenttis dice che si devono inserire i nuovi acquisti, ma la domanda viene spontanea e cioè perchè non sono stati fatti a luglio questi acquisti, visto che si dovevano inserire negli schemi e che comunque anche un costo più elevato del 20% non sarebbe stata la fine del mondo in quanto acquisti a basso costo (mica sono stati trattati giocatori quali Lampard o Torres)?

  8. ha ragione jacobelli, questa squadra non può competere,e credo che di questo passo andrà in b,a parte la scarsezza di molti giocatori,l’allenatore non ha dato un gioco alla squadra,non hanno disciplina tattica,assurdità come i rientri sino alla difesa degli attaccanti,sono la cifra di come non si rende conto che le sue idee non si possono applicare perchè con la bassa qualità dei giocatori e per gli impegni calcistici ,non gli riesce quello che lui immagina i risultati si vedono,napoli in media donadoni,via mazzarri, dentro diego maradona,archiviamo questo campionato e prepriamoci per il futuro,con diego.

  9. @ dino
    come ho già scritto sai tra le squadre che giocano l’Europa League quante hanno schierato la difesa a 3 ? 2! Il Napoli e lo Sporting Lisbona che però a volte ha 2 centrocampisti che coprono le fasce in fase di non possesso palla passando da un 3-5-2 a un 5-3-2 ( spesso anche in campionato ) .
    è vero abbiamo visto di peggio ,queste non sono polemiche ma solo critiche ; la mia speranza è che vada tutto per il meglio ma ho i tuoi stessi dubbi …

  10. mister visto che lei l’allenatore lo fa ci può spiegare quanto ci vuole affinchè un giocatore entri negli schemi?
    Non sono d’accordo con lei sull’impiego di blasi, ad essere sicnero neanche lo avrei tenuto al napoli. Quello che mi chiedo è come mai yebda non riesce a trovare un posto… eppure non è che ci sono tutte ste alternative.
    poi le voglio chiedere.. ma non è che il napoli ha, a tavolino, deciso di giocarsi solo il campionato e gli unici a tenere alla coppa siamo noi tifosi? Alla fine il napoli giocherà le sue belle 6 partite europee, indipendentemente dall’impegno che la squadra ci mette.

  11. Non mi sembra un’analisi tecnica questa! Ma solo il parere di un tifoso. Un parere che condivido comunque, penso che la squadra si sia indebolita nella campagna “acquisti” (fra molte virgolette) soprattutto perché non ha più quelle alternative in panchina che, l’anno scroso, gli facevano cambiare un po’ la partita (Cigarini, Datolo, Bogliacino, il pur scarso Denis). La squadra è diventata cortissima!
    Ora, da un mister mi attenderei anche un commento su quello che succede in campo, e soprattutto sulle possibili soluzioni. Parlare solo di Blasi mi sembra davvero poco.

  12. secondome l’analisi tecnica e’ quella che disse il mister contro il bari che poi si e’ verificata in positivo a genova che noi dipendiamo troppo dai tre davanti se riusciamo a sopportarli bene se no la difesa va sempre in difficolta’

  13. Panchina corta, mancanza di alternative…… sono i pilastri dell’ “indegno” progetto posto in essere dal Presidente De Laurentiis, collaborato per l’occasione da Mazzarri, il quale ha minifestato la propria incompetenza ad allenare un organico superiore a 20 giocatori, mentre con un staff tecnico integrato da ottimi preparatori atletici si possono benissimo allenare circa 27/28 giocatori con proficuo rendimento. Anche il direttore sportivo Bigon collabora fattivamente col Presidente svendendo attimi giocatori, quali Datolo, Denis, Cigarini, Contini, Bogliacino ed acquistando dei “panchinari”, seppure a basso costo.

LASCIA UN COMMENTO