Calcio: Argentina caos passaporti,700 pratiche sotto inchiesta

0
78

Centinaia di indagati tra cui 150 calciatori, 40 persone, di cui 32 donne, gia in manette, e circa 700 pratiche avviate in Italia, con dati completamente falsi, per ottenere la cittadinanza e il passaporto comunitario. Si allarga a macchia d’olio in Argentina l’inchiesta, partita un anno fa dopo una denuncia,per un presunto traffico di passaporti italiani falsi,alcuni di questi rilasciati a calciatori destinati a essere venduti nel vecchio Continente. ”Sono stati i protagonisti di questo giro, con le loro voci intercettate a farci sapere come operavano- ha raccontato alla stampa argentina il giudice Norbert oyarbide, titolare dell’inchiesta- Quando la situazione è stata matura ho disposto le perquisizioni che hanno avuto successo nel trovare prove importati come documenti,timbri e agende”. Le 110 perquisizioni effettuate nelle provincie di Buenos Aires e Santa Fè e che hanno visto gli agenti irrompere in studi legali e contabili e nelle sedi di club come Lanus e Independiente hanno poi portato al fermo di 40 persone e al sequestro di matrici e timbri di Comuni italiani e del Consolato, di passaporti, soldi e armi da fuoco. In manette anche Maia Elena Tedaldi,già condannata in passato per il caso relativo al passaporto di Juan Sebastian Veron e oggi proprietaria di una società,la”Ciudadania Express”,che annovera diversi calciatori tra i suoi clienti e che si occupa delle pratiche per ottenere cittadinanze comunitarie. Gli inquirenti parlano di una vera e propria ”organizzazione che si dedicava alla falsificazione dei documenti per la vendita dei giocatori all’estero”, una sorta di ”rete mafiosa del calcio”.

 

 

fonte:italpress



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here