De Laurentiis: “Non credo che faremo altre operazioni in entrata”

8
18

de-laurentiis-giugno2011-1"Sorpresa! In studio arriva il ragazzo del motorino. Svelati i retroscena della fuga in scooter"
Il presidente Aurelio De Laurentiis intervenuto in diretta su Sportitalia nel corso di "Calcio mercato" ha rilasciato alcune dichiarazioni. Ecco quanto raccolto da NapoliSoccer.NET: "La napoletanità è una filosofia, uno stile di vita, che molto spesso la gente che non ha la coscienza di Napoli non può capire. E' molto bello invece vedere i napoletani all'estero che sono delle persone incredibilmente internazionali, appagate, soddisfatte, che soddisfano anche il prossimo che non le conosce. A Napoli si soffre, si soffre da sempre, ci sono state varie dominazioni, spagnole, francesi, Masaniello, i moti carbonari, era il Regno più ricco, c'è stata la prima ferrovia d'Italia, però voglio dire che questo amaro sapore che si legge in Italia dove c'è questa diversità tra nord e sud io non la capisco. Questo è un paese che avrebbe le carte in regola per dettare legge nel mondo e invece questa sua non capacità di essere unito ne sgretola la potenza, la forza e questo è qualcosa che da Napoli può ripartire perch i napoletani sono i vessati per eccellenza, storicamente parlando, e proprio da questa vessazione nasce la loro filosofia, la loro sana capacità  sopportare il peso con il sorriso e con la speranza che verrà un giorno migliore".
In studio arriva il ragazzo con lo scooter che aveva salvato il presidente dai giornalisti a via Feltre a Milano, si chiama Marco, e allora De Laurentiis ritorna sull'episodio: "La cosa divertente è che io sono saltato su questa moto e questo signore ha detto 'ma chi è questo pazzo?'".
Marco spiega: "Mi ero avvicinato per vedere chi era questo signore che veniva rincorso da venti giornalisti e lui mi ha chiesto un passaggio ma io non avevo capito chi era. Sale su, senza casco. Io l'avevo avvertito che senza casco gli avrebbero fatto delle storie visto che c'erano le telecamere. Abbiamo fatto cento metri e poi gli ho chiesto: 'ma De Laurentiis chi?' e allora lui mi ha detto che era il presidente del Napoli Calcio. Non tifo per nessuna squadra, in realtà non seguo il calcio. Ho letto una notizia infondata su internet secondo cui io avrei parlato con il presidente dell'acquisto di una punta, non è assolutamente vero".
De Laurentiis: "Quando avevo 14 anni andavo in motorino ma non portavo il casco perchè non era obbligatorio, oggi invece è obbligatorio ed è importante perchè salva tante vite".
Infine il presidente del Napoli decide di regalare al ragazzo uno scooter Aprilia del Napoli.
"Con Marco non ho mai parlato dell'attaccante. Non ne ho parlato con nessuno perchè Mazzarri ne ha già sei e non ne ha bisogno e poi Maggio qualche gol lo fa, Zuniga qualche gol lo fa, Dossena qualche gol lo fa, Hamsik qualche gol lo fa".
"Sono compiaciuto che Hamsik non sia andato al Milan e che sia rimasto, è un grande calciatore. Ci sono due giocatori che possono svolgere quel ruolo e secondo me ce n'è un terzo che ce l'abbiamo in squadra, quest'anno giocherà con la Primavera e ci seguirà nella prima squadra, si chiama Dezi".
"Non ci sono interventi in entrata, ci sono interventi solo in uscita ma avendo altri trenta giorni di mercato non abbiamo fretta. Non vogliamo fare regali a nessuno perchè ci sono giocatori bravissimi che sono andati via da Napoli solo perchè hanno esaurito la loro permanenza a Napoli dando a noi quello che dovevano dare. Non dobbiamo svenderli di corsa. Non credo che in entrata faremo altro anche se poi c'è gennaio e c'è sempre tempo per riparare".
 
Redazione NapoliSoccer.NET
 

8 Commenti

  1. Con questa squadra si puo arrivare al 3-4 posto solo si non abbiamo infortuni o sospensioni.

    Se manche Hamsik, Inler, Cavani o Lavezzi….. facciamo la fine della Sampdoria.

    La societa’ piace correre rischi…

  2. @uiii ma statt zitt!! l’anno scorso terzi con torti arbitrali e pazienza blasi aronica campagnaro e vitale titolari a volte…figurati ora con inler santana dzemaili ecc ecc

  3. un altro attaccante forte è ovvio che farebbe comodo, io per esempio avrei preso trezeguet al fianco di lucarelli, in panchina…..ma se lucarelli non si fa male, con mascara, santana e il trio meravilla possiamo fare belle cose….

  4. A me non me frega niente se arriva un’altro attacante ,l’importante che il gruppo sia e rimanga compatto ,unito anche nei momenti bui e sappia reagire ai torti del palazzo che inevitabilmente andremo a subire ……visto lassu’ quanto ci amano .

  5. Lucarelli va benissimo, anche se l’età si fa sentire e non è pensabile immaginarlo ad esempio come sostituito di Cavani in un doppio impegno ravvicinato se il matador dovessi fermarsi anche solo per una settimana. Il vero equivoco è invece Mascara, che nonostante i gol dell’anno scorso per me non ha lo spessore per giocare in Champions. Purtroppo è vero che sulla carta la rosa in avanti è completa (considerando anche Santana come possibile vice Lavezzi o vice Hamsik), ma avremmo dovuto vendere Mascara e comprare non dico Vucinic (mi ero illuso che Dela volesse davvero averne 4 di livello altissimo) ma almeno Floro Flores. Per me la mancata cessione di Mascare e l’acquisto di Britos sono gli unici due gravi errori di un mercato ottimo, perchè con Rosati e Fernandez la difesa è comunque più forte di quella dell’anno scorso (e tornerà Grava) e il centrocampo ha senza dubbio alcuno fatto un clamoroso salto di qualità con Inler, Dzemaili e Donadel al posto di Pazienza, Yedba e Blasi.

LASCIA UN COMMENTO