Paolillo (ad Inter): “Napoli merita la Champions”

0
14

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto l’amministratore delegato dell’Inter, Ernesto Paolillo che ha dichiarato: “Consideravo la corsa aperta ad almeno quattro squadre ma non ci spettavamo un finale di campionato così incandescente. Il calcio italiano ha bisogno di questi spettacoli, e di questi stadi pieni.
L’Italia aveva bisogno di campionati incerti fino alla fine, è una cosa che fa bene alle società, alla lega, al calcio italiano e al cuore dei tifosi di ogni singola squadra.
Per essere una grande occorre un mix di elementi formato da una solida squadra formata da giocatori forti e motivati, un’organizzazione di società che permetta di lavorare con serenità ed infine ci vuole un’abitudine a reggere il rischio della vittoria che è più difficile di quello della sconfitta.
Il Milan meritata lo scudetto, non c’è nulla da dire se non che bisognava essere più bravi per riuscire a strapparglielo. Il Milan ha dato di più di qualsiasi altra squadra in campionato per cui è giusta che vinca il titolo ufficiale.
La panchina dell’Inter? Leonardo sta lavorando bene, dà la mentalità giusta alla squadra è un allenatore che ha preso in mano una squadra in un momento delicato e lo ha tenuto il lotta fino alla fine.
E’ importantissimo che il Napoli vada a giocarsi la Champions perché lo merita la città che trasmette un entusiasmo davvero unico. Avere un seguito di tifosi così non è da tutti, anzi dobbiamo imparare da loro che con la passione motivano la squadra. È doveroso poi dare i giusti meriti a Mazzarri che ha lavorato davvero bene oltre ai giocatori azzurri che sono stati all’altezza di questo campionato.
Per quanto riguarda il mercato tra Napoli e Inter non è venuta fuori nessuna proposta né richiesta, ma tutte le valutazioni credo vadano fatte a campionato finito per lasciare sereni i giocatori, per liberare la testa da false notizie per cui ne riparleremo a fine campionato”. 
Redazione NapoliSoccer.NET

LASCIA UN COMMENTO