De Sanctis: “Il punto ce lo prendiamo e ce lo teniamo stretto”

7
21

Il portiere del Napoli, Morgan De Sanctis, intervenuto in sala stampa, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai giornalisti presenti. Ecco quanto raccolto da NapoliSoccer.NET: ”E’ stata una bella partita da parte mia ma l’importante è che siamo stati bravi soprattutto nella fase difensiva e sulle palle alte. C’è da riconoscere che il Catania ha fatto una signora partita, accorciando gli spazi mentre noi dobbiamo riconoscere di non aver fatto una grande prestazione. Per me conta che la squadra raccolga risultati. Adesso che la squadra va meglio non mi sento il fenomeno rispetto a quando la squadra andava male ed ero criticato. Io faccio il portiere ed a 32 anni credo di avere un equilibrio ed una professionalità per poter fare autocritica ed un’analisi delle mie prestazioni. L’atmosfera nello spogliatoio a fine partita? Abbiamo fatto un passo indietro da punto di vita della prestazione ma il punto ce lo prendiamo e ce lo teniamo stretto. Tra due settimane avremo un altro impegno importante. Ci saranno cinque partite prima della pausa natalizia che potranno dare una svolta al nostro campionato se si raccoglieranno punti importanti. Bisogna essere onesti e dire che il Catania oggi ha fatto una grande prestazione mentre noi non abbiamo fatto la gara che avremmo dovuto fare. Se vogliamo fare un certo tipo di salto di qualità non possiamo avere alti e bassi, anche se un alibi lo si può anche avere perché la squadra è giovane e perché c’è una piazza importante. Cerchiamo di abituare i tifosi bene ed assimilare la mentalità affinché non si facciano alti e bassi. E’ importante aver fatto 11 punti in cinque partite di cui tre in trasferta. Nelle prossime cinque partite ci sarà bisogno di dare una svolta al nostro campionato e saranno fondamentali per noi. Il salto di qualità arriverà con la Lazio. Non bisogna autofustigarsi più di tanto, abbiamo preso un punto, ce lo teniamo stretto e ci permetterà di lavorare in serenità in queste prossime due settimane. Non me ne voglia chi governa la sicurezza ma i napoletani in trasferta ci sono sempre stati, magari non concentrati in un unico settore come questa sera ma a Firenze o a Torino loro c’erano”.
Redazione NapoliSoccer.NET

7 Commenti

  1. D’accordissimo !!!!!! Abbiamo guadagnato un punto anche se……..il solo fatto che il migliore in campo sia stato Desanctis la dice lungaaaa ! FORZANAPOLISEMPREeCOMUNQUE !

  2. Senza dubbio il migliore in campo,
    il resto della squadra non c’era…
    Lavezzi non può continuare a mangiarsi gol in quel modo!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Avrebbe steso il Catania.
    Premesso che un pari esterno (giusto) può andare anche bene nel ruolino di marcia verso l’Europa, ma se ti capia mezza palla gol limpida la devi buttare dentro, perchè serve a compensare quelle giornate (che inesorabili arriveranno) che produci una valanga di palle gol senza realizzarne una!
    Quagliarella: Scetate ro’ suonn! altrimenti Denis ci deve andare titolare in campo!!!!

  3. grande morgan. e vero il napoletano è dovunque .

    e il vero sportivo è napoletano.

    ieri atalanta juventus fumogeni e petardi per tutta la partita. le tifoserie non sono amiche anzi…….però nessun divieto alla tifoseria bianconera…..morale esistono due pesi e due misure.

    noi vietati e multati altri fanno quello che vogliono vedi juve napoli scontri dove i gobbi poco civili alla loro meritata sconfitta hanno preso a schiaffi un padre di famiglia che era in compagnia dei suoi figli ed unico torto aveva esultato giustamente ripeto giustamente al gol di marekiaro del 3-2 in quanto tifoso del napoli.

    se il tutto a parti invertite succedeva a napoli fidatevi multa squalifica del campo e la solita storia usata ai danni del popolo napoletano.

    il caro maroni (milanista) quando parla di scontri dovrebbe farlo a 360 gradi dopo tutto il morso al poliziotto dato su un polpaccio non lo ha dato un tifoso del napoli ma lui(vedi passato)

    e basta con i divieti negli stadi.
    chi sbaglia paga ma che la legge sia uguale per tutti.

    solo cosi le famiglie torneranno negli stadi.

    un tifoso napoletano che ama lo sport.

  4. la verità è che finchè in squadra avremo qusti piccoli,fastidiosi e sprofessionalizzati sud americani non andremo lontano.La palla la passano a chi guadagna quanto loro – invidiosi del Quaglia che fresco arrivato guadagna più di loro – non gli passano la palla.Sono mocciosi e puzzolenti.Ce ne vorrebbe uno solo per squadra e avanza pure!!!!! In tutto questo ci rimette il Napoli- Io dopo Catania ritiro la fiducia all’intera squadra.

  5. CI POTETE DARE I DIVIETI PER TUTTO IL MONDO MA NOI LA NOSTRA UNICA FEDE LA SEGUIREMO LO STESSO !!!!!!!!!!
    NON C’E LEGGE KE CI PUO FAR RINUNCIARE AL NAPOLI!!!!!!!!!
    FINO ALLA MORTE SEMPRE CON TE FORZA NAPOLI

  6. Le impresa con Milan e iuve sono da considerarsi epiche e quindi dettate da una serie di cocomitanze eccezzionali e quindi fuorsvianti nel computare il vero valore della squadra del Napoli. La verità è che l’ennesimo insulto al calcio operato da questa squadra di brocchi ha dimostrato spero pure al presidente la necessità di salvare solo Hamsik perchè fa 10 e più goalsa campionato.
    i lanci lunghi non si vedono più neanche nel girone di eccellenza: siamo stufi e VERGOGNA.
    Ah dimenticavo se il pocho (che non vede la porta manco se gliela teleciomandano) è un campione mi domando i verui campioni cosa sono

LASCIA UN COMMENTO