Calcio: Collina prospetta una stagione difficile sotto l’aspetto arbitrale

0
57

Si punta a una figura di arbitro sempre piu’ professionista: "Noi veniamo da una tradizione di arbitri che faceva questo mestiere a tempo perso e il turn-over poteva essere accettato. Oggi la funzione dei direttori di gara e’ garantire la gestione del campionato", osserva Collina, che nel suo primo anno da designatore ha operato anche scelte tecniche sugli arbitri da schierare: "E’ una regola che ha riguardato tutti, dai piu’ esperti come Rosetti e Farina all’ultimo arrivato. Ho sempre scelto gli arbitri piu’ adatti a una determinata domenica di campionato, secondo le nostre valutazioni. Inoltre tutti gli arbitri, anche i piu’ importanti, sono stati utilizzati anche in serie B e questo conferma che all’interno della Can non c’e’ la volonta’ di creare due gruppi". Collina nega l’equazione ‘arbitri giovani=sudditanza psicologica’ e assicura che in futuro si cercheranno di evitare casi di disparita’ di trattamento fra due giocatori di diverso ‘peso’ che hanno commesso la stessa infrazione. Anche la Can, inoltre, sposera’ il modello-Uefa di terne arbitrali fisse che ha dato risultati positivi in occasione di Euro 2008: "Anche se non in modo totale", precisa Collina, "cercheremo di far ruotare un numero molto limitato di assistenti con lo stesso arbitro"

Adnkronos



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here