Calcio: Combine Livorno-Atalanta, Procura Figc deferisce 5 giocatori

0
8

Il procuratore della Figc ha deferito alla commissione disciplinare nazionale 4 giocatori , tesserati per il Livorno e 1 per l’Atalanta all’epoca dei fatti contestati. I calciatori coinvolti sono David Balleri, Emanuele Filippini, Antonio Filippini, Alessandro Grandoni (Livorno) e l’atalantino Gian Paolo Bellini. Balleri, si legge nella nota diffusa dalla Figc, in accordo con Bellini ed in concorso con altre persone non identificate, e’ accusato di concordato il risultato di pareggio, ”poi concretamente conseguito”, nella gara Livorno-Atalanta del 23 dicembre 2007 terminata 1-1, ”cosi’ alterando lo svolgimento ed il risultato della gara, assicurando alla propria squadra un vantaggio in classifica”. Nella gara Atalanta-Livorno del 4 maggio 2008, ”in accordo con Bellini e in concorso con altre persone non identificate”, ha ”concordato l’alterazione del regolare svolgimento della gara e tentato di alterare lo stesso risultato della gara”. Il match e’ finito 3-2 per gli orobici. Balleri e’ stato deferito anche per ”aver tenuto un comportamento contrario ai principi di lealta’, correttezza e probita’, sia in riferimento alla reazione estrinsecatasi nel corso della gara” del 4 maggio, , ”sia in riferimento all’atteggiamento tenuto in fase di audizione innanzi agli organi inquirenti della Procura Federale”.
Bellini, capitano dell’Atalanta, deve rispondere delle violazioni all’art. 7 comma 1 del Codice di giustizia sportiva contestate anche a Balleri in relazione alle gare. Il bergamasco, inoltre, violando l’art. 1, comma 1 ha tenuto ”nelle vicende in oggetto, un comportamento contrario ai principi di lealta’, correttezza e probita’, in riferimento all’atteggiamento tenuto in fase di audizione innanzi agli organi inquirenti della Procura Federale”. I gemelli Filippini e Grandoni sono accusati di aver violato gli articoli articoli 7, comma 7, e 1, comma 1, del Codice. Non hanno informato ”la Procura Federale circa il comportamento da altri posto in essere ed inteso ad alterare lo svolgimento ed il risultato della gara Atalanta – Livorno” del 4 maggio 2008 e hanno ”tenuto un comportamento contrario ai principi di lealta’, correttezza e probita’, sia in riferimento alla reazione estrinsecatasi nel corso della gara” e ”in fase di audizione innanzi agli organi inquirenti della Procura Federale”. Per responsabilita’ oggettiva, deferite anche le due societa’.

Fonte: Adnkronos

 

Condividi
Articolo precedenteLa “prova costume”
Prossimo articoloArbotti: “Savini piace al Parma”
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

LASCIA UN COMMENTO