D. Rossi (all.): “Hamsik? Tutto dipende dal Napoli”

2
29

"Javier ha caratteristiche diverse da Hamsik, potrebbero giocare insieme. L'Inter? Mai contattato dal club nerazzurro".

Delio Rossi, ex tecnico del Palermo, è intervenuto questa sera ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli. Ecco le sue dichiarazioni sintetizzate da Napolisoccer.NET: "Hamsik? Quando arrivano le sirene dei grandi club è difficile trattenere i grandi calciatori. Il Napoli sta colmando il gap, ma non è ancora al livello di Milan o Inter. Per esperienza so che se un calciatore decide di non restare in un posto, queste sono le prime avvisaglie. Poi, chiaramente, tutto dipende dalla società. Quando un calciatore rilascia un'intervista nella lingua madre, o viene seguita da una smentita o arrivano dei segnali al club di appartenenza di voler andare via. Non mi stupirei perchè conosco i giocatori da questo punto di vista: ho visto tanti calciatori baciare una maglietta e dopo tre mesi vestirne un'altra. Tutto è legato all'aspetto economico, inutile girarci intorno. Pastore con Cavani e Lavezzi? E' una domanda tecnica da fare a Mazzarri. Ma Pastore non ha le stesse caratteristiche tecniche di Hamsik. Marek in questo momento è più un centrocampista a tutto campo, mentre Javi er un fantasista. Non sono l'uno l'alterego dell'altro, per me potrebbero anche giocare benissimo insieme. Se Napoli è la città giusta per lui? Pastore è un predestinato, non solo per la piazza partenopea. E' destinato a grandissimi palcoscenici, quelli dei maggiori club del mondo. E' nel suo dna, conosco le sue qualità tecniche e morali perchè lo conosco bene. Il Napoli? Ha fatto qualcosa di straordinario. Ma l'anno prossimo sarà il banco di prova: l'Europa League è diversa dalla Champions, nella testa dei calciatori ci sarà principalmente la massima competizione continentale e bisognerà fare la necessaria esperienza. Ma la dirigenza partenopea si sta muovendo bene, piazzano un paio di colpi all'anno con raziocinio e logica e questa è la miglior credenziale per i tifosi. Tutti parlano di acquisti, ma il vero problema sarà vendere e questo è un problema di tutte le sq uadre. I veri colpi saranno comunque messi a segno alla fine del mercato. Inter e Milan avranno sicuramente qualcosa in più, ci sarà un ritorno importante di Juventus e Roma. La panchina dell'Inter? No, non ci sono mai stato tanto vicino. Al di la di tutto, non sono stato contattato dalla dirigenza nerazzurra".
 

Redazione Napolisoccer.NET

Condividi
Articolo precedenteRoma: Cala il sipario sull’era Sensi
Prossimo articoloMichele Pazienza scrive ai tifosi del Napoli
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

2 Commenti

  1. è vero ! quanti giocatori da vendere ha il Napoli ,tantissimi ,riuscira’ a farlo ? non credo, x via degli ingaggi e perche’ parliamoci chiaro questi sono alla frutta ! mi auguro soltanto che non vendano giovani di valore del vivaio ma sfortunatamente è già avvenuto e questo secondo me è un grave errore se si vuole creare una “cantera” .

  2. ma xke’ nn state zitti cretini inbecilli ke nn siete altri voi vi meritate di giocare contro il lanciano e il foggia, ma nn siete contenti dove siamo, il napoli e’ l’unica societa’ ke nn e’ in rosso il milan nn ha i soldi x hamsik, sta mettento zizzanie nell’ambiente napoletano x abbassare il prezzo di hamsik, stiamo crescendo piano piano e fa bene dela, e se va via hamsik di sicuro verra’ uno piu’ forte come a fatto x quagliamerda, lasciate lavorare il nostro presidente, possono andare via tutti dal napoli basta ke resta il presidente

LASCIA UN COMMENTO