Dzemaili: “Napoli è un traguardo importante per la mia carriera”

0
24

Per prima cosa bisogna imparare a pronunciare correttamente il suo cognome: «Jemaili, con la ”J”. Ma in Italia mi chiamano tutti Zemaili: fa niente, va bene anche così». Il secondo colpo dell’estate azzurra è uno svizzero di passaporto , macedone di nascita (è nato a Tetovo) ma albanese di origini che ad aprile scorso ha compiuto 25 anni.

Per venire a Napoli, Blerim Dzemaili ha sfidato tutti e tutto, compreso il no del suo storico sponsor tecnico, la Nike, che non aveva nessuna intenzione di rinunciare all’abbinamento con l’ex centrocampista del Parma. «Voglio Napoli e sono pronto a qualsiasi cosa», ha ribadito nel pomeriggio di venerdì al manager Branchini che a colpi di mail cercava di ottenere la liberatoria dalla multinazionale dell’abbigliamento. E quando il suo procuratore ha ventilato l’ipotesi del rinvio di una settimana, il giocatore gli ha afferrato il braccio dicendogli: «Risolviamo tutto oggi, non perdiamo tempo inutile».

Tra l’elvetico e Bigon è scattato quasi un colpo di fulmine: Dzemaili ha interrotto le sue vacanze per precipitarsi a Milano e firmare l’accordo. Aveva una gran fretta di farlo. Davanti a sé, verso le 17, si è ritrovato il contratto già siglato dal presidente De Laurentiis. L’intesa è stata ratificata solo due ore più tardi. Per l’ufficializzazione si attende il 1° luglio. «Sono felicissimo – ha raccontato agli amici – Napoli è un traguardo importante per la mia carriera e per la mia vita. Ho coronato un sogno che inseguivo da tempo».

Un entusiasmo che non ha lasciato indifferente il ds partenopeo: sono questi i giocatori che per il Napoli meritano di vestire la maglia azzurra. Dzemaili è uno svizzero di ultima generazione come d’altronde gran parte della nazionale elvetica che ha radici straniere. A Wembley, nell’amichevole di inizio giugno contro l’Inghilterra, per oltre metà del secondo tempo, dopo aver preso il posto di Behrami (anche lui origini kosovare) ha giocato al fianco di Inler.

Fonte: Il Mattino
La coppia dei sogni del centrocampo azzurro con la maglia rosso crociata. Chissà se Blerim lo ha chiamato per dirgli di fare in fretta a raggiungerlo. Un problema già ce l’ha, però: a Parma ha giocato con la 10 di Zola e Mutu. Un numero pesante che lui, però, ha indossato per 49 volte (un solo gol, quello segnato di schiena su rinvio di Sirigu con il Palermo). A Napoli deve trovarsi un altro numero. Ha chiesto il 4 (che però ha già Ruiz) ma forse indosserà il numero 86, il suo anno di nascita.

C’è tempo. «So che non potrò indossare la maglia di Maradona che lì è un mito. Ma non ha importanza», ha spiegato a quelli del Napoli che sorridono pensando al grande affare fatto. Non è un regista puro ma un giocatore che azzanna, si inserisce, ha piedi più che sufficienti, le qualità e la quantità giuste per mettersi al fianco di Donadel e Hamsik, rubando il posto a Gargano. Il presidente Urbano Cairo è stato il suo scopritore: lo prese dal Bolton e lo portò al Torino.

Con i granata giocò dappertutto: «Davanti alla difesa, anche regista, mediano e persino trequartista. Ma anche con Guidolin, Marino e Colomba mi sono adattato a ogni esigenza». Ed è per questo, per la sua grande duttilità, che Mazzarri lo ha inserito in cima alle preferenze del suo rivoluzionato centrocampo.

«È un giocatore completo, una mezz’ala che può giocare in un centrocampo a tre, ma anche in un centrocampo a due, da centrale», ha spiegato Franco Colomba, l’allenatore del Parma. Dzemaili poi ha un’altra caratteristica che piacerà da morire ai tifosi azzurri: ha conosciuto il calcio italiano con gli occhi di un torinista ed è dunque uno sfegatato anti-juventino: «È vero, anche con il Parma la sfida con la Vecchia Signora non era mai uguale alle altre – ha raccontato – questo per rispetto ai tifosi della Curva Maratona». Quando conoscerà quelli dello stadio San Paolo, avrà delle altre buone ragioni.

SHARE
Previous articleMercato Napoli,un giugno tra rimpianti e illusioni.
Next articleInterrogato Campagnaro, prossimo il suo rientro a Napoli
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.

LEAVE A REPLY