Scommesse: FIGC, Pene più severe anche per gli “ignavi”

0
51

Nella sua riunione, il Consiglio Federale ha deliberato di allargare le previsioni normative e inasprire le sanzioni per il divieto di scommessa da parte dei tesserati e l'obbligo di denuncia.
Nel testo approvato dalla FIGC si segnala la squalifica non inferiore a tre mesi e l'ammenda non inferiore a quindicimila euro per i tesserati che scommettono direttamente o per interposta persona. La pena si inasprisce per chi altera in qualsiasi modo la classifica di un campionato. Sei mesi e trentamila euro per chi è a conoscenza ma non denuncia un illecito. 
Nella conferenza stampa seguita al Condiglio Federale, il presidente Giancarlo Abete ha rilasciato il seguente commento: "Ci siamo mossi su due aree di riferimento: rafforzare il sistema sanzionatorio, con l'obbligo di denuncia anche per le scommesse (articolo 6) e stiamo lavorando per rafforzare il quadro sanzionatorio per illecito sportivo collegato alle scommesse (articolo 7), perché prima l'illecito sportivo era lo strumento della corruzione adesso la situazione si è modificata perché oggi l'obiettivo non è più l'illecito sportivo per ottenere un risultato ma per ottenere un guadagno economico". 
Poi, a proposito delle prime pagine facili e delle immagini sbattute in prima serata anche senza il controllo puntale delle fonti, Abete continua: "Per quel che riguarda la Serie A, che deve trovare riscontro nelle indagini che fanno fare queste riflessioni, rimango dell'idea che non si debba lavorare per sensazioni ma con documenti e atti. La mia riflessione sull'attenzione del mostro in prima pagina non è isolata ma maggioritaria anche da parte di soggetti di varia sensibilità."
Luigi Simeone

Condividi
Articolo precedenteScommesse: La FIGC archivia il “caso Napoli”
Prossimo articoloSky: Bigon in Spagna per Vidal
Napoletano, scrittore, impara a leggere prima di riuscire a dire "a cuoppo cupo poco pepe cape, poco pepe cape a cuoppo cupo" e tutti gli altri scioglilingua in napoletano che gli insegnava suo padre. La passione per il calcio risale al nonno paterno del quale porta il nome.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here