De Laurentiis: Serviva una Italia più giovane

1
27

Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, è intervenuto a ‘La politica nel pallone’ su Gr Parlamento dicendo: ”Prendiamo sempre le cose troppo sul serio. L’Europeo dovrebbe essere propedeutico al Mondiale, dovrebbe servire per prepararsi al torneo in programma tra 2 anni. Tutto va ricondotto alla giusta dimensione, non si puo’ andare ad un Europeo e sbagliare la prima partita, ma non si puo’ stare qui a cercare colpevoli e responsabili. Bisogna costruire, dobbiamo essere ‘in progress’ continuamente”. Queste le dichiarazioni rilasciate a proposito della eliminazione degli azzurri avvenuta per mano della Spagna. Il presidente aggiunge poi su Donadoni: "avrebbe dovuto puntare su un nucleo giovane, se Toni e’ spompato, lo si toglie e si mette qualcun altro. Toni ha superato i 30 anni, abbiamo tanti giovani da utilizzare”. De Laurentiis poi si concede qualche battuta sulla possibilità dell’arrivo di Lippi come CT: ”Ci vuole l’esperienza di una persona come Lippi. Io non ci penserei due volte, ieri bisognava cominciare a far tirare i rigori ai giocatori piu’ importanti, a chi poteva dare sicurezza agli altri. Se si sceglie chi non ha dimestichezza dal dischetto….". A proposito della designazione di Rosetti per la finale aggiunge: " E’ un segnale di fiducia e di speranza. Mi pare che Rosetti abbia diretto piu’ di 40 partite quest’anno, chapeau. Speriamo che tenga alti i valori dell’Italia: sia chiaro, arbitrare significa sopportare enormi pressioni. Io non lo farei mai”.  

Redazione NapoliSoccer.NET

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO