Euro 2008: Spagna – Italia 4-2 dopo i calci di rigore

0
152

L’Italia saluta Euro 2008. Fatali agli azzurri gli errori dal dischetto di De Rossi e Di Natale. La Spagna vince 4-2 ed e’ la quarta finalista, sfidera’ la Russia. A Vienna, la novita’ di Donadoni e’ Aquilani dal 1′, nel ruolo che ha ricoperto Pirlo nelle prime due partite (il rossonero oggi assente per squalifica). Confermato a centrocampo De Rossi, mentre Ambrosini al posto dell’altro squalificato azzurro, Gattuso. Quindi Perrotta dietro a Cassano e Toni, mentre la difesa confermata con Zambrotta, Panucci, Chiellini e Grosso. Aragones con il 4-4-2: Casillas in porta; Sergio Ramos, Puyol, Marchena e Capdevila in difesa; Iniesta, Senna, Xavi e Silva a formare il centrocampo; Villa e Fernando Torres le punte. 
Avvio di gara molto teso con squadre compatte e fraseggi a centrocampo. Al 4′ il tiro dalla distanza di Villa, deviato da un azzurro, era bloccato in presa alta dall’attento Buffon. Qualche fallo di troppo e iniziative personali senza grande convizione da parte degli spagnoli, l’Italia cercava di servire Toni, ben controllato dal capitano degli iberici Puyol. Al minuto 19′ la prima conclusione in porta per gli azzurri con il colpo di testa, centrale, di Perrotta su cross di Ambrosini. Un minuto dopo Villa provava a sorprendere Buffon con un tiraccio dalla distanza ma la palla terminava alta sopra la traversa. Al 25′ bravo Buffon a bloccare un pericoloso calcio di punizione di Villa, altrettanto Chiellini a chiudere un minuto dopo l’incursione di Torres. Al 32′ Silva da buona posizione calciava sul primo palo ma Buffon non si faceva sorprendere. Ancora Italia al 37′ con Cassano che dalla sinistra crossava per la deviaizone di testa di Toni deviata da uno spagnolo. La Spagna rispondeva dopo pochi secondo con Silva il cui tiro a girare terminava di poco a lato. Al 41′ fallo di Grosso su Villa al limite dell’area ma Fandel lasciava correre nonostante le proteste degli spagnoli che pero’ chiedevano addirittura il penalty. Al 45′ scambio veloce Villa-Iniesta con conclusione di quest’ultimo a lato. Nella ripresa, con identici schieramenti, Spagna pericolosa al 4′: un rimpallo in area azzurra favoriva Silva ma Chiellini era bravo e sventare la minaccia. Al 6′ Cassano sulla sinistra serviva perfettamente Ambrosini ma il centrocampista rossonero non seguiva l’azione. Donadoni toglieva Perrotta ed inseriva Camoranesi; Aragones rispondeva con due nuove pedine: Cazorla e Fabregas. Azzurri vicini al gol al 16′: batti e ribatti in area (bravo Toni in elevazione) e conclusione ravvicinata di Camoranesi respinta dal portiere iberico. Al 20′ tiro debole di Aquilani senza alcun brivido per Casillas. Al 25′ Zambrotta per Toni ma la deviazione di testa era alta. Il ct azzurro inseriva Di Natale (fuori Cassano) ed al 35′ Buffon respingeva a pugni chiusi una punizione di Senna. Un minuto dopo ancora Buffon (complicita’ del palo) negava la rete agli spagnoli bloccando in due tempi il bolide dello stesso Senna. Squadre ai supplementari: al 3′ azione veloce degli spagnoli e conclusione di Silva di poco fuori. Al 5′ cross di Grosso per Toni ma Marchena s’inseriva nella traiettoria; un minuto dopo splendido colpo di testa di Di Natale e miracoloso Casillas a negare la rete. Si arrivava ai rigori ma De Rossi e Di Natale fallivano facendosi parare i tiri dal dischetto da Casillas. Azzurri fuori, "furie rosse" in semifinale.
Fonte: Agi



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here