Anche con la Juve il Napoli dimostra di essere squadra di spessore

8
21

pagelle

 

Le pagelle di Napolisoccer.NET: Juventus-Napoli 2-2

 

 

De Sanctis: ottime parate, ancora una volta dimostra di essere uno dei migliori portieri italiani. 7

Santacroce: mette la museruola a Del Piero che innervosito lo scalcia per ben due volte palesemente frustrato. Protagonista assoluto in difesa, mette in mostra tempismo, attenzione e convinzione. 7

Cribari: gioca una buona gara, riesce a tamponare nelle situazioni pericolose. Si lascia sopraffare in occasione del primo gol. 6+

Ruiz: dei tre è quello che convince meno, qualche errore in fase di possesso ed un rinvio sbilenco (da cui nasce l'angolo del primo gol) offuscano leggermente una prestazione comunque positiva. 6-

Maggio: chiude la stagione con un gol e con una prestazione da incorniciare. Corre (ancora) come un matto dimostrando la sua straripanza fisica a dispetto degli avversari. 7,5

Gargano: presente e concentrato non sbaglia un pallone in fase d'appoggio. Con la sua velocità e le sue capacità di recupero mantiene la squadra compatta anche nelle situazioni più difficili. 6,5

Maiello: debutta ma sembra un veterano. Ottima prestazione del giovane azzurro, che mette in mostra le sue indubbie qualità. 6,5

Zuniga: e che partita. Gli avversari dalle sue parti non lo vedevano neanche. Il colombiano a seminato chiunque cercasse di frapporsi tra lui e la porta. Concreto ed incisivo, così vorremmo vederlo sempre. 7,5

Sosa: parte bene, serve anche uno splendido assist a Maggio, ma poi – forse poco abituato ai ritmi partita – cala fisicamente. 6+

Mascara: nella mente resta un suo tentativo che ha messo in forte imbarazzo Buffon, ma anche lui è stato uno dei protagonisti di questa partita. 6,5

Lucarelli: la squadra si "adegua" alla sua presenza e lui combatte su tutte le palle alte. Aveva tanta voglia di metterla dentro con la maglia azzurra e la sua tenacia è stata premiata. Da ricordare anche la traversa su deviazione miracolosa di Buffon. 6,5
 

SOSTITUZIONI

Lavezzi: il suo ingresso aumenta la velocità della manovra offensiva. Cera il gol ma purtroppo Buffon ci mette la manona. 6,5

Hamsik: si posiziona a centrocampo e detta i tempi del gioco azzurro dimostrando la sua duttilità tattica. 6+

Aronica: SV
 

Allenatore, Mazzarri: il Napoli doveva essere appagato ed i giocatori schierati in campo sarebbero le seconde linee. Ebbene, ancora una volta cambiano gli interpreti ma la musica è sempre la stessa. Tutti i giocatori in campo hanno dimostrato di essere pienamenti inseriti negli schemi e nella mentalità dell'allenatore. 7
 

Giovanni D'Oriano – Napolisoccer.NET

 

8 Commenti

  1. Grande partita, pur senza obbiettivi!!!.. Ero allo stadio e ho visto un grande Napoli, uno strepitoso Santacroce, uno straripante Maggio ed un bravissimo Zuniga!!!.. Ieri anche Gargano mi è piaciuto molto e poi occhio a Maiello, perchè il ragazzo non è niente male ed aiutiamolo a crescere… Se avessimo giocato con Pocho e Marekiaro dall’inizio forse l’avremmo anche vinta e stravinta!!!.. Ma va bene anche così, meritate tutti un grosso grazie ed ora programmiamo la prossima stagione per viverla da protagonisti!!!.. Buone vacanze e sempre forza Napoli!!!

  2. Un po’ di critica costruttiva, a volte, non guasterebbe. De Sanctis avrà pure fatto ottime parate, ma è rimasto immobile sulla punizione di Del Piero nonchè su molte palle che arrivavano nell’area piccola, confermando la sua cronica incapacità a uscire e la tendenza a restare sulla linea, secondo me perchè non ha un gran colpo di reni come dimostrato in modo lampante a Bucarest. Riguardatevi il 1° gol della Juve e poi ne riparliamo, anche se la responsabilità è cmq condivisa con Santacroce (“tempismo, attenzione e convinzione” erano in vacanza come spessissimo gli accade sui calci piazzati, anche perchè è troppo leggero). Tornando a De Sanctis, sulle palle alte non solo resta quasi sempre sulla linea dando l’intero specchio agli avversari, ma il suo primo riflesso quando un avversario colpisce di testa è entrare in porta (l’ha fatto anche ieri in altra occasione). E’ un portiere fortissimo sulle uscite basse e tra i pali (non sui tiri alti a angolati), ma in prospettiva Champions o blindiamo la difesa con gente del calibro di Vidic (dico per dire) o non avremo la stessa fortuna di quest’anno, perchè in ogni partita ci sono state almeno un paio di palle che arrivavano se non rimbalzavano nell’aerea piccola con lui immobile sulla linea e personalmente ho tremato su tutti i corner avversari.

LASCIA UN COMMENTO