Juventus – Napoli: la sfida infinita

0
45

Ai fini della classifica la partita di domenica sera vale meno di niente o quasi, per la tradizione il discorso è diverso. La sfida tra i bianconeri e gli azzurri ha da sempre acceso gli animi di squadre e tifosi e, la questione Mazzarri, non ha fatto altro che aggiungere un poco di pepe al match. Juve – Napoli non sarà mai una partita come le altre. Basti ricordare la partita del campionato 1974/1975, con il Napoli secondo a due punti dai torinesi sconfitto per 2 -1 da un gol di Josè Altafini nei minuti finali e, la vittoria del Napoli per 3 -1 alla nona giornata della stagione del primo scudetto (1986/1987), con reti di Laudrup (J), Ferrario, Giordano e Volpecina (N). Come non ricordare anche la splendida rimonta del 31 ottobre 2009, con la squadra di Torino in vantaggio per 2 – 0 raggiunta dai gol di Hamsik e Datolo e superata poi, a otto minuti dalla fine dalla seconda rete dello slovacco.
Certo, la Juve di oggi, dopo la retrocessione in B del 2005/2006 per illeciti sportivi non è quella di un tempo, ma resta la squadra da battere. Privo di Cavani squalificato e in vacanza anticipata in vista della Coppa America (in Argentina dal 1° al 24 luglio 2011), il Napoli si presenterà a Torino senza assilli di classifica, ma voglioso di ben figurare per migliorare lo score non proprio esaltante delle ultime giornate. La Juventus, da parte sua, farà di tutto per vincere e conquistare l’ultimo posto disponibile per l’Europa League, nella speranza abbastanza utopistica che la Sampdoria batti la Roma all’Olimpico. Anno di serie B a parte, dal campionato 1990/1991 la Juventus non esce dalle coppe europee.
Curiosamente, Delneri e Mazzarri come l’anno scorso, si sfideranno all’ultima di campionato e vorranno finire la stagione in bellezza. Con queste premesse sarà comunque una partita interessante dal sapore antico.

Antonio Catapano – Napolisoccer.NET

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here