Con l’Inter tutto esaurito e Mazzarri rischia la contestazione

9
94

Si vota pure al San Paolo, domenica sera. Partecipazione record per la supersfida contro l’Inter (20.45), da cui il Napoli si aspetta il passaporto diretto per la Champions League. Neanche un posto libero, a Fuorigrotta. Ieri pomeriggio, con quattro giorni e mezzo d’anticipo, il sito internet del club azzurro ha annunciato il tutto esaurito. L’ennesimo della stagione. Saranno in 60 mila: altro che astensionismo. Nessuno vuole perdersi la gara che vale un intero campionato e minaccia anche di trasformarsi in un referendum: pro o contro Walter Mazzarri. Stadio spaccato e risultato incerto, secondo gli exit poll. Ma in ogni caso non si andrà al ballottaggio. È adesso che si decide il destino dell’allenatore, irreprensibile sul campo e meno avveduto fuori. I risultati, per ora, sono tutti dalla sua parte. Manca solo un punto per tagliare lo storico traguardo, che spazzerebbe via un bel poco di veleni e soprattutto la suicida campagna elettorale del tecnico livornese, alla apparenza mirata a conquistare il consenso della Juve. Più di quello dei napoletani.
Infatti i tifosi ci sono rimasti male. Il tam tam su internet, che è iniziato dopo la sconfitta di Lecce, non lascia presagire una bella accoglienza, per Mazzarri. Il partito del “contro” lo accusa di alto tradimento, ma non è detto che abbia la maggioranza assoluta al San Paolo. Molto dipenderà dal risultato di domenica sera contro l’Inter, che potrebbe infoltire il partito del “pro” e far prevalere la riconoscenza. La Champions non cancellerebbe l’amarezza per il brusco voltafaccia del tecnico, ma sarebbe un bel regalo d’addio.
A Castel Volturno, ieri pomeriggio, un tifoso ha avvicinato con garbo Mazzarri e gli ha chiesto se davvero lascerà il Napoli per la Juve. «Le altre squadre non c’entrano…», gli ha risposto il tecnico con altrettanta cortesia, lasciando intendere che il suo problema è solamente con De Laurentiis, non con la città. Ma questo non è il momento per sviscerare le cause dell’eventuale addio. Adesso è l’ora del referendum. Parola e voto ai 60 mila del San Paolo: pro o contro l’allenatore di due anni di successi, offuscati sul più bello.
Prima di tutto viene la Champions, però. E dunque si può pure immaginare uno scenario differente: 90’ di gran tifo per il Napoli, senza veleni. E poi, soltanto a traguardo raggiunto, il referendum su Mazzarri. Che domenica notte, salvo ripensamenti, dirà addio al San Paolo. Ma ha il dovere di farlo da vincitore.

Redazione NapoliSoccer.Net – fonte: Repubblica
 



9 Commenti

  1. nessuna contestazione speriamo di fare il punticino che ci serve poi se vuole andare vada. come sostituto mi piace gasperini non stravolgerebbe la squadra gioca a tre dietro ma quando serve passa al 4 3 3

  2. Comunque vada, via Mazzarri.
    Non si è dimostrato un uomo d’onore. Certi discorsi si fanno attorno ad un tavolo a campionato concluso.
    A causa del suo comportamento, ci siamo giocato non dico lo scudetto, ma un finale ALTOSONANTE ad un solo punto dal Milan.

  3. esatto, proprio cosi, qualunque sia il motivo, domenica sera festeggiamo la grande stagione del napoli, emozionante stupenda e con partite davvero da ricordare. poi, quando gli attori di questa squallida commedia, si deciderannoa dire la verità, evremo la possibilità di manifestare il nostro disappunto, ma facciamolo in modo civile, magari passionale ma civile. se mazzarri come penso ha manifestato tutte le sue incertezze, convinto che il salto di qualità del napoli e legato ancora una volta a chiacchere e tempi lunghi, che nel calcio non portano a niente, non potremo fare altro che ringraziarlo, in caso contrario, cioè se il presidente è pronto a dare un volto da primato a questa squadra, e lo stesso mazzarri intende andare via, beh e chiaro che si è comportato male molto male e merita il nostro totale disinteresse. ma domenica sera mostriamo all’italia il volto sportivo di questa città bellissima e poco fortunata unica nel mondo da amare e sopportare, tifosi del napoli si nasce non si diventa

  4. un uomo del genere è inaffidabile, ha decisamente gestito male la situazione, comunque vada preferirei andasse via.
    “prim l’omm e pò lallenatore”.
    forza Napoli!!!!!!!!!!!!!!

  5. in ogni caso nessuna contestazione!! solo lunghi applausi ad una squadra e società che quest’anno ci ha regalato grandi emozioni.
    mamm ro carmn e comm agg pariat chist’ann!!! grazie ragazzi! grazie mazzarri!
    e poi vorrei dire, vuless vedè a vuj che ogni settimana i giornalisti del biiip rompono i cogl…. mentre lui cerca di fare il suo lavoro.infondo non ha mai detto di voler andare via, ne di restare…..hanno montato il caso i giornalisti, e poi la situazione e un po degenerata, ma vedree che tutto andra bene ed il prossimo anno………je già a sent a musichett…….

  6. Dobbiamo dire:grazie mazzarri per quello che ci hai regalato in questo periodo,, però hai trovato sponda su un popolo che voleva riscatto morale e ti ha caricato a fare sempre meglio.<ora ti auguro per il tuo prossimo futuro tanto calore ed affetto come quello che stai per lasciare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here