Dario Canovi (procur.): “Mazzarri non ha nessun accordo con altre società”.

0
70

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Dario Canovi, procuratore sportivo, ecco quanto raccolto da NapoliSoccer.Net:
“In termini di mercato partecipare alla Champions significa una maggiore disponibilità economica, da punto di vista dell’immagine, per il Napoli sarà un grande evento e nessuno come il Napoli si merita di partecipare a questa grande competizione. Credo che quest’anno la squadra azzurra abbia fatto un grande miracolo grazie a Mazzarri e ai suoi giocatori perché nessuno poteva prevedere ad inizio stagione un Napoli candidato allo scudetto. Penso che l’interpretazione che è stata data ai discorsi di Mazzarri non sia completa perché penso che l’allenatore si è espresso in termini non esatti, ma che il suo in fondo era un desiderio di avere una squadra con una rosa competitiva. Credo che il Napoli abbia bisogno almeno di due o tre calciatori per partecipare alla Champions League. Nel calcio non c’è nulla che non possa essere ricucito. Di fondo tra Mazzarri e De Laurentiis credo ci sia stata una mancanza di comunicazione. Credo che il grande timore di Mazzarri sia quello di non avere i mezzi per ripetere il campionato di quest’anno. Il Napoli inoltre quest’anno ha potuto anche giovarsi di due squadre come Juve e Roma che non hanno reso in base alle loro potenzialità. Se ho parlato con Mazzarri? Sono io che non ho voluto parlare con lui perché ritengo che non sia giusto intervenire su certe vicende quando non si è parte di esse. Ho parlato una settimana fa con Walter, ma solo di questioni familiari. Di una cosa sono certo, del fatto che Mazzarri non abbia nessun accordo con altre società”.

Redazione NapoliSoccer.Net
 

Condividi
Articolo precedenteLavezzi: “Domenica vogliamo la Champions”
Prossimo articoloGrava: “Voglio il Pocho biondo e in minigonna”
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here