Walter o non Walter questo è il problema.

3
97

idee-partenopee01Il Napoli versione "vacanza" offre ancora una volta in stagione una delle peggiori prestazioni in campo. Sembra di rivedere il Napoli di Milano, Verona, Udine, Palermo. Manca il mordente. La motivazione. Giá ció su cui il nostro Walter ha lavorato di più in questi 2 anni. Quella famosa "anima" ed unione di intenti che ha riportato Napoli a far sognare la sua città. Quell'alchimia che ha spinto un forte organico attrezzato a migliorare il sesto posto a fare un salto pindarico verso le prime 3 della classe facendogli addirittura annusare da molto vicino le emozioni del tricolore. Un finale certamente non scontato. Nel campionato delle cose imprevedibili, anche l'epilogo potrebbe sorprendere tutti. A Lecce si sono avute conferme di una diplomatica rottura tra presidente e allenatore: lo sfogo di Mr.Aurelio che dichiara un fallimento l'eventuale quarto posto suona come una sirena forte di allarme nei confronti del toscano, che spesso s'è specchiato forse più del dovuto nei suoi risultati. De Laurentiis ha sempre detto che dal quinto posto in poi sarebbe stato un ottimo campionato in linea con la crescita del progetto. Ma adesso quel quarto posto a due gare dalla fine è un fallimento : chiarissimo l'appello fatta al tecnico e ai calciatori che non di sentano paghi di quello che hanno fatto, visto che manca un punto da un obiettivo che cambia radicalmente la pianificazione della prossima stagione. Walter o non Walter, questo è il problema. Si sta rischiando di sottovalutare il campionato e il grande obiettivo per la spasmodica voglia di sapere se il prossimo anno il tecnico di San Vincenzo ruggirá ancora sulla panchina azzurra. Cito di nuovo il grande striscione delle curve esposto sabato scorso in occasione di Napoli Genoa, che ha palesato una grandissima maturitá del pubblico partenopeo: " chi vuol andare vada", resti a Napoli chi ama la maglia e la città, chi con amore vuol prodigarsi per migliorarla. In cambio c'è la passione smisurata. Di un pubblico tra i più appassionati ed oggi anche più maturi d'Italia! Vi aspetto, per parlarne, come di consueto ogni pomeriggio su Radio Crc dalle 18 alle 20 con Zona Mista, e mercoledì sera su Telecapri Sport con Napoli Calcio Show dalle 20.55 alle 22.25. Un saluto azzurro a tutti gli amici che hanno nel cuore il Napoli e nella mente, idee partenopee

Bruno Gaipa

 



3 Commenti

  1. ed e proprio leggendo quest’articolo che la rabbia e la tristezza lottano per il primato, le vittorie il consolidamento tra le società che contano, passano attraverso progetti e continuità, una probabile separazione tra tecnico e società non certamente positiva, spero che i motivi siano all’interno, cioè sulle scelte tecnche e prospettiche, magari si possono ricomporre, ci si può ritrovare in nome di quella continuità a cui facevo accenno. ma se proprio le strade si devono separare, io spero che de laurentis dia prova che le responsabilità non sono sue, che manterrà ciò che va dicendo da tempo, allestendo una squadra che puo confermarsi in campionato e che faccia una bella figura in champions, il sogno e il superamento del girone, ma anche un bel calcio e qualche pensierino alle grandi sarebbe motivo di soddisfazione. l’investimento quindi e necessario, almeno tre titolari (centrocampo nuovo) e un paio di calciatori che possono essere inseriti nella squadra senza abbassarne le potezialità, e magari senza mazzarri un allenatore esperto improvvissare la champions ecollocarsi tra le prime in italia tutto in pochi mesi necessitano di esperienza

  2. scomodare il poeta inglese x un simile walter mi sembra offensivo….x il poeta! addossargli delle colpe è improponibile x i risultati ottenuti: siamo in champions direttamente (quasi) , ma negargli di sedere ancora sulla panca del Napoli visto il suo recente comportamento è certamente plausibile se non estremamente giusto x il sottoscritto .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here