De Sanctis: “Mazzarri resta. Bello sfidare Rooney”

5
21

DeSanctis02Oggi è toccato a Morgan De Sanctis tenere la consueta conferenza stampa a Castel Volturno. Le sue parole assumono subito toni categorici: “Anche se è matematico il quarto posto, a noi interessa la qualificazione diretta e mancano ancora due punti, bisogna assolutamente evitare le insidie dei preliminari perchè è ancora viva nei ricordi l’eliminazione della Samp ad orera del Werder Brema, per cui dobbiamo provare a chiudere il discorso già domenica prossima. Quest’anno è stata una stagione incredibile, siamo davanti a Roma e Juventus che spendono molto più di noi ed a rose di tutto rispetto come Genoa, Fiorentina e Palermo molto attrezzate. Noi abbiamo ancora un notevole margine di miglioramento anche se per competere a certi livelli bisogna strutturare una rosa che possa far bene in più competizioni ed il nostro obiettivo è portare in alto il nome della città non vogliamo fare soltanto un’apparizione in Champions e queste cose le valuteranno la società e l’allenatore. Io sono fiducioso perchè la società ha operato bene, tra entrate economiche e un monte ingaggi molto basso ci sono buoni margini di manovra e il presidente può tenere i giocatori più forti e comprarne altri.”
Su Mazzarri il portiere azzurro è convinto rimarrà, sia perché lo stesso presidente lo ha più volte confermato sia perché è la sua sensazione, colta dai rapporti che l’allenatore ha attualmente con il gruppo e da come si comporta in settimana negli allenamenti: "Il nostro presidente ha detto che resterà a lungo ed anche io ho questa sensazione, così come quella che la squadra sarà rinforzata. Intanto io ho l privilegio di godermi Mazzarri sul campo tutti i giorni, sempre concentrato al massimo e le voci che girano non hanno mai modificato minimamente il modo di preparare il gruppo. Anche Bigon è convinto che resterà qui. Certamente non mi sento uno sprovveduto, leggo e sento ciò che ci riguarda ma si corre il rischio di offuscare quanto di bello fatto fin ora, un rammarico che ridimensiona la gioia per i traguardi raggiunti, ma questo ovviamente riguarda solo l’ambiente. E poi quando è andato via Quagliarella è arrivato Cavani, quindi non sono preoccupato di niente, siamo tutti tranquilli e concentrati sull’obiettivo e festeggeremo anche noi al momento opportuno”.
Con l’occhio puntato alle coppe Morgan De Sanctis non nasconde che vorrebbe vincere un trofeo col Napoli, magari la Coppa Italia ed è rammaricato per come siano andate le cose quest’anno: eliminati ai rigori con l’Inter. Ma la qualificazione in Champions cancella ogni ombra: “Chi vorrei affrontare? Saremo quasi sicuramente una squadra di quarta fascia e ci toccheranno subito delle grandi avversarie. Mi piacerebbe giocare contro il Manchester United, di Rooney facendo bella figura. E’ comunque una soddisfazione aver regalato ai tifosi la gioia di poter raggiungere gli stadi più prestigiosi d’Europa. Il mio futuro? Ho 34 anni e altri due anni di contratto, conosco bene certi meccanismi per per cui non posso promettere di chiudere la carriera a Napoli, ma finché sarò qui mi comporterò da serio professionista.”

Redazione NapoliSoccer.Net


 

Condividi
Articolo precedenteGiacomazzi (Lecce): “La forza del Napoli è il gruppo. A noi serve una vittoria”
Prossimo articoloMazzarri: Juve o Roma?
Giornalista e Vice Direttore di Napolisoccer.NET . Tifoso del Napoli, coniugo l'amore e la passione per gli azzurri alla deontologia propria del lavoro di giornalista. Il piacere di raccontare le vicende azzurre, con i suoi risvolti sociologici, con criticità e romanticismo quando ci vuole. Pratico la libertà d'informazione senza condizionamenti.

5 Commenti

LASCIA UN COMMENTO