Giovanni Francini: “Messi e Maradona? Diego sapeva già cosa fare, prima che gli arrivasse la palla”

0
178

Giovanni Francini, ex difensore di Napoli e Genoa, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di “Amore… Azzurro”, programma sportivo in onda ogni mercoledì e sabato su Radio Amore, ecco i passaggi salienti dell'intervista così come raccolta da NapoliSoccer.Net:
Cosa sta succedendo al Napoli?
Gli azzurri, pur non avendo giocato benissimo, contro l’Udinese non avrebbero meritato di perdere. Probabilmente, a Palermo, i partenopei hanno subito il contraccolpo psicologico derivante dalla sconfitta interna con i friulani. Oltretutto, molti giocatori sono stati impiegati quasi sempre. Forse, qualcosa si poteva cambiare ogni tanto, ma se Mazzarri non l’ha fatto, sicuramente, avrà avuto i suoi buoni motivi. Tuttavia, era legittimo attendersi un calo della condizione atletica, perché non era pensabile mantenere lo stesso ritmo per tutta la stagione.
Napoli-Genoa?
Premesso che tutte le gare vanno giocate, credo che ci siano tutti i presupposti affinché gli azzurri possano battere i liguri. Nel Genoa, infatti, mancheranno 3-4 giocatori abbastanza importanti per lo scacchiere degli uomini di Ballardini. Il Napoli, deve trovare a tutti i costi la vittoria per non fare avvicinare le dirette inseguitrici e compromettere lo straordinario campionato fin qui disputato.
Il futuro di Cavani e Mazzarri?
Fossi in Cavani e Mazzarri, non lascerei Napoli. Dovrebbero pensarci bene prima di cambiare società, perché Napoli è una piazza importante. Le ambizioni di Mazzarri sono legittime, ma in questo momento la Juve non mi sembra superiore al Napoli.
Messi e Maradona?
Non credo si possa fare un paragone. Personalmente, credo che Diego sia stato il numero uno. Il fuoriclasse blaugrana, contro il Real ha siglato due reti eccezionali, ma nel primo tempo non si è quasi mai visto. Diego era un vero leader dentro e fuori dal campo. Messi non mi sembra che sia un trascinatore. Oltretutto, Maradona sapeva già cosa fare prima che gli arrivasse la palla. Personalmente, ho avuto la fortuna di vedergli fare delle cose straordinarie anche in allenamento.
Fernandez?
Personalmente, lo conosco poco. Pur avendo visto qualche sua partita, non posso esprimere un giudizio esaustivo. In ogni caso, bisogna fidarsi di questa società perché negli ultimi anni mi sembra che abbia acquistato molti giovani interessanti.
Come rinforzare questo Napoli?
Credo che bastino due o tre innesti mirati per completare un organico già molto competitivo. Certo, se qualcuno dovesse andare via, allora sarebbe diverso. Tuttavia, sono convinto che ciò non accadrà ed alla fine anche Mazzarri deciderà di restare alla guida del Napoli”.

Redazione NapoliSoccer.Net (foto tratta da internet)



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here