Mazzarri: “Ora è il momento di tirare fuori gli attributi”

2
20

Mazzarri03Il tecnico del Napoli Walter Mazzarri intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match con il Genoa ha rilasciato alcune dichiarazioni. Ecco quanto raccolto dall'agenzia di stampa Adnkronos: "E' il momento di tirare fuori gli attributi per superare questo difficile ostacolo". 
"Col Genoa la partita della svolta? No, perche' poi restano ancora tre partite fondamentali da fare. Ci aspettano quattro finalissime".
Sul rapporto con il presidente De Laurentiis il tecnico assicura "e' uguale al primo giorno, ad oggi non e' cambiato niente".
"Non e' il momento di parlare di futuro, pensiamo solo al Genoa e a portare il piu' in alto possibile i colori del Napoli. Ogni considerazione a tempo debito. Conti e bilanci si fanno alla fine. I complimenti fanno piacere ma questo mondo non mi incanta piu'. Nel calcio, come dice un maestro come Trapattoni, non dire gatto se non ce l'hai nel sacco. Questo concetto lo porto avanti sempre". 
"Per assurdo nella mia testa non mi pongo limiti. Ci sono quattro finalissime e cerco ancora di portare la mia macchina al massimo, sempre a tavoletta. Il campionato non e' ancora finito, a 6 giornate dalla fine eravamo a tre punti dal Milan e ora abbiamo visto dove siamo. Io non parlo mai finche' il campionato non si e' chiuso. Poi a bocce ferme, visto che la matematica non e' un'opinione, possiamo vedere chi ha fatto meglio".
Per la partita di domani sera con il Genoa Mazzarri dice: "Confido nell'aiuto del pubblico per cercare di far nostra questa partita che sara' difficilissima".
"Lavezzi? Giocatori importanti come lui fanno comodo, ma anche senza di lui abbiamo fatto grandi gare. E' la squadra, come si comporta, che fa la differenza. Se la squadra va oltre i propri limiti, come fatto quasi sempre in questo campionato, puo' battere chiunque, altrimenti rischiamo di perdere con tutti".
"Complimenti a Preziosi che ha allestito una squadra importante. All'inizio pensavo fosse una nostra diretta concorrente. Quindi domani dovremo metterci grande attenzione".
Sulla visita di De Laurentiis in settimana a Castelvolturno il tecnico commenta: "Ci ha fatto piacere, abbiamo ascoltato le parole del presidente e credo siano state opportune in questo momento"
"Non c'e' mai stato nessun black-out mentale. E' un momento che ci gira male, per questo la partita di domani e' importantissima. Portiamo gli episodi dalla nostra parte e poi giochiamoci altre tre finali".
"Con Udinese e Palermo abbiamo sbagliato qualcosa, ora abbiamo corretto gli errori. Quelle due partite ci devono servire da esempio e capire che l'avversario va rispettato. Il Genoa viene da due vittorie consecutive e ha segnato una caterva di gol. Non e' un giocatore o due che fa la differenza, ma e' la squadra. Dobbiamo fare la partita piu' perfetta possibile sperando che stavolta gli episodi ci diano ragione".
"Lo scudetto? Ma noi non abbiamo mai guardato alla classifica – riporta ancora l'Adnkronos – abbiamo pensato a crescere cercando di interpretare le partite al meglio e questo lo faremo fino all'ultimo minuto dell'ultima giornata".
"Questo gruppo fino a quest'anno non era abituato a lottare per i primissimi posti in classifica. Abbiamo abituato un po' tutti allo straordinario e quando non viene sgraniamo gli occhi. Leggendo certe cose mi viene da pensare che per alcuni, senza scudetto, il campionato del Napoli sia stato fallimentare. Dipende se si vuole vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. L'allenatore va valutato al di la' dell'episodio e invece il risultato condiziona il vostro giudizio: chi fa calcio sa che non e' cosi'"

Redazione NapoliSoccer.NET

2 COMMENTS

  1. mazzarri vattene nn ci servi più!!!! vattene alla rubentus cosi’ sarà ancora più bello vincere a torino l’anno prossimo!!!!! sei un mercenario come quaquarella…

LEAVE A REPLY