Napoli e Business: past, present and future (parte 2)

0
30

Il calcio rappresenta uno degli sport più praticati a livello mondiale ed è fonte di passione per centinaia di milioni di tifosi in tutto il mondo. Per questo motivo Napolisoccer.NET, grazie alla collaborazione dell’esperto consulente aziendale, Nello De Rosa, ha deciso di affrontare le tematiche economico-finanziarie riguardanti la società azzurra.
Dopo aver esaminato "Come nasce e si sviluppa il progetto Napoli" (leggi l’articolo), l’esperto Nello De Rosa ha analizzato l’attuale situazione economica del Napoli, le implicazioni manageriali dei primi due anni di serie A e le problematiche che sono state affrontate dalla società.
Gli argomenti trattati saranno tema di approfondimento nel FORUM di Napolisoccer.NET, dove i lettori potranno interagire dinamicamente con Nello De Rosa, ponendo ulteriori quesiti e chiedendo eventuali approfondimenti.

Napoli e Business: past, present and future (parte 2)

2) Qual è l’attuale situazione economica del Napoli?
Il primo anno di serie A è sempre particolarmente complesso per una matricola ed il Napoli, per prevenire possibili rischi di retrocessione, effettua una campagna acquisti poderosa.
Nel bilancio chiuso il 30/06/2008 il totale degli investimenti ammonta a circa 53.000.000 di euro, che permettono un buon piazzamento in classifica e la qualificazione alla coppa Intertoto (poi vinta) con la partecipazione alla Coppa Uefa. La risalita nella massima categoria porta ad un notevole incremento dei Ricavi, che meritano un breve approfondimento. I ricavi dalle vendite (biglietti, abbonamenti e la percentuale sulle trasferte) sfiora i 15 milioni di euro (quasi raddoppiata rispetto all’anno precedente), ma è la voce Altri ricavi e proventi che comprende la maggior parte dei ricavi.
Proventi radio televisivi (43.152.090 euro), Sponsorizzazioni (18.567.333 euro) Diritti d’immagine (6.250.000 euro) e altre voci di ricavo più frammentate, che portano però il totale dei ricavi del Napoli a 88.428.490 euro. In virtù di questi ingenti ricavi, nonostante l’acquisizione delle prestazioni di numerosi calciatori e la crescita degli stipendi dei tesserati (23.093.796 euro), il bilancio 2008 si chiude con un notevolissimo utile pre imposte (20.143.468 euro), che al netto della tassazione sugli utili porta ad una cifra pari a 11.911.041 euro. L’utile è stato completamente iscritto a riserva ed ha aumentato il Patrimonio Netto portandolo a 13.829.015 euro.
In questo esercizio c’è stato un notevole incremento dell’indebitamento totale (71,455,055), ma è migliorata la “qualità” del debito, poiché è stata azzerata l’esposizione verso le banche (quindi il Napoli non paga interessi passivi per i suoi debiti) e sono aumentanti, in percentuale, i debiti oltre l’esercizio. Riguardo al nuovo bilancio chiuso il 30/06/2009 non si hanno informazioni, in quanto il documento sarà disponibile nei primi mesi del 2010, ma, dalla relazione sulla gestione, si apprende che il Napoli, nella scorsa campagna acquisti ha ceduto prestazioni di calciatori per 12,8 ml ed ha acquistato compartecipazioni per 6,3 ml realizzando una plusvalenza pari a 10 milioni di euro. Si dovrebbe trattare, con ogni probabilità del denaro proveniente dalla cessione di Garics, Calaiò e Domizzi. Si apprende, inoltre, che sono stati acquistati “diritti pluriennali alle prestazioni di calciatori per 16,2 ml” (dovrebbe trattarsi di Rinaudo, Maggio e Aronica).
Tirando le somme della gestione economico-finanziaria del Napoli, bisogna riconoscere che il ritorno all’utile è stato piuttosto rapido, dopo soli due esercizi ed il totale del denaro effettivamente “bruciato” da De Laurentis nei primi due anni (poco più di 16 milioni di euro) è stato quasi totalmente recuperato grazie agli utili conseguiti negli ultimi due esercizi (più di 13 milioni). A questo sostanziale recupero dell’investimento va aggiunto il favorevole effetto fiscale ottenuto grazie all’adozione del bilancio consolidato ed ai, difficilmente quantificabili, benefici sul “core business” della Filmauro, pubblicitari e d’immagine.

a cura di Nello De Rosa

 

 

 

Prossimo argomento: A quali traguardi potrà ambire in futuro? Seguendo quali direttrici? (data pubblicazione: mercoledì 26 agosto 2009)

Precedente argomento: Come nasce e si sviluppa il progetto Napoli (data pubblicazione: venerdì 21 agosto 2009 – leggi l’articolo) 

 

 

DIBATTITO FORUM: Napoli e Business: past, present and future

LASCIA UN COMMENTO