Game Over – Iacobelli: “Ora c’è bisogno di compattarsi per acquisire forza e maturità che alle grandi squadre non devono difettare”

7
71

gameoverNuovo appuntamento con "GAME OVER", la rubrica settimanale di approfondimento ed analisi sull'ultima gara di campionato (Napoli-Udinese), curata da mister Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET.
Il Napoli dopo la sconfitta di ieri sera si allontana dal Milan, dando praticamente l’addio a quello che stava diventando un obiettivo in cui tutti cominciavano a credere. La delusione è stata tanta ma ancora una volta i tifosi sono stati straordinari e, nonostante tutto, hanno letteralmente ricoperto la squadra di applausi. Una prova di maturazione da parte dei supporter azzurri. Dopo la sconfitta di ieri parlare ancora di scudetto sembra eccessivo. Anche se la matematica ancora non condanna il Napoli come sconfitto, è difficile essere ottimisti, sette punti (virtuali) da recuperare sono tanti a cinque giornate dalla fine.
La gara ieri, senza dubbio, è stata vinta dall'Udinese grazie all'acume tattica di Guidolin. Il tecnico friulano ha schierato una formazione ermetica, in cui la manovra del Napoli ha stentato a decollare in tutte le sue alternative. Maggio e Dossena, infatti, sono stati bloccati alla grande da Pasquale e Benatia. Aggiungendo poi un uomo in più a centrocampo (praticamente un centrocampo a 6), l’allenatore dei friulani ha bloccato sia i tentativi di impostare il gioco di Pazienza oltre che gli inserimenti di Hamsik e Lavezzi. Se poi aggiungiamo i meriti di Denis, ex dal dente avvelenato, e di Handanovic in versione Muraglia Cinese, la frittata è fatta. E questa volta nulla hanno potuto né la zona Mazzarri né il finale a quattro punte, che hanno consentito unicamente di accorciare le distanze. Di certo un pò di sfortuna c'è stata per gli azzurri, ma non possono non essere riconosciuti i meriti dei bianconeri e di mister Guidolin, basti pensare che mancavano i due giocatori più rappresentativi della compagine di Udine: Sanchez e Di Natale.
Adesso bisogna restare concentrati per chiudere il campionato al secondo posto o al massimo finire sul gradino più basso del podio, per poter entrare direttamente nell’Europa che conta. Portare Napoli e i suoi colori al a giocare contro campioni del calibro di Messi, Cristiano Ronaldo e Rooney è importante sia a livello mediatico che economico. Certo, forse i nostri giocatori non varranno i tre campioni citati, ma dalla nostra abbiamo un altro grande campione: il pubblico partenopeo. Un campione che tutti ci indiano ma che nessuno potrà mai comprare.
La prossima trasferta in terra siciliana (Palermo) potrebbe sorridere al Napoli: a Milano si gioca una sfida fra la terza e la quarta forza del campionato, Lazio e Inter. Ora c'è bisogno di compattarsi, partita dopo partita bisogna continuare a credere nelle proprie potenzialità per acquisire quella forza e quella maturità di cui le grandi squadre, o quelle che vogliono diventarlo,  non devono difettare.  
 

Agostino Iacobelli per Napolisoccer.NET 

Condividi
Articolo precedenteCrippa: “Il sogno scudetto è ormai svanito, resta un grande campionato”
Prossimo articoloGuidolin: l’uomo che ci riportava alla realtà
Giornalista sportivo, appassionato di calcio e, da sempre, tifoso del Napoli. Dal 2004 partecipo al progetto Napolisoccer.NET condividendone obiettivi e speranze, con l'unica finalità di fornire ai lettori un'informazione corretta e neutrale, scevra da pregiudizi e fuori da ogni logica di interesse. Napoletano convinto, nutro amore e passione incondizionata per "Terra mia", "Napul'è" e per la maglia azzurra.


7 Commenti

  1. per quanto riguarda i tifosi sono d accordo con iacobelli pero’ il casino la combinato MAZZARRI sia nella gestione tecnico tattica che nei commenti del dopo gara ”’ha affermato che il napoli meritava di vincere ””’ ma che partita ha visto

  2. Anche gli applausi, che senso avevano? “Avete perso lo scudetto, siete stati bravi lo stesso”? E chi l’ha detto che lo scudetto è perduto?! Ecco la solita mentalità perdente! Che Mazzarri ha dimostrato di avere quando ha detto che era segnato che dovevamo perdere con l’Udinese. Si combatte fino all’ultima partita! Imparare questa prima regola, altrimenti non si vince nulla! Nemmeno la qualificazione per la champions! Se abbiamo perduto lo scudetto, possiamo ancora perdere tutto arrivando al quinto posto! Quindi, che Mazzarri cambi mentalità! O se ne vada. De Laurentis queste cose le capisce.

  3. d accordissimo con alibabba su mazzarri pero’ non prendiamoci in giro x lo scudetto e se perdiamo anche la champion e da”” suicidio ”””ALLEGRI l ‘ha detto x lo scudetto

  4. Credo che la partita di domenica sera si poteva vincere solo se si riusciva ad andare in vantaggio, ho visto una squadra un pò sulle gambe, i nostri uomini di punta (Lavezzi e Cavani ) non erano in giornata. L’unico appunto che mi sento di fare a mister Mazzarri è quello di non aver avuto il coraggio di togliere Lavezzi all’inizio ripresa e mettere dentro Mascara (abbastanza in palla), per il resto la sconfitta ci ridimensiona facendoci tornare sulla terra. Ora bisogna stare uniti più che mai perchè il difficile arriva adesso, gestire le vittorie fino ad oggi è stato un compito abbastanza agevole, gestire una sconfitta a cinque giornate dal termine non lo sarà altrettanto. Per quanto riguarda il pubblico, grande nota di merito, applaudire la propria squadra dopo una sconfitta è un gesto nobile e di grande maturità, però anche qui ho un piccolo appunto da fare, forse sarà stata una mia impressione (da casa ci può stare) mi è sembrato, che soprattutto nel primo tempo, lo stadio era un “freddino”, non avete avuto anche voi la stessa sensazione??. Comunque sempre forza Napoli!!!!!!

  5. Non sono daccordo con il discorso che il merito vada all’acume tattico di guidolin e connessi demeriti di mazzarri (come erroneamente asserito da cuore azzurro, che un giorno sale sul carro dei vincitori e l’altro scende da solo). Mazzarri è un grande allenatore.
    Analizzando bene, l’udinese, anche difendendosi a mestiere, ha subito il gioco del napoli e noi le occasioni ne abbiamo avute tante per passare in vantaggio, purtroppo senza contretizzarle, come invece accadde con la lazio.
    E’ tutta qui la differenza.
    Forza Napoli.

  6. guarda forza napoli la cosa che mi da fastidio e’ l incoerenza delle dichiarazioni di mazzarr””””’i hai perso meritatamente elogi l udinese punto””””’no arbitri 5 palle gol le partite le vediamo ‘

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here